Giorgio di Meclemburgo-Strelitz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio di Meclemburgo-Strelitz
Georg (Mecklenburg-Strelitz).jpg
Giorgio di Meclemburgo-Strelitz in un'incisione d'epoca.
Granduca di Meclemburgo-Strelitz
Stemma
In carica 6 novembre 1816 –
6 settembre 1860
Predecessore Carlo II
Successore Federico Guglielmo
Nome completo Giorgio Federico Carlo Giuseppe
Nascita Hannover, 12 agosto 1779
Morte Neustrelitz, 6 settembre 1860
Casa reale Meclemburgo-Strelitz
Padre Carlo II di Meclemburgo-Strelitz
Madre Federica d'Assia-Darmstadt
Consorte Maria d'Assia-Kassel
Figli Luisa
Federico Guglielmo
Carolina
Giorgio Augusto
Religione Luteranesimo

Giorgio di Meclemburgo-Strelitz (in tedesco: Georg Friedrich Karl Joseph, Großherzog von Mecklenburg-Strelitz) (Hannover, 12 agosto 1779Neustrelitz, 6 settembre 1860) è stato granduca di Meclemburgo-Strelitz dal 1816 sino alla sua morte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio di Meclemburgo-Strelitz in una stampa del 1837.

Giorgio nacque ad Hannover, ottavo figlio di Carlo II di Meclemburgo-Strelitz e della langravia Federica Carolina Luisa d'Assia-Darmstadt (1752-1782). A seguito della morte della madre nel 1782, suo padre si risposò con la di lei sorella Carlotta due anni dopo, nel 1784 e la famiglia si spostò da Hannover a Darmstadt. Giorgio rimase nella città sino al 1794 quando il padre divenne duca di Meclemburgo-Strelitz e Giorgio dovette accompagnarlo a Neustrelitz. Frequentò l'università di Rostock fino 1799 e in seguito si recò a Berlino dove visse alla corte prussiana sotto la protezione di sua sorella Luisa, la quale aveva sposato il re Federico Guglielmo III di Prussia. Visse quindi in Italia dal 1802 al 1804 da dove ritornò in Germania e prese a risiedere stabilmente a Darmstadt.

Dopo la battaglia di Jena negoziò a Parigi l'entrata del Meclemburgo-Strelitz all'interno della Confederazione del Reno. Egli partecipò successivamente al Congresso di Vienna nel 1814 ed ottenne che il Meclemburgo-Strelitz fosse elevato a granducato.

Il regno[modifica | modifica wikitesto]

La statua di Giorgio di Meclemburgo-Strelitz nella piazza del mercato di Neustrelitz.

Giorgio succedette al padre il 6 novembre 1816 e trovò il granducato in pessimo stato, al punto da prodigarsi subito con delle riforme, soprattutto in campo scolastico (grazie al suo influsso, la maggior parte degli abitanti del suo dominio, riuscirono a leggere ed a scrivere correttamente), circondandosi anche di personaggi di spicco della letteratura del tempocome Goethe. Abolì con dei provvedimenti la servitù della gleba e modernizzò l'agricoltura locale.

Granducato di Meclemburgo-Strelitz (1815-1918)
Coat of Arms of the Grand Duchy of Mecklenburg - Strelitz.svg

Giorgio
Federico Guglielmo
Adolfo Federico V
Figli
Adolfo Federico VI
Federico Francesco IV
Modifica

Promosse diversi progetti architettonici: il rinnovamento nella sua residenza di Neustrelitz, con la costruzione della cappella del palazzo e della nuova orangerie, e l'edificazione di diversi edifici pubblici, come la Neustrelitzer Hall di stile neoclassico, il palazzo Caroline di stile neogotico; rinnovò inoltre la chiesa di Santa Maria a Neubrandenburg.

Politicamente fu uno strenuo avversario dei gruppi liberali che si erano sviluppati nella rivoluzione del 1848, impedendo così al Meclemburgo-Strelitz di divenire uno moderno stato costituzionale, temendo per l'indipendenza del suo piccolo ducato.

Giorgio morì il 6 settembre 1860 a Neustrelitz e gli successe il figlio maggiore, Federico Guglielmo. Alla sua morte i cittadini del Meclemburgo-Strelitz organizzarono spontaneamente una raccolta di fondi per realizzare un monumento alla sua memoria che venne realizzato dallo scultore Albert Wolff ed inaugurato il 17 ottobre 1866 al centro della piazza del mercato di Neustrelitz.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 agosto 1817 sposò la principessa Maria d'Assia-Kassel (1796-1880), figlia del principe Federico d'Assia-Kassel, da cui ebbe quattro figli:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Adolfo Federico II, Duca di Meclemburgo-Strelitz Adolfo Federico I, Duca di Meclemburgo-Schwerin  
 
Duchessa Maria Caterina di Brunswick-Dannenberg  
Duca Carlo Luigi Federico di Meclemburgo, Principe di Mirow  
Principessa Cristiana Emilia di Schwarzburg-Sondershausen Cristiano Guglielmo, Principe di Schwarzburg-Sondershausen  
 
Contessa Antonia Sibilla di Barby-Mühlingen  
Carlo II, Duca di Meclemburgo-Strelitz  
Ernesto Federico I, Duca di Sassonia-Hildburghausen Ernesto, Duca di Sassonia-Hildburghausen  
 
Contessa Sofia Enrichetta di Waldeck  
Principessa Elisabetta Albertina di Sassonia-Hildburghausen  
Contessa Sofia Albertina di Erbach-Erbach Giorgio Luigi I, Conte di Erbach-Erbach  
 
Contessa Amalia Caterina di Waldeck  
Giorgio, Duca di Meclemburgo-Strelitz  
Luigi VIII, Langravio d'Assia-Darmstadt Ernesto Luigi, Langravio d'Assia-Darmstadt  
 
Margravia Dorotea Carlotta di Brandeburgo-Ansbach  
Langravio Principe Giorgio Guglielmo d'Assia-Darmstadt  
Contessa Carlotta di Hanau-Lichtenberg Giovanni Reinardo III, Conte di Hanau-Lichtenberg  
 
Margravia Dorotea Federica di Brandeburgo-Ansbach  
Principessa Federica d'Assia-Darmstadt  
Conte Cristiano Carlo Reinardo di Leiningen-Dachsburg-Falkenburg-Heidesheim Giovanni, Conte di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg  
 
Contessa Giovanna Maddalena di Hanau-Lichtenberg  
Contessa Maria Luisa Albertina di Leiningen-Dagsburg-Falkenburg  
Contessa Caterina Polissena di Solms-Rödelheim e Assenheim Conte Ludovico di Solms-Rödelheim  
 
Contessa Carlotta Sibilla di Ahlefeld  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale di Santo Stefano d'Ungheria (Impero austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine reale di Santo Stefano d'Ungheria (Impero austriaco)
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Prussia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Nera (Prussia)
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 10 gennaio 1817

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ludwig Fromm, Georg Friedrich Karl Joseph, Großherzog von Mecklenburg-Strelitz in: Allgemeine Deutsche Biographie (ADB). vol. 8, Duncker & Humblot, Lipsia 1878, p. 680 e seguenti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Granduca di Meclemburgo-Strelitz Successore
Carlo II 1816-1860 Federico Guglielmo
Predecessore Principe di Ratzeburg e signore di Stargard Successore
Carlo II 1816-1860 Federico Guglielmo
Controllo di autoritàVIAF (EN77121336 · ISNI (EN0000 0000 5491 8854 · CERL cnp00876054 · LCCN (ENnr97037120 · GND (DE119242265 · WorldCat Identities (ENlccn-nr97037120