Giorgio Costantini (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Costantini (Venezia, ...) è un pianista e compositore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Giorgio Costantini inizia nei primi anni Ottanta, come accompagnatore alla tastiera di alcuni cantanti nazionali, quali Fiorella Mannoia, Renato Zero e Peppino di Capri. Ha prodotto diversi lavori per Belen Thomas.

Collaborazioni Televisive in RAI[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio Costantini inizia la sua attività di tastierista come accompagnatore in diversi programmi televisivi della RAI. Nel 1995 è stato tastierista in "Scommettiamo Che" su Rai1. Nel 1996 ha accompagnato Renato Zero al Teatro Sistina, su Rai1. Nel 1997 è stato tastierista nell'Orchestra della Rai per Sanremo Giovani. Nel 1998 e 1999 è stato presente al Festival di Sanremo come tastierista dell'Orchestra della Rai. Nel 1999 e 2001 è tornato al programma "Scommettiamo che...?". Dal 2003 al 2005 ha fatto parte dei musicisti di "Domenica In" su Rai1, dove ha accompagnato artisti del calibro di Lenny Kravitz, Elvis Costello, Gloria Gaynor e Lionel Ritchie.

Partecipazioni in concerti[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio Costantini ha accompagnato al pianoforte o alle tastiere, dal 1984 al 2009, diversi artisti nei loro concerti live. Tra questi: Fiorella Mannoia, Renato Zero, Michele Zarrillo, Peppino Di Capri, Stefano Zarfati, Tosca e Giovanni Imparato. Ha altresì collaborato alla programmazione e incisione delle tastiere in alcuni album dei citati artisti.

Partecipazioni nelle colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

È stato programmatore alle tastiere nei film: "L'amico d'infanzia" di Pupi Avati (1993), "Come due coccodrilli" di Giacomo Campiotti (1994).

È stato compositore nei film: "Prigionieri di un incubo" di Franco Salvia (2000), "Bimbi neri notti bianche" di Giulio Manfredonia (2006).

Concerti da solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 si è esibito in concerti dal vivo per pianoforte al National Concert Hall Theatre di Taipei (Taiwan) e poi al Chih-Deh Theatre di Kaohsiung (Taiwan).

Album da solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 pubblica l'album strumentale per pianoforte "PianoPianoForte" che riscuote enorme successo, soprattutto in Asia (Cina, Taiwan, Giappone), ma arriva anche ai vertici delle classifiche di USA, Europa e Inghilterra. In Italia entra nella top ten degli album più scaricati in digital download.[1]

Nel 2011 pubblica l'Album Universound.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]