Giornata Europea di Commemorazione delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giornata Europea di Commemorazione delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari
Data23 agosto
Celebrata inUnione Europea e altri paesi
Data d'istituzione2008

Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo o "Giornata europea di commemorazione delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari", nota anche come Giornata del nastro nero in alcuni paesi,[1] è una giornata internazionale in memoria delle vittime dei regimi totalitari, in particolare stalinismo, nazismo e fascismo .[2][3] Si osserva il 23 agosto e simboleggia il rifiuto di "estremismo, intolleranza e oppressione". È uno dei giorni della memoria ufficiali dell'Unione Europea .[4] Con il nome di Black Ribbon Day è anche un giorno di ricordo ufficiale del Canada e degli Stati Uniti, tra gli altri paesi.[5]

È stato originariamente designato dal Parlamento europeo nel 2008/2009 come "una giornata europea in memoria delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari, da commemorare con dignità e imparzialità",[2][3] ed è stato osservato ogni anno dagli organi dell'Unione europea dal 2009.[6][7][8] La risoluzione del Parlamento europeo del 2009 sulla coscienza europea e il totalitarismo, co-sponsorizzata dal Partito popolare europeo, dall'Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l'Europa, L'Alleanza libera europeo-europea e l'Unione per l'Europa delle nazioni, ha chiesto la sua attuazione in tutta l'Europa. L'istituzione del 23 agosto come giornata internazionale in memoria delle vittime di ogni totalitarismo è stata sostenuta anche dalla Dichiarazione di Vilnius del 2009 dell'Assemblea parlamentare dell'OSCE .[9]

Il 23 agosto è stato scelto per coincidere con la data della firma del Patto Molotov – Ribbentrop, un patto di non aggressione del 1939 tra URSS e Germania nazista che conteneva un protocollo che divideva in Romania, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia e Finlandia Sfere di influenza tedesca e sovietica. Il trattato è stato descritto dal presidente del Parlamento europeo Jerzy Buzek nel 2010 come "la collusione delle due peggiori forme di totalitarismo nella storia dell'umanità".[6] La giornata della memoria ha avuto origine nelle proteste tenute nelle città occidentali contro i crimini e l'occupazione sovietici negli anni '80, avviate dai rifugiati canadesi da paesi occupati dall'Unione Sovietica. Le proteste culminarono ne La Via Baltica, un'importante manifestazione durante le Rivoluzioni del 1989 che contribuì alla liberazione degli Stati baltici.

Lo scopo della Giornata della memoria è quello di preservare la memoria delle vittime di deportazioni e sterminio di massa, promuovendo al contempo i valori democratici con l'obiettivo di rafforzare la pace e la stabilità in Europa.[10]

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Sia la data del 23 agosto come giorno della memoria sia il nome "Black Ribbon Day" sono nati in manifestazioni tenute nei paesi occidentali negli anni '80, organizzate principalmente da rifugiati provenienti da paesi occupati dall'Unione Sovietica, per porre l'attenzione sui crimini di guerra sovietici e le violazioni dei diritti umani e per protestare contro il patto Molotov-Ribbentrop. Il 23 agosto 1986, si sono svolte manifestazioni del Black Ribbon Day in 21 città occidentali, tra cui New York, Ottawa, Londra, Stoccolma, Seattle, Los Angeles, Perth e Washington. Le dimostrazioni sono state avviate dalle comunità canadesi dell'Europa centrale e orientale.[11]

Nel 1987, le proteste del Black Ribbon Day si diffusero nei paesi baltici, culminando nella Via Baltica nel 1989, un evento storico durante le rivoluzioni del 1989, in cui due milioni di persone si unirono per formare una catena umana, per protestare contro il prosieguo di occupazione del Soviet.[1][12]

Il tentativo di colpo di stato sovietico del 1991 in Unione Sovietica, si è verificato dal 19 al 22 agosto, il che fa parte del motivo per cui il 23 agosto è stato scelto per l'osservanza del Giorno della Memoria nel 2008.

Proclamazione da parte del Parlamento europeo e sostegno dell'OSCE[modifica | modifica wikitesto]

L'istituzione della Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo è stata proposta da Václav Havel (nella foto), Joachim Gauck e un gruppo di combattenti per la libertà ed ex prigionieri politici dell'Europa centrale e orientale

L' audizione pubblica europea sui crimini commessi dai regimi totalitari è stata organizzata dalla presidenza slovena del Consiglio dell'Unione europea e dalla Commissione europea nell'aprile 2008. Mirava a migliorare la conoscenza e la consapevolezza del pubblico sui crimini totalitari.[13][14]

La data del 23 agosto è stata adottata come una giornata ufficiale di ricordo delle vittime del totalitarismo da parte di organismi internazionali e vari paesi dopo che è stata proposta dalla Dichiarazione di Praga del 2008, avviata dal governo ceco e firmata (tra gli altri) Václav Havel, Joachim Gauck, Vytautas Landsbergis, Emanuelis Zingeris e Łukasz Kamiński il 3 giugno 2008. La dichiarazione ha concluso la conferenza European Conscience and Communism, una conferenza internazionale che si è tenuta al Senato ceco dal 2 al 3 giugno 2008, ospitata dalla commissione del Senato per l'istruzione, la scienza, la cultura, i diritti umani e le petizioni, sotto l'egida di Alexandr Vondra, Vice primo ministro della Repubblica ceca per gli affari europei.[15]

Il 23 settembre 2008, 409 membri del Parlamento europeo hanno firmato una dichiarazione sull'annuncio del 23 agosto come Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo.[2] La dichiarazione ha sottolineato: "Le deportazioni di massa, omicidi e schiavitù commessi nel contesto degli atti di aggressione da parte dello stalinismo e del nazismo rientrano nella categoria dei crimini di guerra e dei crimini contro l'umanità. Secondo il diritto internazionale, le limitazioni statutarie non si applicano ai crimini di guerra e ai crimini contro l'umanità. "

Il 2 aprile 2009, una risoluzione del Parlamento europeo sulla coscienza e il totalitarismo europei, invitando, tra l'altro, i suoi Stati membri e altri paesi europei ad attuare la Giornata europea della memoria per le vittime di stalinismo e nazismo, è stata approvata con un voto di 533–44 con 33 astensioni.[3]

Il 3 luglio 2009, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ha adottato la Dichiarazione di Vilnius, che ha sostenuto il 23 agosto il giorno della memoria internazionale per le vittime del totalitarismo e ha esortato i suoi Stati membri ad aumentare la consapevolezza dei crimini totalitari.[9]

Dopo che il Parlamento europeo aveva proclamato la Giornata Europea di Commemorazione delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari, i governi di Lituania, Lettonia ed Estonia sono stati ringraziati dal presidente del Parlamento europeo, Hans-Gert Pöttering, nel 2009, per i loro sforzi per informare meglio Europa occidentale sul totalitarismo dell'Unione Sovietica. Pöttering ha sollevato il classico studio sul totalitarismo di Hannah Arendt, che ha sviluppato "i criteri di base scientifica per descrivere il totalitarismo ", concludendo che "entrambi i sistemi totalitari (stalinismo e nazismo) sono comparabili e terribili", ha affermato Pöttering.[16] Joseph Daul, presidente del gruppo del Partito popolare europeo ha dichiarato:

Il 2009 è un anno profondamente simbolico, dal momento che celebriamo sia il 60 ° anniversario della creazione della NATO e gli inizi della guerra fredda, sia il 20 ° anniversario della caduta del Muro di Berlino, che lo ha concluso. Questo è il motivo per cui abbiamo proposto di lanciare una giornata europea della memoria che aiuterà l'Europa a conciliare la sua eredità totalitaria, sia dai nazisti che dai comunisti.[17]

Nel dicembre 2010, i ministri degli Esteri di sei Stati membri dell'UE interessati dall'occupazione e dalla dittatura comunisti hanno invitato la Commissione europea a rendere "l'approvazione, la negazione o la minimizzazione dei crimini comunisti " un reato a livello di UE. "Oltre all'accusa e alla punizione dei criminali, la negazione di ogni crimine internazionale dovrebbe essere trattata secondo gli stessi standard, al fine di prevenire condizioni favorevoli per la riabilitazione e la rinascita delle ideologie totalitarie", hanno scritto i ministri degli Esteri.[18][19] Il ministro degli Esteri ceco Karel Schwarzenberg ha paragonato la negazione dei crimini comunisti alla negazione dei crimini nazisti e ha dichiarato "il problema fondamentale qui è che i sistemi totalitari siano misurati secondo lo stesso standard". .[20]

Il 10 giugno 2011, il Consiglio "Giustizia e affari interni" dell'UE, ovvero i ministri della giustizia e degli affari interni di tutti gli Stati membri dell'UE, ha adottato conclusioni affermando, tra l'altro, e ribandendo "l'importanza di sensibilizzare riguardo ai crimini commessi da regimi totalitari, di promuovere una memoria condivisa di questi crimini in tutta l'Unione e di sottolineare il ruolo significativo che ciò può svolgere nel prevenire la riabilitazione o la rinascita delle ideologie totalitarie ", e ha sottolineato" la Giornata europea della memoria delle vittime dei regimi totalitari (23 agosto), "invitando" gli Stati membri a considerare in quale modo commemorarlo ".[21]

Il 23 agosto 2011, la presidenza polacca dell'Unione europea ha organizzato una conferenza in occasione della Giornata europea della memoria per le vittime dei regimi totalitari. La presidenza dell'UE ha citato le conclusioni del Consiglio Giustizia e Affari interni del 10 giugno e il programma di Stoccolma dell'UE, che sottolinea che "è necessario ricordare la storia condivisa per comprendere l'Europa contemporanea". Funzionari europei hanno adottato la Dichiarazione di Varsavia per la Giornata europea della memoria per le vittime dei regimi totalitari.[22] La Dichiarazione di Varsavia afferma che la sofferenza delle vittime dei regimi totalitari "non affonderà nell'oblio".[23] La dichiarazione afferma che "i crimini dei regimi totalitari in Europa dovrebbero essere riconosciuti e condannati, indipendentemente dal loro tipo e ideologia". Il ministro della giustizia Krzysztof Kwiatkowski ha affermato che "la Dichiarazione di Varsavia è un accordo unanime di tutti gli Stati membri dell'UE sul fatto che dobbiamo fare tutto il possibile per impedire a qualsiasi regime totalitario di rinascere in tutti i paesi che formano una grande famiglia europea".[24] La commissaria europea alla Giustizia Viviane Reding ha dichiarato in questa occasione:

I regimi totalitari sono la negazione della dignità umana e la violazione di tutti i diritti fondamentali delle nostre società costruite sulla democrazia e sul rispetto dello stato di diritto. Dobbiamo offrire alle vittime di questi crimini e ai loro familiari, supporto, comprensione e riconoscimento della loro sofferenza. Ogni vittima di qualsiasi regime totalitario ha la stessa dignità umana e merita giustizia, ricordo e riconoscimento da parte di tutti noi.[7]

Il 23 agosto 2014, la commissaria europea alla giustizia Martine Reicherts ha sottolineato che il patto Molotov-Ribbentrop "della Germania nazista sotto Hitler e l'Unione Sovietica sotto Stalin apriranno la strada alla guerra più brutale fino ai nostri giorni, portando a molti anni di paura, orrore e dolore per le vittime di questi regimi ", affermando che la Giornata europea della memoria per le vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari ci ricorda che non dobbiamo prendere " dignità, libertà, democrazia, stato di diritto e diritti umani" per scontati e che" la pace, la democrazia e i diritti fondamentali non sono scontati. Dobbiamo difenderli, ogni giorno dell'anno. "[25]

Nel 2017 la presidenza estone dell'UE ha ospitato la Conferenza internazionale sulla Giornata europea della memoria per le vittime del comunismo e del nazismo a Tallinn, dove la giornata della memoria è stata osservata da tutti i ministri della giustizia dell'Unione europea.[26]

In occasione della Giornata Europea di Commemorazione delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari nel 2018, otto paesi dell'UE hanno firmato una dichiarazione congiunta su "le continue indagini sui crimini commessi dal regime comunista tramite le forze dell'ordine nazionali e l'intensificazione della cooperazione transnazionale in questo settore ".[27]

I governi di Polonia, Romania, Lettonia, Lituania ed Estonia hanno rilasciato una dichiarazione congiunta nel 2019, che ha invitato "i governi di tutti i paesi europei a fornire supporto sia morale che materiale alle indagini storiche in corso sui regimi totalitari. Agendo in modo concertato, possiamo contrastare in modo più efficace campagne di disinformazione e tentativi di manipolare fatti storici. Dobbiamo schierarci contro il totalitarismo ".[28][29] David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, ha osservato il 23 agosto 2019 che "in questo giorno della memoria le nostre menti si rivolgono alle vittime del nazismo e dello stalinismo poiché il passato non è mai realmente morto e non dimentichiamo la notte oscura del totalitarismo. In questo ricordo troviamo la forza e il valore della pace e della prosperità che la nostra Unione ha portato. "[30]

Osservanza nell'UE[modifica | modifica wikitesto]

Il ministro della Giustizia della Polonia Krzysztof Kwiatkowski durante la cerimonia ufficiale in occasione della Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo per la prima volta in Polonia il 23 agosto 2011

La giornata della memoria è stata ufficialmente osservata dagli organi dell'Unione europea dal 2009.[6] In alcuni paesi, la giornata della memoria è stata formalmente adottata dalla legge (a volte con nomi leggermente diversi).

Svezia[modifica | modifica wikitesto]

La Giornata internazionale della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo è stata osservata in Svezia dal 2008, con la partecipazione di membri del governo. La Svezia è stata il primo paese ad osservare ufficialmente la giornata della memoria.[31][32]

Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, la Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo è stata ufficialmente commemorata in Polonia per la prima volta durante la presidenza polacca dell'UE .[33] Da allora è stato osservato annualmente dal governo polacco, come un importante giorno ufficiale di ricordo della Polonia.[28]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

L'ex presidente della Germania, Joachim Gauck, si unì a Václav Havel per proporre l'istituzione della giornata della memoria

L'ex presidente della Germania, Joachim Gauck, era uno degli statisti che hanno proposto l'istituzione della giornata della memoria, insieme a Václav Havel . La Giornata Europea di Commemorazione delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari è stata osservata da vari organi del governo tedesco. Ad esempio, il giorno viene commemorato dalla Fondazione federale per la rivalutazione della dittatura SED, un'entità governativa federale creata dal Bundestag per ricercare e documentare la dittatura comunista nella Germania orientale .[34][35] La giornata della memoria viene osservata anche da vari governi statali, come il governo del Brandeburgo[36] e le autorità del governo locale.[37] Si osserva anche, ad esempio, la Konrad Adenauer Foundation affiliata alla CDU[38] o il capitolo tedesco dell'organizzazione per i diritti civili Memorial .[39]

La giornata della memoria è anche commemorata dall'European Network Remembrance and Solidarity, un'organizzazione internazionale con sede a Varsavia istituita dai governi di Germania, Polonia, Ungheria e Slovacchia e da allora anche affiliata dalla Romania, che documenta i regimi totalitari in Europa e commemora le loro vittime e resistenza ai regimi totalitari.[40]

Estonia[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 giugno 2009 il Parlamento estone ha emendato la legge sulle festività e sui memoriali e adottato il 23 agosto come Giornata della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo.[41][42]

Lettonia[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 luglio 2009, il Parlamento lettone ha adottato il 23 agosto come Giornata della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo, su proposta dell'Unione Civica .[43]

Lituania[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 la Lituania è stata ufficialmente ribattezzata "Giornata del nastro nero" (23 agosto) in "Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo e Giornata della Via Baltica".[44] In questo giorno, come negli altri giorni di lutto, le bandiere lituane sono esposte al di fuori di tutti gli edifici pubblici decorati con nastri neri.

Bulgaria[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 novembre 2009, su proposta della coalizione blu di destra, il parlamento bulgaro ha dichiarato ufficialmente il 23 agosto il giorno della commemorazione delle vittime dei crimini commessi da comunisti e altri regimi totalitari e la giornata della memoria è stata ufficialmente osservata per la prima tempo nel 2010.[45]

Croazia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, il governo della Croazia ha proposto che la Croazia adotti la Giornata europea della memoria delle vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari, che sarà commemorata il 23 agosto. Il governo ha inviato la sua raccomandazione per una procedura parlamentare urgente, affermando che il nuovo memoriale è conforme alla pratica europea che segna il 23 agosto come il giorno del ricordo delle vittime dello stalinismo e del nazismo.[46] Il 23 agosto 2011, la Croazia ha segnato per la prima volta la Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo. Il primo ministro Jadranka Kosor, ha dichiarato: " Ringraziamo in particolare le vittime del nazismo e del regime ustasha in Croazia. Tuttavia, ora stiamo anche cercando di aprire la strada alle indagini sui crimini comunisti e di smettere di trattare tale questione come un tabù. Dobbiamo ricordare tutte le vittime allo stesso modo. "[47]

Romania[modifica | modifica wikitesto]

In Romania, il 23 agosto viene celebrato con una certa dualità in quanto è anche segnato dalla Liberation from Fascist Occupation Day, che viene celebrata per commemorare la Liberazione della Romania durante la seconda guerra mondiale . La liberazione del paese iniziò con il colpo di stato del re Michele il 23 agosto 1944, in cui il re Michele I di Romania, accanto a politici dei partiti di opposizione alleati come il Partito comunista rumeno e il Partito socialdemocratico rovesciarono il conduttore rumeno, il maresciallo Ion Antonescu e il suo pro -Governo nazista . Nel 2011, la Giornata europea della memoria per le vittime di tutti i regimi totalitari è stata ufficialmente commemorata per la prima volta dopo un periodo di 21 anni del 23 agosto non celebrato come festività ufficiale dalla rivoluzione rumena, poiché quel giorno ha segnato sia la Romania perdita della maggior parte della regione che ora è Moldavia e parti dell'Ucraina, con comunità di lingua rumena, a seguito delle disposizioni del suddetto patto ( vedi occupazione sovietica della Bessarabia e della Bukovina settentrionale ) e della fine del governo pro-asse di Antonescu.

Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, la giornata europea del ricordo delle vittime dello stalinismo e del nazismo è stata commemorata per la prima volta dal governo ungherese . Un portavoce del governo del partito Fidesz (a sua volta un partito populista nazionale conservatore e di destra ) ha affermato che "i giovani che crescono nell'Europa occidentale dovrebbero imparare cosa significa essere vittima del comunismo", aggiungendo che c'è "poca differenza" tra "il socialismo nazionale e quello internazionale [...] comportano entrambi la stessa distruzione, e una caratteristica fondamentale per entrambi è la disumanità".[48]

Slovenia[modifica | modifica wikitesto]

L'8 agosto 2012, il governo sloveno ha adottato una risoluzione che proclama la Giornata europea della memoria del 23 agosto per le vittime di tutti i regimi totalitari e autoritari.[49]

Repubblica Ceca[modifica | modifica wikitesto]

La Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo è ufficialmente commemorata dal governo della Repubblica ceca, che ha anche avviato la sua fondazione.[50]

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 la Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo è stata osservata dal sindaco di Londra, Sadiq Khan, che ha osservato che "ora più che mai dobbiamo dimostrare il nostro impegno nella lotta contro l'estremismo, l'autoritarismo e l'intolleranza in tutte le sue forme".[51]

Finlandia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2019 il governo finlandese ha celebrato la Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo in occasione dell'80 ° anniversario della firma del patto Molotov-Ribbentrop.[52]

Rispetto della Giornata del nastro nero al di fuori dell'UE[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, la Camera dei Comuni del Canada ha adottato all'unanimità il 23 agosto il Black Ribbon Day (Giornata del nastro nero), la giornata nazionale della memoria in Canada delle vittime dello stalinismo e del nazismo. La risoluzione è stata introdotta dal parlamentare liberale Bob Rae e co-sponsorizzata da Borys Wrzesnewskyj .[53][54][55][56]

Georgia[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 luglio 2010, con un voto unanime, il Parlamento della Georgia ha istituito la Giornata dell'occupazione sovietica il 25 febbraio e ha dichiarato il 23 agosto il Giorno della memoria delle vittime dei regimi totalitari.[57][58]

USA[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio 2013, il membro del Congresso John Shimkus ha presentato la risoluzione "H.Res. 302: Esprimere il sostegno per la designazione del 23 agosto come Black Ribbon Day per riconoscere le vittime del regime comunista e nazista sovietico", proponendo che il Congresso degli Stati Uniti adotti Black Ribbon Day "per riconoscere le vittime del regime comunista e nazista sovietico".[59]

Il 21 maggio 2014, il Congresso degli Stati Uniti ha adottato una risoluzione a sostegno della "designazione della Giornata del nastro nero per riconoscere le vittime del regime comunista e nazista sovietico" e per "ricordare e non dimenticare mai il terrore che milioni di cittadini dell'Europa centrale e orientale hanno vissuto per più di 40 anni dalla spietata repressione militare, economica e politica del popolo attraverso esecuzioni arbitrarie, arresti di massa, espulsioni, la repressione della libertà di parola, la confisca della proprietà privata e la distruzione dell'identità culturale e morale e della società civile, tutte che privò la stragrande maggioranza dei popoli dell'Europa centrale e orientale dei loro diritti umani e della loro dignità di base, separandoli dal mondo democratico per mezzo della cortina di ferro e del muro di Berlino "e affermando che" le forme estreme di governo totalitario praticate dai regimi comunista e nazista sovietico portarono a crimini premeditati e vasti commessi contro milioni di esseri umani e loro base e ina diritti gradevoli su una scala mai vista prima nella storia. "[60]

Norvegia[modifica | modifica wikitesto]

Il leader del Partito liberale social-liberale in Norvegia, Trine Skei Grande, ha chiesto la commemorazione ufficiale della Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo in Norvegia, sulla base della sua adozione da parte del Parlamento europeo e dell'Organizzazione per la sicurezza e cooperazione in Europa.[61]

Albania[modifica | modifica wikitesto]

