Giorgio Arcoleo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Arcoleo
Giorgio Arcoleo daticamera.jpg

Deputato del Regno d'Italia
In carica
LegislaturaXV, XVI, XVII, XVIII, XIX, XX
Sito istituzionale

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato25 novembre 1902 –
7 luglio 1914
Legislaturadalla XXI
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studioLaurea in giurisprudenza
UniversitàUniversità di Napoli
Professionegiurista

Giorgio Arcoleo (Caltagirone, 15 agosto 1848Napoli, 7 luglio 1914) è stato un giurista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi a Napoli in Giurisprudenza, si distinse inizialmente come letterato tra gli allievi di Francesco De Sanctis. A partire dal 1877 pubblicò una serie di monografie di diritto pubblico e costituzionale che gli consentirono di ottenere la cattedra di Diritto Costituzionale presso l'Università di Napoli (nella cui storica sede gli è stata dedicata un'aula).

Eletto deputato per la prima volta nel 1885 nel collegio di Caltagirone, assunse anche incarichi di governo, prima come sottosegretario all'Agricoltura e commercio nel 1891, alle Finanze nel 1896 e poi agli Interni nel 1898.

Non si ricandidò alla Camera dei deputati alle elezioni del 1900, per protesta contro il decreto Pelloux che reprimeva la libertà di stampa[1].

Nel 1902 fu nominato senatore del regno in virtù dei precedenti mandati da deputato. Fu relatore, tra l'altro, di un progetto di riforma del Senato, ricordato con il suo nome. Negli ultimi anni, benché "privato della vista, colla vivida fiamma della sua intelligenza, continuò a parlare dalla cattedra, ad arringare nei tribunali, ed a pronunziare splendidi discorsi anche in quest'Aula", come fu ricordato in sede di commemorazione funebre del Senato del Regno[2].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cfr. Luca Tedesco, “Contro i teologi del despotismo”. Giorgio Arcoleo e la reazione fin de siècle, in Id., Giorgio Arcoleo e i teologi del dispotismo, Torino, IBL Libri, 2017. Vi si legge, tra l'altro, che negli Atti parlamentari non vi è traccia delle dimissioni di Arcoleo. Anche una verifica negli Incarti di Segreteria della Camera Regia, nel Manuale Parlamentare, nell’edizione cumulativa delle prime XXIX legislature del Regno (Roma 1934), e nell'Indice dell’attività parlamentare, ha dato lo stesso esito.
  2. ^ Senato del Regno, Atti parlamentari. Discussioni, 7 luglio 1914, intervento del senatore SCILLAMÀ.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Discorsi parlamentari di Giorgio Arcoleo, collana dell'Archivio storico del Senato della Repubblica, ed. il Mulino, 2005

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN23964189 · ISNI (EN0000 0001 1751 0312 · SBN RAVV083360 · BAV 495/79670 · LCCN (ENn2002102127 · GND (DE116319771 · BNE (ESXX1754940 (data) · BNF (FRcb155942154 (data) · J9U (ENHE987007294237805171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2002102127
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie