Giorgio Cavedon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giorgio Cavedon (Brescia, 17 dicembre 193014 ottobre 2001) è stato un editore, fumettista e sceneggiatore italiano fondatore della casa editrice Ediperiodici e ideatore, insieme a Renzo Barbieri, della serie a fumetti Isabella, capostipite del genere dei fumetti per adulti, che ebbe numerosi epigoni e che generò un fenomeno di costume durante gli anni sessanta e settanta[1][2][3][4][5].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Brescia nel 1930, la famiglia nel 1935 si trasferisce a Milano dove, dopo il liceo classico, si iscrive alla facoltà di scienze politiche; da studente si interessa di cinema collaborando alla realizzazione di documentari e, inoltre, collabora con alcuni editori scrivendo articoli e libri, come il romanzo Con me alla conquista della cava, che venne pubblicato nel 1958 da Antonio Vallardi Editore.[2] Nel 1954 presenta al Festival di Cannes un cortometraggio sperimentale, Arturo.[2][6][7]

Conosce Renzo Barbieri con il quale inizia una lunga collaborazione nel campo delle relazioni pubbliche e poi in quello dell'editoria scrivendo soggetti e sceneggiature per una nuova serie a fumetti ideata da Barbieri, Isabella, pubblicata dall'Editrice 66 fondata dallo stesso Barbieri per pubblicare i fumetti tascabili di genere erotico; l'anno successivo i due divennero soci fondando una nuova casa editrice, le Edizioni ErreGI, per la quale entrambi gli editori sono anche autori;[4][2] in particolare Cavedon, ispirandosi alla serie di romanzi di Angelica, inventa riprendendo il personaggio già pubblicato per l'editrice 66, un vero e proprio romanzo storico che riuscì a coinvolge i lettori a tal punto che in redazione arrivavano lettere di persone convinte della reale esistenza del personaggio, facendo così raggiungere un successo notevole alla serie a fumetti, raggiungendo vendite di oltre centomila copie a numero; il successo del personaggio portò l'autore a scriverne anche sei romanzi in prosa, della serie Le Memorie di Isabella, pubblicati dal 1967 al 1970 e la sceneggiatura, insieme a Mario Amendola, della trasposizione cinematografica, Isabella duchessa dei diavoli, diretta poi da Bruno Corbucci nel 1969.[8][2] Insieme a Barbieri e con la collaborazione di altri autori, ideò poi altri personaggi di successo come Jacula, e altri nati sulla scia di Isabella, come Lucrezia, Messalina, Lucifera, Jungla, Hessa, De Sade, Jolanda e Bonnie. Il sodalizio con Barbieri venne interrotto nel 1972 quando questi gli cederà la casa editrice, che venne rinominata Ediperiodici, con tutte le testate; Cavedon riuscì a gestirla con altrettanto successo, creando uno staff di collaboratori come Silverio Pisu, Giorgio Pedrazzi, Remo Pizzardi, Carmelo Gozzo e Furio Arrasich.[2]

Nel 1979 è il regista del film Ombre con Monica Guerritore e Lou Castel, per il quale scrisse anche la sceneggiatura.[2]

Morì in Sardegna il 14 ottobre 2001.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Regia

  • Ombre (1980)[2]

Sceneggiatura

Assistenza alla regia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IMMAGINARIO SEXY: UN ENORME REPERTORIO A FUMETTI, su Cartoonist globale, 25 aprile 2018. URL consultato il 10 maggio 2019.
  2. ^ a b c d e f g h i j k Testimonianze - Giorgio Cavedon, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 10 maggio 2019.
  3. ^ ISABELLA, LA DUCHESSA DELL’EROTISMO - GIORNALE POP -, su - GIORNALE POP -, 26 novembre 2016. URL consultato il 10 maggio 2019.
  4. ^ a b "Immaginario Sexy": presentazione al Wow • Sbam! Comics, su Sbam! Comics, 3 settembre 2014. URL consultato il 10 maggio 2019.
  5. ^ Il progetto Vintagerotika • Sbam! Comics, su Sbam! Comics, 25 novembre 2016. URL consultato il 10 maggio 2019.
  6. ^ originefumetti, su www.elvifrance.fr. URL consultato il 13 maggio 2019.
  7. ^ (EN) Roberto Curti, Italian Gothic Horror Films, 1980-1989, McFarland, 21 febbraio 2019, ISBN 9781476672434. URL consultato il 13 maggio 2019.
  8. ^ Collezionismo: Isabella – C4 Comic, su c4comic.it. URL consultato il 10 maggio 2019.
  9. ^ a b Giorgio Cavedon filmografia, su ComingSoon.it. URL consultato il 10 maggio 2019.
  10. ^ a b c d Filmografia Giorgio Cavedon | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 10 maggio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Bono, Guida al fumetto italiano, Epierre, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN24626407 · ISNI (EN0000 0000 0080 6582 · BNF (FRcb12082524z (data) · WorldCat Identities (EN24626407