La giornata europea del ricordo delle vittime dello stalinismo e del nazismo è stata ufficialmente osservata dall'Albania nel 2019; Il presidente Ilir Meta ha osservato che lo stalinismo e il nazismo erano "due ideologie devastanti del secolo scorso che hanno causato migliaia di vittime innocenti nel nostro paese. Per 45 anni, l'Albania divenne la Corea del Nord d'Europa. Migliaia di albanesi furono uccisi, imprigionati e deportati. La libertà, i diritti umani, la democrazia e il pluralismo erano valori in cui credevano e per i quali hanno sacrificato le loro vite. È nostro dovere insegnare alle giovani generazioni la verità del nostro recente passato in modo che non venga mai più riproposto. "[62]

Osservanza di altre entità[modifica | modifica wikitesto]

L'8 agosto 2011, i Mejlis del popolo tataro di Crimea hanno approvato la Giornata europea della memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo, affermando che "il popolo tataro di Crimea ha [...] subito i crimini commessi dal regime comunista dell'URSS in il 20 ° secolo ammesso come un genocidio ".[63]

Il Black Ribbon Day viene anche commemorato ogni anno dal World Jewish Congress, che rileva che il giorno onora la "memoria di decine di milioni di vittime di regimi totalitari " e "coincide con la firma del patto del 1939 tra Germania nazista e URSS, in cui era divisa l'Europa orientale e conquistata la brutalità ".[64]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Black Ribbon Day: An International Day of Remembrance, su Radio Free Europe/Radio Liberty, 23 August 2013.
  2. ^ a b c Declaration of the European Parliament on the proclamation of 23 August as European Day of Remembrance for Victims of Stalinism and Nazism, Europa.eu, 23 September 2008. URL consultato il 10 May 2011.
  3. ^ a b c European Parliament resolution of 2 April 2009 on European conscience and totalitarianism, Europa.eu, 2 April 2009. URL consultato il 10 May 2011.
  4. ^ EU begs citizens to reject extreme nationalism on European Day of Remembrance for Victims of Stalinism and Nazism, su Deutsche Welle, 23 August 2017.
  5. ^ Daniel Proussalidis, Victims of totalitarianism remembered, in Toronto Sun, 23 August 2011. URL consultato il 23 August 2011.
  6. ^ a b c President Jerzy Buzek on the European Day of Remembrance for Victims of Stalinism and Nazism, European Parliament, 23 August 2010. URL consultato il 5 October 2011 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2011).
  7. ^ a b Statement by Vice-President Viviane Reding, EU Justice Commissioner on the Europe-wide Day of Remembrance for the victims of all totalitarian and authoritarian regimes, europa.eu, 23 August 2011. URL consultato il 23 August 2011 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2012).
  8. ^ Annual European Day of Remembrance For Victims of Stalinism, Nazism, in Radio Free Europe/Radio Liberty, 23 August 2012. URL consultato il 23 August 2011.
  9. ^ a b Vilnius Declaration of the OSCE Parliamentary Assembly and resolutions adopted at the eighteenth annual session, Parliamentary Assembly of the Organization for Security and Co-operation in Europe (OSCEPA), 3 July 2009. URL consultato il 14 May 2011.
  10. ^ EU Calendar: Remembrance Day for Victims of Stalinism and Nazism, Europa.eu, 23 August 2010. URL consultato il 10 May 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  11. ^ 2013 National Black Ribbon Day Commemoration events announced, eesti.ca
  12. ^ Jānis Škapars, The Baltic Way to Freedom: Non-violent Struggle of the Baltic States in a Global Context, Zelta Grauds, 2005, ISBN 9984986306
  13. ^ European hearing on crimes committed by totalitarian regimes, Europa.eu, 8 Aprile 2008. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  14. ^ Peter Jambrek (a cura di), Crimes Committed by Totalitarian Regimes (PDF), in Slovenian Presidency of the Council of the European Union, 2008, ISBN 978-961-238-977-2. URL consultato il 20 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2012).
  15. ^ Prague Declaration – Declaration Text, Institute for Information on the Crimes of Communism, 3 June 2008. URL consultato il 28 January 2010.
  16. ^ Baltic States opened Western Europe's eyes on Soviet Union totalitarianism – EP chairman in Vilnius, BNS, 28 aprile 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  17. ^ A day to condemn Communism, New Europe, 6 aprile 2009. URL consultato il 16 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2011).
  18. ^ EU newcomers demand ban on communist crime denial, EUbusiness, 14 December 2010. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  19. ^ Valentina Pop, Six states urge EU ban on denial of Communist crimes, EUobserver, 15 December 2010. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2011).
  20. ^ Czech Foreign Minister: Denial of communist crimes like denial of Nazi crimes, Romea.cz. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  21. ^ Council conclusions on the memory of the crimes committed by totalitarian regimes in Europe (PDF), Council of the European Union. URL consultato il 12 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2011).
  22. ^ Conference – The European Day of Remembrance of the victims of the totalitarian regimes, Presidency of the European Union. URL consultato il 23 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2011).
  23. ^ Europe remembers victims of Stalinism and Nazism, TODAYonline. URL consultato il 23 August 2011 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2012).
  24. ^ Warsaw declaration against totalitarianism signed, thenews.pl, 23 agosto 2011. URL consultato il 23 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2011).
  25. ^ Statement by Martine Reicherts, EU Justice Commissioner on the Europe-wide Day of Remembrance for the victims of all totalitarian and authoritarian regimes, europa.eu, 23 August 2014. URL consultato il 20 September 2015.
  26. ^ Tallinn hosts the International Conference on the European Day of Remembrance for Victims of Communism and Nazism, New Europe, 23 agosto 2017.
  27. ^ 8 EU countries agree to step up investigation of communist crimes, su www.baltictimes.com.
  28. ^ a b Joint Statement by Estonia, Latvia, Lithuania, Poland and Romania on the occasion of 80 years since the signing of Molotov-Ribbentrop Pact, Ministry of Foreign Affairs of the Republic of Poland, 23 August 2019.
  29. ^ Totalitarian crimes must not be forgotten, say Poland and regional neighbours, Polskie Radio, 23 August 2019.
  30. ^ David Sassoli, European Day of Remembrance for Victims of Stalinism and Nazism, European Parliament, 23 agosto 2019.
  31. ^ Swedish Government honours victims of Communism and Nazism at August 23 Day of Remembrance, Victims of Communism Memorial Foundation, 30 agosto 2010. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2011).
  32. ^ Swedish Minister of Education, Mr. Jan Björklund inaugurates the August 23 international Day of Remembrance for the victims of Communism and National Socialism, Institute for Information on the Crimes of Communism, 23 agosto 2010. URL consultato il 14 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2011).
  33. ^ The European Day of Remembrance for Victims of Totalitarian Regimes – Warsaw, 23 August 2011, Institute of National Remembrance, 23 agosto 2011. URL consultato il 23 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2016).
  34. ^ 80. Jahrestag: Bundesstiftung Aufarbeitung erinnert an den Hitler-Stalin-Pakt und die Folgen, Federal Foundation for the Reappraisal of the SED Dictatorship, 23 agosto 2019 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2019).
  35. ^ Europäischer Tag des Gedenkens an die Opfer von Stalinismus und Nationalsozialismus: Ehemalige Gulag-Häftlinge erzählen ihre Lebensgeschichte, Federal Foundation for the Reappraisal of the SED Dictatorship, 23 agosto 2017 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2019).
  36. ^ Europäischer Tag des Gedenkens an die Opfer von Stalinismus und Nationalsozialismus, Government of Brandenburg, 23 agosto 2019.
  37. ^ Europäischer Tag des Gedenkens an die Opfer von Stalinismus und Nationalsozialismus in Anwesenheit des Bürgermeisters, Frankfurt an der Oder, 23 agosto 2019.
  38. ^ Día International en recuerdo de las Víctimas del totalitarismo, Konrad Adenauer Foundation, 25 agosto 2015.
  39. ^ Europäischer Tag des Gedenkens an die Opfer von Stalinismus und Nationalsozialismus, Memorial, 23 agosto 2019.
  40. ^ 23 August, European Network Remembrance and Solidarity. URL consultato il 23 agosto 2019.
  41. ^ 23 August: The Europe-wide remembrance day for the victims of all totalitarian and authoritarian regimes, Estonian Ministry of Foreign Affairs, 18 August 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  42. ^ (RU) 23 agosto Stabilito il Giorno della Memoria per le vittime dello stalinismo e del nazismo in Estonia, Interfax.ru, 18 June 2009. URL consultato il 28 May 2011.
  43. ^ (RU) La Lettonia ha approvato il Memorial Day per le vittime di stalinismo e nazismo, Baltinfo.ru, 17 June 2009. URL consultato il 20 September 2015.
