Giornata europea del Numero di emergenza unico europeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aeroporto di Stoccarda: bambine e bambini della scuole di musica di Leinfelden-Echterdingen, Schönbuch e Stoccarda suonano l'Inno europeo in occasione della Giornata europea del 112, l'11 febbraio 2014.
Edelgard Huber von Gersdorff, 112 anni, patrona onoraria della campagna "One Europe – one number!" che mira a incrementare la conoscenza del Numero di Emergenza Unico Europeo.

La Giornata europea del Numero di Emergenza Unico Europeo si festeggia l'11 febbraio di ogni anno in tutta l'Unione europea. È stata introdotta dall'Unione europea e vuole promuovere l'esistenza e l'uso appropriato del Numero di Emergenza Unico Europeo 112.

La chiamata d'emergenza europea[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Numero unico di emergenza 112.

Il Numero di Emergenza Unico Europeo 112 è stato introdotto nel 1991 allo scopo di rendere una comune chiamata di emergenza disponibile in ogni stato dell'Unione europea.[1] In alcuni paesi europei restano comunque attivi altri numeri di emergenza nazionali.

A partire dal dicembre 2008, i servizi di chiamata d'emergenza possono essere raggiunti gratuitamente da tutte le reti fisse e mobili all'interno dell'Europa digitando il numero pubblico 112.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Parlamento europeo, il Consiglio dell'Unione europea e la Commissione europea hanno firmato nel 2009 una convenzione tripartita per introdurre la Giornata europea del 112, al fine di incrementare la conoscenza del servizio e la consapevolezza degli innumerevoli vantaggi che derivano dall'avere un numero di emergenza europeo. Come giorno è stato scelto l'11 febbraio, dal momento che la data include il numero telefonico (11/2).[2]

L'idea di dedicare un giorno speciale alla chiamata di emergenza è stato inizialmente discusso dal Parlamento europeo nel 2007 nell'ambito della preparazione della Dichiarazione del Parlamento europeo sul numero di emergenza europeo 112.[3]

In generale, la necessità di aumentare il livello della conoscenza del Numero di Emergenza Unico Europeo è stata confermata dal Flash 228 dell'Eurobarometro Flash del febbraio 2008: soltanto il 22% dei soggetti interpellati nella media europea era a conoscenza del fatto che il numero telefonico di emergenza 112 fosse valido e disponibile in tutta l'Unione europea.[4] Questa necessità è stata ulteriormente confermata nel 2009 (media europea del 24%)[5] e nel 2010 (media europea del 25%).[6]

Celebrazione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno vengono organizzate in tutta Europa moltissime attività per celebrare la Giornata europea del 112. Alcune su iniziativa di politici e di governi, altre di servizi di soccorso, di vigili del fuoco e organizzazioni non governative (ONG).

Varie attività sono state organizzate in tutta Europa, come per esempio a Bruxelles dove nel 2016 il Manneken Pis è stato vestito con una divisa del 112,[7] o in Estonia dove si è tenuta una gara nella quale le famiglie e le scuole materne furono incoraggiate a scrivere 112 sulla neve e a condividerne le fotografie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ “Decisione del Consiglio, del 29 luglio 1991, relativa all'introduzione di un numero unico europeo di chiamata d'emergenza ", pubblicata dal Consiglio delle Comunità europee, 29 luglio 1991.
  2. ^ Dichiarazione tripartita comune che istituisce una "Giornata europea del 112", Comunicato stampa del Consiglio d'Europa, 10 febbraio 2009.
  3. ^ Dichiarazione del Parlamento europeo sul numero di emergenza europeo 112, Comunicato stampa del Parlamento europeo, 25 settembre 2007.
  4. ^ Flash Eurobarometro n. 228, The European Emergency Number 112, Sommario, 11 febbraio 2008, pag. 12.
  5. ^ Flash Eurobarometro n. 262, The European Emergency Number 112, Sommario, 11 febbraio 2009, pag. 11.
  6. ^ Flash Eurobarometro n. 285, The European Emergency Number 112, Rapporto analitico, 11 febbraio 2010, pag. 29.
  7. ^ (EN) Manneken Pis calls 112 :) | Residence Permit Belgium, su belgium.euresidence.me. URL consultato il 18 novembre 2022.