Giorgio Kaisserlian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Kaisserlian (... – ...) è stato un critico d'arte italiano di origine armena. Aderì al movimento spazialista fondato da Lucio Fontana, firmando insieme a Beniamino Joppolo e Milena Milani il Primo Manifesto dello Spazialismo, nel 1947. Sempre negli anni Quaranta, fonda, con Padre Arcangelo Favaro, la Galleria d'arte contemporanea San Fedele, a Milano. Fu a lungo segretario dell'Associazione Amici della Francia, che gestiva una galleria in Via Corso Emanuele sempre a Milano. Firmò numerosi cataloghi e organizzò mostre per diverse gallerie d'arte. Collaborò, sempre come critico d'arte, al quotidiano "Il Popolo". Molti suoi articoli sono conservati nel fondo Enrico Baj dell'Archivio del '900 del Museo d'arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Kaisserlian, Polemiche sul realismo, Edizione 5 lune, Roma, 1956.
  • Giorgio Kaisserlian, Giovane scultura milanese, Centro Culturale San Fedele, Milano, 1960.
  • Giorgio Kaisserlian, K(andinsky)-K(lee)-B(aumeister)-B(issier), Galleria Blu, Milano, 1962.
  • Giorgio Kaisserlian, Remo Brindisi, Edizioni della Conchiglia, Milano, 1966.
  • Giorgio Kaisserlian, Nuova situazione milanese, Nuova Milano Galleria d'Arte, Milano, 1966.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie