Giorgio Lo Cascio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio Lo Cascio
Giorgio Lo Cascio.jpg
Giorgio Lo Cascio in una foto tratta da Ciao 2001 del 17 marzo 1974
NazionalitàItalia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale1970 – 2001
EtichettaIt, Divergo
Album pubblicati5
Studio5

Giorgio Lo Cascio (Roma, 18 giugno 1951[1]Roma, 25 febbraio 2001) è stato un cantautore e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi: il Folkstudio[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma da una famiglia di origine siciliana, all'età di sette anni inizia a suonare il violino, per poi passare alla chitarra durante l'adolescenza; dopo il liceo classico si iscrive alla facoltà di medicina.

Nel frattempo ha iniziato a scrivere canzoni, e a tradurre in italiano brani americani (come Sad-eyed lady of the lowlands di Bob Dylan); si presenta quindi al Folkstudio, dove ha modo di proporre le sue canzoni e dove conosce Francesco De Gregori, con cui decide di fare un duo: i due giovani pubblicano anche un'audiocassetta registrata dal vivo durante una delle loro serate, intitolata Folkstudio 24-1-1970 (e recentemente disponibile come bootleg in cd), interessante per rendersi conto di quale fosse il repertorio proposto dai due, con interpretazioni di canzoni originali alternate a traduzioni di Cohen e Dylan, accompagnati in alcune canzoni dalle percussioni di Antonello Venditti.

I due, nello stesso periodo, conoscono altri cantautori, come Edoardo e Stelio, Renzo Zenobi, Ernesto Bassignano e Antonello Venditti, ed è appunto con questi ultimi due che nel 1971 si uniscono formando il gruppo I giovani del folk (anni dopo Venditti ricorderà quest'esperienza nei versi iniziali della canzone Notte prima degli esami, e Bassignano scriverà un libro, Canzoni pennelli bandiere supplì con il racconto delle vicende di quel periodo).

Alla fine del 1971 De Gregori e Lo Cascio ottengono un'audizione con la It di Vincenzo Micocci: sono stati indirizzati a questa etichetta da Giovanna Marini, alla quale avevano chiesto di metterli in contatto con I dischi del sole (cosa non possibile per il repertorio della casa discografica, molto politicizzato rispetto a quello dei due cantautori).

Durante il provino realizzano una lacca con quattro canzoni: Il partigiano (cover in italiano di The partisan di Leonard Cohen) e Dolce signora che bruci cantate insieme, Ho cercato di dirti cantata da Lo Cascio e Signora Aquilone cantata da De Gregori, e Micocci, colpito dai brani, propone loro un contratto discografico.

Giorgio Lo Cascio, Francesco De Gregori ed Antonello Venditti durante un'esibizione al Folkstudio

La carriera solista[modifica | modifica wikitesto]

Ancora prima di iniziare, il sodalizio artistico si scioglie: come racconta lo stesso Lo Cascio nel suo volume su De Gregori[2], i due avevano alcune divergenze sulla realizzazione degli arrangiamenti, ma il pretesto per la separazione fu un viaggio premio in Ungheria (ottenuto come retribuzione per la registrazione di uno special televisivo magiaro[3]), a cui Lo Cascio rinuncia (perché in quel periodo sta organizzando il matrimonio con Ivana); De Gregori propone il viaggio a Venditti (che ha anche lui firmato con la It all'insaputa dei due amici) che accetta, e durante il viaggio i due decidono di costituire un duo (scrivendo insieme la canzone In mezzo alla città), e realizzano l'album Theorius Campus, in cui De Gregori include una canzone, La casa del pazzo, con la musica scritta da Lo Cascio.

Resta il sodalizio umano, ed infatti per la produzione del suo primo album, intitolato La mia donna e pubblicato nel 1973 (in cui suona, tra gli altri, Renzo Zenobi alla chitarra) Lo Cascio chiama proprio l'amico Venditti (De Gregori, nello stesso periodo, scrive Suonatori di flauto, e Lo Cascio realizza la fotografia usata per la copertina di Alice non lo sa).

L'album è dedicato interamente alla moglie Ivana, e contiene tutte canzoni d'amore (tra cui la già citata Ho cercato di dirti). Lo Cascio cambia poi il modo di comporre, accostandosi alla canzone politica: firma quindi con la Divergo, piccola casa discografica alternativa milanese fondata da Mario De Luigi e Sergio Lodi, pubblicando due album ed esibendosi, nello stesso periodo, in concerti presso i festival dell'Unità (insieme al chitarrista Marco Provvedi); partecipa anche ad alcune edizioni del Premio Tenco.

Sempre con la stessa etichetta partecipa (insieme allo stesso De Luigi e ad Alessandro Carrera) al disco Punto e a capo, album sul Sessantotto pubblicato in occasione del decennale. Ritorna poi alla It per pubblicare un 45 giri nel 1980, e la canzone Cosa c'è che non va viene scelta come sigla per il programma televisivo di Raitre Tra scuola e lavoro.

