Giorgio Barchiesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giorgio Barchiesi (Roma, 18 giugno 1957) è un conduttore televisivo, scrittore, gastronomo e ristoratore italiano. Noto come “Giorgione”, conduce da anni una trasmissione gastronomica su Gambero Rosso Channel.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività professionale[modifica | modifica wikitesto]

Barchiesi lascia la capitale a 19 anni, per attendere agli studi di veterinario, senza riuscire a specializzarsi. Dopo di ciò, apre un'azienda agricola e vinicola a Montefalco e inizia a produrre olio di qualità. Nel 2006, all’interno dell’azienda, apre il ristorante “Alla Via di mezzo”, utilizzando principalmente ingredienti di produzione propria o prodotti del territorio circostante. Il successo ottenuto gli permette di non scendere mai al di sotto dei 25 catering per anno[1].

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2012, Barchiesi inizia a condurre una serie televisiva su Gambero Rosso Channel, dal titolo “Giorgione – Orto e Cucina”[2], dedicata ai prodotti del periodo autunnale. Nel mese di luglio successivo, segue una seconda serie, dedicata soprattutto alla verdura, alla frutta e alle ricette del periodo estivo.

Il programma è ambientato nella sua azienda e inizia sempre con il conduttore che dà da mangiare agli animali da cortile, cura il suo orto, va in cerca di funghi, tartufi, erbette selvatiche o si procura gli ingredienti per cucinare dai produttori vicini. Acquisito il materiale e svelati allo spettatore alcuni segreti per valutare la bontà dei prodotti, Barchiesi prepara all’impronta tre pietanze con gli stessi. Di enorme corporatura, “Giorgione” è l’esatto contrario del cuoco raffinato: cuoce su un piano di cottura a induzione o su una vecchia stufa a legna e, talvolta, in un forno di campagna, con i tempi richiesti dalla cucina di una volta. A cottura ultimata, esegue un “test di qualità”, assaggiando alcuni bocconi e godendo della bontà della propria opera. Il successo è straordinario.

Nel 2014, Barchiesi idea e conduce “Giorgione porto e cucina”, dedicata ai piatti di mare, con il pescato delle due località delle sue vacanze estive giovanili: Anzio, località di origine della sua famiglia e la pugliese Trani. Stavolta fa precedere la predisposizione delle pietanze da una visita ai pescatori locali e poi esegue la cucina all’aria aperta[3].

Infine, nel 2016, si trasferisce in Val Pusteria, ai piedi del Monte Baldo, con una trasmissione dedicata alla cucina di montagna:“Giorgione monti e cucina”[4].

Recentemente ha ripreso la trasmissione originaria (“Giorgione – Orto e Cucina”), ma specializzando le singole puntate alla cucina regionale italiana, con puntate dedicate all’Emilia-Romagna (da un’azienda agricola dell’Appennino Tosco-Emiliano), alla Liguria (da Albenga), a Roma (dalla terrazza di un hotel con vista sui Fori Imperiali), alla Sardegna e alla Sicilia[5]. Ha mantenuto, però, lo stesso “format”; procurandosi, cioè, gli ingredienti dai produttori o dai mercati locali e poi cucinandoli all’aria aperta o in una fattoria. In Sicilia ha festeggiato la centesima puntata della trasmissione[6].

Attività editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Al successo televisivo Giorgione ha unito quello editoriale con il libro “Giorgione Orto e Cucina” edito da Gambero Rosso, presto divenuto un best seller, raggiungendo oltre 30.000 copie vendute in soli sei mesi[7]. Ad esso ha fatto seguito “Giorgione: le Origini”, dove ha raccolto le ricette di mare di “Giorgione porto e cucina”, giungendo in testa su Amazon, nella classifica di vendita dei libri di cucina[8]. Ha, infine pubblicato anche "Giorgione. Orto e cucina. Vol. 2", edito sempre da Gambero Rosso, dedicato alla cucina regionale[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgione. Orto e cucina - Gambero Rosso GRH, 2014
  • Giorgione - Le Origini - Gambero Rosso GRH, 2015
  • Giorgione. Orto e cucina. Vol. 2 - Gambero Rosso GRH, 2016

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]