Giorgio Papais

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Papais
Giorgio Papais.jpg
Giorgio Papais con la maglia del Piacenza (1993)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1997 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1976-1980 Conegliano 25 (0)
1980-1982 Udinese 13 (0)
1982-1984 Monza 55 (6)
1984-1985 Udinese 9 (0)
1985-1987 Monza 52 (4)
1987-1990 Triestina 94 (4)
1990-1995 Piacenza 147 (12)
1995-1996 Novara 22 (0)
1996-1997 Pordenone 18 (4)
Carriera da allenatore
2001-2006PiacenzaGiovanili
2006-2008Bianco e Blu.svg Pontolliese Libertas
2009-2011Bianco e Azzurro.svg Azzanese
2012-2013600px HEX-1D2B79 HEX-D31E26.svg Lumignacco
2017 Rosso e blu (strisce) 2.svg Union Pasiano
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giorgio Papais (Zoppola, 26 aprile 1961) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Mediano[1] con compiti di copertura[2] e costruzione del gioco[3], era dotato di un potente tiro dalla distanza[4].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver esordito nel Conegliano in Serie C2, debutta in Serie A con l'Udinese, il 5 ottobre 1980 contro la Fiorentina[5]. In due stagioni colleziona in tutto 13 presenze, e nell'ottobre 1982 viene ceduto in Serie B, al Monza[4], con cui disputa due annate da titolare. Nel 1984 l'Udinese lo riporta alla base[6], e nella stagione 1984-1985 disputa 9 partite in Serie A.

Torna quindi a Monza, dove gioca un campionato di Serie B e uno di Serie C1, e nel 1987 passa alla Triestina[7], con cui retrocede in Serie C1 e riconquista immediatamente la Serie B al termine del campionato 1988-1989, realizzando il gol decisivo per la promozione sul campo della SPAL[8]. Nel 1990 passa al Piacenza[1], di cui diventa perno del centrocampo conquistando la promozione in Serie B nella prima stagione, e quella in Serie A (la prima del club emiliano) nel 1993.

Nella città emiliana realizza la sua migliore stagione nel campionato di Serie A 1993-1994, unico suo campionato di massima serie da titolare fisso, dove riesce a segnare 4 reti (di cui 3 su calcio di rigore), anche se non serviranno a salvare i piacentini dalla retrocessione[9]. Il 13 febbraio 1994, nel corso della partita contro l'Inter, subisce un arresto cardiocircolatorio in seguito a uno scontro con Davide Fontolan, riprendendosi nei minuti successivi[10].

Dopo un'ulteriore stagione a Piacenza, culminata con la vittoria del campionato di Serie B, chiude la carriera professionistica centrando col Novara la promozione in Serie C1 nella stagione 1995-1996. In carriera ha collezionato complessivamente 51 presenze e 4 reti in Serie A e 237 presenze e 17 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Conclusa la carriera agonistica, si dedica all'attività di allenatore, nelle giovanili del Piacenza[11] e successivamente sulla panchina della Pontolliese Libertas[12], formazione dilettantistica piacentina. Tra il 2009 e il 2011 siede sulla panchina dell'Azzanese, nell'Eccellenza friulana[13].

Nella stagione 2012-2013 guida il Lumignacco, sempre in Eccellenza[8], dimettendosi nel febbraio 2013[14]. Nel febbraio 2017 guida per un mese l'Union Pasiano, sempre in Eccellenza[15].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Piacenza: 1994-1995
Piacenza: 1990-1991
Novara: 1995-1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]