Pubblica nel frattempo alcuni volumi sui cantautori italiani, che con il tempo diventano fondamentali per gli studi specialistici in questo settore. Si ritira poi per un certo periodo dalle scene, ritornando solo nel 1989 con un album inciso insieme a Stefano Iannucci (a cui collabora anche Lucilla Galeazzi, ed in cui viene inserita anche Domani è lontano, cover di Tomorrow is a long time di Bob Dylan), e partecipando in seguito al disco collettivo realizzato per raccogliere finanziamenti per il Folkstudio da cantautori come Corrado Sannucci e Luciano Ceri sotto la denominazione United Artist For Folkstudio.

La scomparsa prematura e il Premio Giorgio Lo Cascio[modifica | modifica wikitesto]

Muore nel 2001 all'età di 49 anni, dopo aver lottato per più di un anno contro una rara forma di tumore (mieloma multiplo). Durante la sua malattia, lo vengono spesso a visitare Francesco De Gregori e Antonello Venditti, ed è proprio grazie a questi incontri che i due si riavvicineranno umanamente e artisticamente.
Alla sua memoria viene istituito il Premio Giorgio Lo Cascio, concorso nazionale per valorizzare i giovani esponenti della canzone d'autore, che si svolge a Sant'Andrea Apostolo dello Ionio, in Calabria; la giuria è presieduta dal giornalista musicale Enrico Deregibus.
I vincitori delle varie edizioni:

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Bootleg[modifica | modifica wikitesto]

  • 1970 - Folkstudio 24-1-1970 - Bootleg dal vivo registrato al Folkstudio il 24 gennaio con Francesco De Gregori alla voce, alla chitarra ed all'armonica a bocca, mentre Lo Cascio canta, suona il pianoforte ed anche lui la chitarra; in alcune canzoni è presente Antonello Venditti al pianoforte[4].

Tracce:

  1. Signora Aquilone (Testo e musica di Francesco De Gregori) - canta Francesco De Gregori - 3'31
  2. Il mio fratello (Testo e musica di Francesco De Gregori) - cantano Francesco De Gregori e Giorgio Lo Cascio - 3'53
  3. Rosso corallo (Testo e musica di Francesco De Gregori) - cantano Francesco De Gregori e Giorgio Lo Cascio - 3'21
  4. Quando io e te faremo l'amore (Testo e musica di Francesco De Gregori e Giorgio Lo Cascio) - canta Giorgio Lo Cascio - 3'09
  5. A presto Marianne (So Long, Marianne) (Testo di Francesco De Gregori; testo originale e musica di Leonard Cohen) - cantano Francesco De Gregori e Giorgio Lo Cascio - 4'18
  6. Suzanne (Testo di Francesco De Gregori; testo originale e musica di Leonard Cohen) - canta Giorgio Lo Cascio - 4'18
  7. Un letto come un altro (Tonight Will Be Fine) (Testo di Francesco De Gregori; testo originale e musica di Leonard Cohen) - canta Francesco De Gregori - 3'36
  8. Triste regina della nebbia (Sad Eyed Lady of the Lowlands) (Testo di Giorgio Lo Cascio; testo originale e musica di Bob Dylan) - canta Giorgio Lo Cascio - 10'33
  9. Buonanotte Nina (Testo e musica di Francesco De Gregori) - canta Francesco De Gregori - 3'45
  10. Ho cercato di dirti (Testo e musica di Giorgio Lo Cascio) - canta Giorgio Lo Cascio - 3'07
  11. Je suis à toi (Testo e musica di Francesco De Gregori) - canta Francesco De Gregori - 4'11

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Curatela di Antonello Venditti, Canzoni, Roma, Lato Side, 1981.
  • Diventare cantautori, a cura di, Roma, Lato Side, 1981.
  • De Gregori, Padova, Muzzio, 1990. ISBN 88-7021-500-8.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il dizionario dei cantautori, Garzanti Libri, 2003, ISBN 978-88-11-74035-3.
  2. ^ Giorgio Lo Cascio, De Gregori, Franco Muzzio Editore, Padova, 1990, pagg. 30-31
  3. ^ Giorgio Lo Cascio (a cura di) - Antonello Venditti. Canzoni - Edizioni Lato Side, Roma, 1981, pag. 14
  4. ^ Tutte le informazioni su questo bootleg sono tratte dalla copertina della versione in audiocassetta

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuel Insolera, Giorgio Lo Cascio, intimamente italiano, articolo pubblicato su Ciao 2001 n° 11 del 17 marzo 1974
  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Enciclopedia della canzone italiana, editore Armando Curcio (1990); alla voce Lo Cascio Giorgio, di Giancarlo Susanna, pag. 919 e 920
  • Giorgio Lo Cascio, De Gregori, Franco Muzzio Editore, Padova, 1990
  • Giangilberto Monti e Veronica Di Pietro, Dizionario dei cantautori, Garzanti (2003); alla voce Giorgio Lo Cascio, pag. 292 e 293

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]