Giorgio Costantini (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Costantini (Venezia, ...) è un pianista e compositore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

La carriera di Giorgio Costantini inizia nei primi anni Ottanta, come accompagnatore alla tastiera di alcuni cantanti nazionali, quali Fiorella Mannoia, Renato Zero e Peppino di Capri. Ha prodotto diversi lavori per Belen Thomas.

Collaborazioni Televisive in RAI[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio Costantini inizia la sua attività di tastierista come accompagnatore in diversi programmi televisivi della RAI. Nel 1995 è stato tastierista in "Scommettiamo Che" su Rai1. Nel 1996 ha accompagnato Renato Zero al Teatro Sistina, su Rai1. Nel 1997 è stato tastierista nell'Orchestra della Rai per Sanremo Giovani. Nel 1998 e 1999 è stato presente al Festival di Sanremo come tastierista dell'Orchestra della Rai. Nel 1999 e 2001 è tornato al programma "Scommettiamo che...?". Dal 2003 al 2005 ha fatto parte dei musicisti di "Domenica In" su Rai1, dove ha accompagnato artisti come Lenny Kravitz, Elvis Costello, Gloria Gaynor e Lionel Ritchie.

Partecipazioni in concerti[modifica | modifica wikitesto]

Giorgio Costantini ha accompagnato al pianoforte o alle tastiere, dal 1984 al 2009, diversi artisti nei loro concerti live. Tra questi: Fiorella Mannoia, Renato Zero, Michele Zarrillo, Peppino Di Capri, Stefano Zarfati, Tosca e Giovanni Imparato. Ha altresì collaborato alla programmazione e incisione delle tastiere in alcuni album dei citati artisti.

Partecipazioni nelle colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

È stato programmatore alle tastiere nei film: "L'amico d'infanzia" di Pupi Avati (1993), "Come due coccodrilli" di Giacomo Campiotti (1994).

È stato compositore nei film: "Prigionieri di un incubo" di Franco Salvia (2000), "Bimbi neri notti bianche" di Giulio Manfredonia (2006).

Concerti da solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 si è esibito in concerti dal vivo per pianoforte al National Concert Hall Theatre di Taipei (Taiwan) e poi al Chih-Deh Theatre di Kaohsiung (Taiwan).

Album da solista[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 pubblica l'album strumentale per pianoforte "PianoPianoForte" che riscuote enorme successo, soprattutto in Asia (Cina, Taiwan, Giappone), ma arriva anche ai vertici delle classifiche di USA, Europa e Inghilterra. In Italia entra nella top ten degli album più scaricati in digital download.[1]

Nel 2011 pubblica l'Album Universound.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]