Giornale del Sud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo giornale napoletano, vedi Il Giornale del Sud.
Giornale del Sud
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità quotidiano
Genere stampa locale
 

Il Giornale del Sud è stato un quotidiano italiano, pubblicato a Catania dal 4 giugno 1980 al 14 novembre 1982.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La gestione Fava[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1980 fu affidato a Pippo Fava, ex caporedattore dell'Espresso sera. Il giornalista palazzolese creò un gruppo redazionale ex novo, affidandosi a giovani ed inesperti cronisti improvvisati. Tra di essi figuravano il figlio Claudio, Riccardo Orioles, Michele Gambino, Antonio Roccuzzo, Elena Brancati, Beppe Costa, Rosario Lanza. A Franco La Magna venne affidato il settore culturale (il cosiddetto "paginone").

Pippo Fava fece del Giornale del Sud un quotidiano coraggioso. L'11 ottobre 1981 pubblicò Lo spirito di un giornale, un articolo in cui chiariva le linee guida che faceva seguire alla sua redazione: basarsi sulla verità per «realizzare giustizia e difendere la libertà»[1]. Fu in quel periodo che si riuscì a denunciare le attività di Cosa nostra, attiva nel capoluogo etneo soprattutto nel traffico della droga.

Per un anno il Giornale del Sud continuò senza soste il suo lavoro. Il tramonto della gestione Fava fu segnato da tre avvenimenti: la sua avversione all'installazione di una base missilistica a Comiso (poi effettivamente realizzata), la sua presa di posizione a favore dell'arresto del boss Alfio Ferlito e l'arrivo di una nuova cordata di imprenditori al giornale, tra cui figuravano Salvatore Lo Turco, Gaetano Graci, Giuseppe Aleppo, Salvatore Costa, personaggi molto influenti nella politica catanese.

Inoltre erano iniziati gli atti di forza contro la rivista. Venne organizzato un attentato, a cui Fava scampò, con una bomba contenente un chilo di tritolo. In seguito, la prima pagina del Giornale del Sud che denunciava alcune attività di Ferlito fu sequestrata prima della stampa e censurata, mentre il direttore era fuori. Di lì a poco Pippo venne licenziato.

Il dopo-Fava[modifica | modifica wikitesto]

I giovani giornalisti occuparono la redazione, ma a nulla valsero le loro proteste. Per una settimana rimasero chiusi nella sede, ricevendo pochi attestati di solidarietà. Dopo un intervento del sindacato, l'occupazione cessò. Poco tempo dopo, il Giornale del Sud avrebbe chiuso i battenti per volontà degli editori[2].

Direttori responsabili[modifica | modifica wikitesto]

Giornalisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Fava. Lo spirito di un giornale. «Giornale del Sud», 11 ottobre 1981.
  2. ^ Sebastiano Gulisano. Giuseppe "Pippo" Fava. «Polizia e Democrazia», 2002