Giorgio Magnocavallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Magnocavallo
Giorgio Magnocavallo - Barletta CS 1987-88.jpg
Magnocavallo al Barletta nella stagione 1987-1988
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore, centrocampista)
Ritirato 1991 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? Inter
Squadre di club1
1973-1975 Inter 0 (0)
1975-1976 Lecco 27 (2)
1976-1977 Varese 29 (2)
1977-1978 Brescia 9 (0)
1978-1979 Genoa 19 (1)
1979-1981 Triestina 53 (8)
1981-1985 Atalanta 119 (8)
1985-1987 Lazio 54 (3)
1987-1989 Barletta 50 (2)
1989-1990 SPAL 19 (5)
1990-1991 Formia 17 (0)
Carriera da allenatore
1991-1992 Frosinone
200? 600px bisection vertical HEX-A0A0A0 HEX-7B1C20.svg Asperiam
2012-2013 Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Pagazzanese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giorgio Magnocavallo (Chieuti, 11 aprile 1957) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore e centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio Magnocavallo alla Lazio negli anni 1980

Nato in Puglia, è cresciuto in provincia di Bergamo, dove la famiglia si trasferì poco dopo la sua nascita. Si formò nelle giovanili dell'Inter dove vanta una sola presenza in Coppa Italia (1974-75). Debuttò nel campionato professionistico in Serie C nella stagione 1975-1976 con la maglia del Lecco.

Della stagione successiva fu l'esordio in Serie B con il Varese e, a seguire, Brescia e Genoa, senza divenire mai titolare fisso (9 presenze in campionato a Brescia, 19 a Genova).

Nell'estate del 1979 accetta il passaggio in Serie C1, passando alla Triestina, dove resta due stagioni, per poi venire acquistato dall'Atalanta. A Bergamo centra in tre anni la doppia promozione dalla C1 alla Serie A. Nella stagione 1984-1985 giunge pertanto in massima serie, esordendovi il 16 settembre 1984 in Atalanta-Inter (1-1), e disputando un campionato da titolare (26 presenze e 2 reti), concluso dai nerazzurri con una salvezza.

Nel 1985 viene acquistato dalla Lazio su indicazione di Giorgio Chinaglia. Nelle due stagioni in biancoceleste, entrambe in serie cadetta, totalizza 54 presenze e 3 reti in campionato e 7 presenze in Coppa Italia. L'ultima sua gara con la squadra capitolina è stata Lazio-Campobasso, spareggio vinto per 1-0 grazie alla rete di Fabio Poli, evitando così la retrocessione in C1.

Nell'ottobre del 1987 viene ceduto al Barletta neopromossa in Serie B, con cui disputa due stagioni entrambe coronate dalla salvezza. Conclude la carriera in Serie C2 con le maglie di SPAL e Formia.

In carriera ha totalizzato complessivamente 26 presenze e 2 reti in Serie A, e 254 presenze e 14 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Divenuto allenatore, Magnocavallo ha guidato tra le altre Frosinone, Asperiam e Pagazzanese.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Atalanta: 1981-1982 (girone A)
Atalanta: 1983-1984
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Triestina: 1980

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]