  44. ^ (LT) LIETUVOS RESPUBLIKOS – ATMINTINŲ DIENŲ ĮSTATYMAS, su www3.lrs.lt, 24 settembre 2009. URL consultato il 20 settembre 2015.
  45. ^ Bulgaria Marks 1st Day against Totalitarianism, Novinite, 23 agosto 2010. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 28 dicembre 2011).
  46. ^ New memorial day to remember victims of communism, Croatian Times, 3 giugno 2011. URL consultato il 6 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 6 giugno 2011).
  47. ^ Croatian officials honour victims of totalitarian regimes, Croatian Times, 24 August 2011. URL consultato il 23 August 2011 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2011).
  48. ^ MTI, Communist terror just as potent as Nazism, says gov't official, politics.hu, 24 agosto 2011. URL consultato il 20 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2011).
  49. ^ (SL) Spominski dan na žrtve vseh totalitarnih in avtoritarnih režimov, Association of WWII Veterans Slovenia, 14 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2012).
  50. ^ Dnes si připomínáme Evropský den památky obětí stalinismu a nacismu. V naší historii oběti nejednou zažily zlo obou., Ministry of Culture of the Czech Republic, 23 agosto 2016.
  51. ^ Sadiq Khan, Today marks the European Day of Remembrance for Victims of Stalinism and Nazism, Mayor of London, 23 agosto 2019.
  52. ^ Today the victims of Stalinism and Nazism are remembered across Europe. 23 August marks the anniversary of the signing of the Molotov-Ribbentrop Pact. It is exactly 80 years since the Pact was signed, Government of Finland, 23 agosto 2019.
  53. ^ First National Black Ribbon Day to Be Commemorated in Canada, Eesti.ca, 20 August 2010. URL consultato il 10 May 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2011).
  54. ^ International Black Ribbon Day, blackribbonday.org. URL consultato il 10 May 2011.
  55. ^ Central and Eastern European Communities to mark Black Ribbon Day, Ukrainian Canadian Congress, 16 August 2010. URL consultato il 20 September 2015.
  56. ^ Aug. 23 to become Black Ribbon Day of remembrance, CTV.ca, 1º dicembre 2009. URL consultato il 10 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2012).
  57. ^ Georgia declares February 25 Soviet Occupation Day, kyivpost.com, 21 July 2010. URL consultato il 14 May 2011 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2010).
  58. ^ February 25 Declared Day of Soviet Occupation, Civil.ge, 21 July 2010. URL consultato il 14 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2012).
  59. ^ H.Res. 302 (113th): Expressing support for designation of 23 August as "Black Ribbon Day" to recognize the victims of Soviet Communist and Nazi regimes, govtrack.us, 16 July 2013. URL consultato il 20 September 2015.
  60. ^ House Report 113-460 – PROVIDING FOR FURTHER CONSIDERATION OF THE BILL (H.R. 4435) TO AUTHORIZE APPROPRIATIONS FOR FISCAL YEAR 2015, su congress.gov, United States Congress, 21 May 2014. URL consultato il 20 September 2015.
  61. ^ Skriftlig spørsmål fra Trine Skei Grande (V), Stortinget, 16 October 2010.
  62. ^ Ilir Meta, The EuropeanDay of Remembrance for Victims of Stalinism and Nazism., Government of Albania, 23 agosto 2019.
  63. ^ Decision of Mejlis 'On Events, Dedicated to the European Day of Remembrance for Victims of Stalinism and Nazism to Preserve the Memory of the Victims of Mass Deportation and Exterminations', Mejlis of the Crimean Tatar People, 8 August 2011. URL consultato il 20 December 2011.
  64. ^ Black Ribbon Day, World Jewish Congress, 23 agosto 2019.
    «Europe, Canada, and the US mark Black Ribbon Day, in memory of the tens of millions of victims of totalitarian regimes. The date coincides with the signing of the 1939 pact between Nazi Germany and the USSR, in which eastern Europe was divided and brutality conquered during WWII.».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • Tentativo di colpo di stato sovietico del 1991, avvenuto nei quattro giorni (19-21 agosto 1991) prima della data di calendario di questa osservanza
  • Risoluzione 1481 del Consiglio d'Europa
  • Days of Remembrance of the Victims of the Holocaust (Stati Uniti)
  • Dichiarazione sui crimini del comunismo
  • Audizione pubblica europea sui crimini commessi da regimi totalitari
  • Dichiarazione di Praga sulla coscienza e il comunismo europei
  • Piattaforma di memoria e coscienza europea
  • Gruppo di riconciliazione di storie europee
  • Confronto tra nazismo e stalinismo
  • Giornata mondiale della libertà (Stati Uniti)
  • Memoria e solidarietà della rete europea