Giornata nazionale per le vittime del COVID

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giornata nazionale per le vittime del COVID
Nome originaleGiornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell'epidemia da coronavirus
Periodoannuale
Celebrata inItalia Italia
Oggetto della ricorrenzaVittime italiane della pandemia di COVID-19
Data d'istituzione17 marzo 2021
Giornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell'epidemia da coronavirus
StatoItalia Italia
ProponenteGiorgio Mulè
SchieramentoForza Italia
Date fondamentali
Promulgazione17 marzo 2021
A firma diGiorgio Mulè
Testo

La Giornata nazionale in memoria di tutte le vittime dell'epidemia da coronavirus è una giornata nazionale italiana che si celebra ogni 18 marzo.[1]

Il testo di legge riporta l'indicazione di momenti commemorativi di diversa natura quali un minuto di silenzio nazionale, una programmazione speciale della Rai o iniziative didattiche nelle scuole.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È stata istituita dalla Camera dei deputati il 23 luglio 2020 e dal senato il 17 marzo 2021.

La data scelta è stata identificata nello stesso giorno del 2020 in cui i mezzi pesanti dell'Esercito Italiano contribuirono alla rimozione delle centinaia di bare depositate presso il Cimitero monumentale di Bergamo, la cui colonna di mezzi suscitò molta impressione nell'opinione pubblica in piena prima ondata del coronavirus.[3][1]

Nel 2021, in occasione del primo anniversario, il presidente del Consiglio Mario Draghi ha presenziato a Bergamo ad una piccola cerimonia nel paro della Trucca, di fronte all'Ospedale Papa Giovanni XXIII, dove sono stati piantati dei tigli in ricordo delle vittime del virus.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]