Giorgio Manzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Manzini (Mantova, 193030 luglio 1991) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu per oltre trent'anni responsabile della redazione milanese di "Paese sera"[1]. Esponente di "una linea consapevole di giornalismo impegnato che in alcune fasi ha fronteggiato corruzione, mafie, terrorismo" [2], fu anche autore di fortunati "libri inchiesta" pubblicati nella collana Gli struzzi di Einaudi.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Una vita operaia, Torino, Einaudi, 1976; nuova edizione con introduzione di Corrado Stajano, Milano, Unicopli, 2015
  • Indagine su un brigatista rosso: la storia di Walter Alasia, Torino, Einaudi, 1978
  • Una famiglia italiana, Torino, Einaudi, 1980
  • Padroni e contadini: il primo processo politico dell'Italia unita, Milano, Mondadori, 1983
  • Avventure e morte di Felice Orsini, Milano, Camunia, 1991

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Necrologio su "l'Unità", 30 agosto 1991
  2. ^ Alberto Papuzzi, Professione giornalista, Roma, Donzelli, 1998, p. XXII
Controllo di autoritàBNF (FRcb12031131v (data)