Giorgio Bellono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Bellono (Torino, 1808Torino, 1854) è stato un magistrato e politico italiano, sindaco di Torino dal 1850 al 1852.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu nominato sindaco di Torino con decreto reale il 25 gennaio 1850. Esercitò il proprio mandato in un periodo di grande espansione edilizia (tra il 1848 e il 1861 la popolazione passò da 136.000 a 204.000 abitanti)[1]: proprio durante il suo mandato, nel 1852, fu approvato il "Piano di ingrandimento della capitale" che intendeva gestire tale processo[2]. Alla scadenza del proprio mandato, alla fine del 1852, riferiva tra gli interventi conclusi il restauro della Chiesa della Gran Madre di Dio, la risistemazione della chiesa e del cenotafio di San Pietro in Vincoli, devastati dall'esplosione dell'Arsenale di Borgo Dora, la costruzione di nuove scuole e caserme[3].

Fu inoltre deputato del Regno di Sardegna nella IV e V legislatura, dal 1849 alla propria scomparsa, nel 1854[4].

La sua città gli ha intitolato una via nel quartiere Mirafiori Nord.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 1851-1852. Il piano di ingrandimento della capitale, su comune.torino.it. URL consultato il 30-04-2012.
  2. ^ Vera Comoli Mandracci, V. Fasoli, 1851-1852: il piano d'ingrandimento della capitale, Archivio storico della città di Torino, Torino, 1996
  3. ^ AA. VV., Storia di Torino, Vol. 6, La città nel Risorgimento (1798-1864), a cura di Umberto Levra, Giulio Einaudi Editore, Torino, 2000
  4. ^ Giorgio Bellono, su storia.camera.it. URL consultato il 30-04-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

AA. VV., Storia di Torino, Vol. 6, La città nel Risorgimento (1798-1864), a cura di Umberto Levra, Giulio Einaudi Editore, Torino, 2000, pp. 448-450

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Sindaco di Torino Successore Torino-Stemma.svg
Carlo Pinchia 1º febbraio 1850 - 31 dicembre 1852 Giovanni Notta
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie