Giorgio Alberto Chiurco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giorgio Alberto Chiurco

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXVIII Legislatura, XXIX Legislatura

Dati generali
Partito politico Partito Nazionale Fascista
Titolo di studio laureato in medicina
Professione docente universitario e direttore dell'Istituto di patologia chirurgica

Giorgio Alberto Chiurco (Rovigno d'Istria, 13 ottobre 1895Brescia, 1975) è stato un politico, medico e storiografo italiano, fu deputato del PNF dal 1929 al 1939 e capo della Provincia di Siena durante la RSI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'irredentismo[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1895 a Rovigno d'Istria da una famiglia irredentista in condizioni economiche disagiate: il padre Domenico era muratore saltuario, la madre Domenica Basilisco dedita a piccoli lavoretti[1]. A Rovigno era conosciuto con il soprannome di Barbabella[2]. Fu perseguitato dal governo austroungarico[senza fonte].

Si trasferì a Siena per frequentare la facoltà di Medicina, laurendosi nel 1921 e divenendo qui contradaiolo della Tartuca.

Lo squadrismo 1919-22[modifica | modifica wikitesto]

Di estrazione repubblicana, aderì nel giugno 1919 ai Fasci Italiani di Combattimento e assunse il comando della squadra d'azione di Siena, divenendo in poco tempo prima segretario cittadino e poi segretario federale.

Promosse e coordinò l'attività delle squadre fasciste in provincia di Siena, partecipando anche a numerosi scontri contro i socialisti. Il 3 maggio 1921, di ritorno da una spedizione contro le leghe rosse di Poggibonsi, fu arrestato per tentato omicidio plurimo e violenze private, ma fu rilasciato pochi giorni dopo. Il 16 giugno comandò una spedizione a Radicondoli, in seguito alla quale ottenne il secondo arresto; il terzo di questi avvenne a Montepulciano il 13 agosto, dove si diresse con una squadra "per un'inchiesta sulle continue persecuzioni dell'Autorità contro il Fascismo"[3]

Nel settembre dello stesso anno partecipò ad una riunione segreta a Ferrara con Italo Balbo, Giuseppe Caradonna, e Codeluppi, con i quali avrebbe dovuto "uccidere Nitti in caso di un suo ritorno al potere".[4]

Il 21 ottobre 1921 fu ferito al braccio sinistro da una scheggia di bomba a mano mentre tornava da una spedizione squadrista ad Ospo (Pola). A maggio del 1922 fu indagato, in concorso con altri, per violenze e tentato omicidio plurimo. Ad agosto del 1922, organizzò la repressione dello sciopero legalitario antifascista a Montieri, nel grossetano, intimando alla giunta comunale di dimettersi; la Questura avviò un'indagine contro di lui, dalla quale però uscì incolume grazie all'appoggio del prefetto. La stessa cosa avvenne dopo un'analoga spedizione l'11 agosto contro l'amministrazione comunale di Poggibonsi[3].

Nel settembre del 1921, nella provincia di Siena, fallite le trattative con gli agrari per l'assunzione, da parte di costoro, dei disoccupati della zona, Chiurco organizzò l'occupazione delle terre. Lo stesso Mussolini, tuttavia, espresse la sua disapprovazione per tale iniziativa, perché troppo simile ai metodi "bolscevichi"[3].

Il 24 ottobre del 1922 venne convocato come delegato di Siena al congresso nazionale del Partito Nazionale Fascista (PNF) a Napoli. Nella notte del 26 partecipò alla riunione dei comandanti di legione e dei segretari politici federali della Toscana, a cui per Siena partecipò anche Vittorio di Rorà, in cui si decisero le linee guida dell'azione militare. Chiurco ebbe incarico di portare avanti l'esecuzione del piano, in collaborazione con l'ingegnere Ettore Bayon, capo della milizia fascista senese. Completata l'occupazione di Siena e dei centri della provincia la sera del 27 ottobre, Chiurco organizzò la partenza di tremila squadristi senesi verso Roma. Qui ricevette il comando di un'intera colonna di camicie nere, con l'ordine di guidare una delle direttrici dell'occupazione della Capitale: quella attraverso Porta Salaria.[5]

Attività durante il regime fascista[modifica | modifica wikitesto]

Divenne Console medico della Milizia Volontaria per la Sicurezza Nazionale (MVSN). Fu parlamentare alla Camera dei deputati a partire dal 1929, rimanendo in carica fino al 1939. Fu Direttore dell'Istituto di Patologia Chirurgica presso l'Università di Siena. Partecipò alla guerra d'Abissinia e alla Guerra di Spagna. Nel 1936 fu medico militare in Somalia, dove diresse un ospedale da campo[6]. Dal 1937 al 1939, durante la guerra civile spagnola, resse il reparto di Chirurgia dell'Ospedale Militare di Saragozza.

Nel 1938 viene invitato in Germania dal professor Ernst Ferdinand Sauerbruch, direttore della clinica chirurgica dell'Università di Berlino, per tenere una lezione sulle lesioni chirurgiche nella Guerra d'Abissinia e sull'esperienza ottenuta nell'Africa Orientale Italiana[3].

Aderì alla Repubblica Sociale Italiana (RSI) e fu Prefetto di Siena (25 ottobre 1943-1º luglio 1944). Fu Delegato Generale della Croce Rossa Italiana per la Repubblica Sociale Italiana in Germania[3].

Si impegnò con successo per il riconoscimento di Siena quale città ospedaliera durante la guerra, salvandola così dai bombardamenti[7].

Sembra che sia stato coinvolto nella soffiata che permise alla maggior parte degli ebrei senesi di mettersi in salvo dalla retata tedesca tra il 5 e 6 novembre[senza fonte]. Gestì il delicato periodo post 8 settembre, anche grazie all'accondiscendenza dei rappresentanti del CNL che lo consideravano l'unica autorità in grado evitare rappresaglie tedesche sulla popolazione[senza fonte].

Il dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo la Liberazione fu condannato a morte per crimini di guerra[3]. Arrestato dalla polizia militare alleata in Austria nell'agosto del 1945, fu consegnato al prefetto di Verona che lo tradusse in carcere[8]. Nel 1948 la Corte di Assise Speciale di Siena lo condannò all'ergastolo per collaborazionismo e a 30 anni di prigionia per concorso nell'omicidio dei partigiani periti nelle varie azioni da lui ordinate, in particolare la strage di Montemaggio[8].

Il 20 gennaio 1950 la Corte d'Assise di Viterbo lo condannò a 22 anni di reclusione, per collaborazionismo militare e omicidio continuato e aggravato, sentenza contro cui Chiurco ricorse in Cassazione. La Cassazione annullò la sentenza, rinviando alla Corte d'Appello di Perugia, la quale il 20 giugno 1953 lo prosciolse dall'accusa di omicidio e riconobbe l'intervenuta amnistia per il reato di collaborazionismo[3].

In campo medico negli anni cinquanta approfondì i suoi studi sul cancro, inteso come malattia professionale. Pubblicò diversi articoli che gli valsero una certa notorietà nel mondo accademico.[9][10]

Nel 1958 fu direttore del centro ricerche e studi precancerosi dell'università di Roma.[11]

È stato membro della Accademia Tiberina.[12]

Nel 1994 la moglie Elisabet Ruth, che insegnò a Siena dagli anni '30, presso il liceo classico Piccolomini lingua tedesca, è stata ospite delle Associazioni militari senesi che organizzarono un convegno su Siena città ospedaliera e in cui si parlò molto del marito Giorgio Alberto Chiurco, già prefetto. Da allora il giornalista senese Andrea Bianchi Sugarelli ha iniziato una revisione storica dell'ex capo del fascismo della provincia di Siena che ha portato a diverse pubblicazioni sul quotidiano Corriere di Siena e alla partecipazione e organizzazione di eventi sulla figura del gerarca e deputato fascista tendenti alla sua riabilitazione istituzionale.

Lo scrittore[modifica | modifica wikitesto]

La sua Storia della Rivoluzione Fascista (1919-1922), in cinque volumi, che offre una cronaca degli eventi italiani del primo dopoguerra, è considerata dalla storiografia più autorevole un'opera scientificamente poco valida, faziosa e sostanzialmente inutile ai fini della comprensione degli avvenimenti narrati[13].

«Un compito grave mi sono assunto: documentare ed illustrare la cronistoria degli anni rivoluzionari dal gennaio 1919 all’instaurazione del Governo di Mussolini; dal periodo radioso di Milano che vide sorgere i primi combattenti della nuova guerra, dall’impresa eroica di Gabriele d’Annunzio che col suo gesto rivoluzionario dette all’Italia il Nevoso e la martire Fiume — attraverso gli anni di sacrificio e di sangue — alle giornate insurrezionali dell’adunata di Napoli e della marcia su Roma, ottobre 1922»

(Giorgio Alberto Chiurco, prefazione a Storia della Rivoluzione Fascista (1919-1922)[14])

La sua opera La sanità delle razze nell'impero italiano[15], con le sue oltre mille pagine in cui Chiurco asseriva tra l'altro l'"inferiorità biologica dei negri", divenne uno dei principali riferimenti pseudo-scientifici a giustificazione delle leggi razziali.[16][17] In tale opera Chiurco analizzò quello che definì il "regresso degli etiopi"[18], asserendo che ormai non solo l'etiope, ma "la razza nera è refrattaria ad ogni evoluzione intellettuale".[19][20]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Opere e saggi storici[modifica | modifica wikitesto]

  • Fascismo Senese. Martirologio toscano dalla nascita alla gloria di Roma, Tipografia Combattenti, Siena, 1923.
  • Fascismo universitario senese dalle origini alla sagra di Santa Gorizia, Tipografia S. Bernardino, Siena, 1927.
  • Storia della Rivoluzione Fascista, Vallecchi editore, Firenze, 1929 (ristampato dalle Edizioni del Borghese nel 1972).
  • La rivoluzione fascista con particolare riguardo alla provincia di Siena, Meini, Siena 1929?, estr. da «Il popolo senese», 7(1929), n. 22
  • Manuale di cultura fascista, ed. A. Morano, 1930.
  • Elementi di cultura Fascista, ed. A. Morano, 1934.

Opere e pubblicazioni di medicina[modifica | modifica wikitesto]

  • Precancerogenesi e tumori professionali (Malattie professionali: prevenzioni, diagnosi e terapie precoci), (EN) [Precancerous lesions and occupational tumors (occupational diseases, prevention, early diagnosis and therapy], Vol. I, Tipo-Litografia INAIL, Milano 1955.
  • Attività didattica, scientifica-chirurgica in pace e in guerra dell'Istituto di Patologia Chirurgica e Propedeutica Clinica della R. Università di Siena, Editore S. Caterina, Siena, 1942.
  • Contributo alla chirurgia cranica: ematoma intracerebrale, Editore S. Bernardino, Siena 1938.
  • L'educazione fisica nello Stato fascista : fisiologia e patologia chirurgica dello sport, Editore S. Bernardino, Siena 1935.
  • Micosi chirurgiche, con Giuseppe Bolognesi, Editore Senese, Siena 1927.
  • Vivre et Travailler dans la Joie, ed. IRCP, 1973 (testo in lingua francese, è l'ultimo libro scritto da Chiurco e da quello che è stato possibile conoscere, ne rimane una sola copia privata in tutto il mondo, oltre alla copia presso l'U.S. National Library of Medicine - National Institutes of Health).

Fu autore di 21 altre pubblicazioni (tra il 1954 e il 1973), che possono essere reperite (in italiano, spagnolo, inglese e tedesco) presso la National Library of Medicine di Bethesda, Maryland negli Stati Uniti.[21]

  • La sanità delle razze nell'Impero Italiano Di Giorgio Alberto Chiurco, Istituto fascista dell'Africa italiana, 1940.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Angelo Fortunato Formíggini Chi è?: Dizionario degli Italiani d'oggi, 1940
  2. ^ Istituto Giangiacomo Feltrinelli Annali - Istituto Giangiacomo Feltrinelli, Volume 11, Feltrinelli, 1970
  3. ^ a b c d e f g Mimmo Franzinelli, Squadristi. Protagonisti e tecniche della violenza fascista 1919-1922, Mondadori, Milano 2003, pp. 203-4.
  4. ^ Giorgio Alberto Chiurco, Storia della Rivoluzione Fascista 1919-1922, Firenze, Vallecchi, 1929, vol. III, p. 510.
  5. ^ Opera Omnia di Benito Mussolini, a cura di Edoardo e Duilio Susmel, La Fenice, Firenze.
  6. ^ Gerald Parsons The cult of Saint Catherine of Siena: a study in civil religion, Ashgate Publishing, Ltd, 2008
  7. ^ Pietro Ciabattini, Quando i senesi salvarono Siena - Siena città ospedaliera, Edizioni Settimo Sigillo, Roma, 1997
  8. ^ a b A. Orlandini, G. Venturini, I giudici e la resistenza, La Pietra, Milano, pp.127-134, 1983.
  9. ^ In British journal of industrial medicine, Volumi 14-15 p.300, Great Britain 1957 si legge: "In the volume under review it is quite obvious that Chiurco, who is a senior surgeon, is a protagonist of the statistical approach to human pre-ancer, cancer, and industrial cancer."
  10. ^ Nella biblioteca nazionale di medicina degli Stati Uniti, "U.S. National Library of Medicine - National Institute of Health", è possibile rintracciare 21 articoli pubblicati da Chiurco dal 1954 al 1973.
  11. ^ [Tumori, Volume 44 , Istituto nazionale per lo studio e la cura dei tumori, Istituto nazionale per lo studio e la cura dei tumori (Italy), Società italiana di cancerologia, 1958
  12. ^ Elenco pubblicato dei medici accademici Tiberini, su accademiatiberina.it (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2011).
  13. ^ Renzo De Felice, Le interpretazioni del fascismo, Laterza, Roma-Bari 1995, pag. 221: "Scarsissimo valore ha, al di là di quello di una mera sistemazione cronachistica degli avvenimenti del 1919-22, la Storia della rivoluzione fascista di G. A. Chiurco, ricostruzione ufficiale e parzialissima dell'azione fascista sino alla marcia su Roma pubblicata in occasione del decennale della fondazione dei Fasci e priva di ogni intelligenza sia storica sia politica".
  14. ^ Giorgio Alberto Chiurco Storia della Rivoluzione Fascista, Vallecchi editore, Firenze (ristampato dalle Edizioni del Borghese nel 1972)
  15. ^ Giorgio Alberto Chiurco La sanità delle razze nell'impero italiano Di Giorgio Alberto Chiurco, Instituto fascista dell'Africa italiana, 1940
  16. ^ Simone Duranti Un medico al servizio della campagna razziale. Giorgio Alberto Chiurco (fascicolo: 219, pagine: 249 - 262), Milano, ed. Italia contemporanea, 2000. Le lettere, 1996. ISBN 88-7166-284-9, 9788871662848, Edizioni Settimo Sigillo, Roma, 1997
  17. ^ Enzo Collotti, Il fascismo e gli ebrei: le leggi razziali in Italia, Laterza, 2003 pp.33
  18. ^ La sanità delle razze nell'impero italiano Di Giorgio Alberto Chiurco, op. cit., p. 509
  19. ^ La sanità delle razze nell'impero italiano Di Giorgio Alberto Chiurco, op. cit., p. 538
  20. ^ Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia Italia contemporanea, Volume 219, Carocci, 2000
  21. ^ Giorgio Alberto Chiurco, publications, presso la U.S. National Library of Medicine - National Institutes of Health, www.ncbi.nlm.nih.gov

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edoardo e Duilio Susmel, Opera Omnia di Benito Mussolini, La Fenice, Firenze.
  • Angelo Fortunato Formíggini, Chi è?: Dizionario degli Italiani d'oggi, 1940.
  • Mimmo Franzinelli, Squadristi: protagonisti e tecniche della violenza fascista, 1919-1922, Mondadori, 2003. ISBN 88-04-51233-4, 9788804512332.
  • Enzo Collotti, Ebrei in Toscana tra occupazione tedesca e RSI: Saggi, Carocci, 2007. ISBN 88-430-4007-3, 9788843040070 p128
  • Luca Luchini, Siena 1940-1944. Il dramma della guerra e della liberazione, Siena, edizioni il Leccio, 2008.
  • Simone Duranti, Un medico al servizio della campagna razziale. Giorgio Alberto Chiurco (fascicolo: 219, pagine: 249 - 262), Milano, ed. Italia contemporanea, 2000. Le lettere, 1996. ISBN 88-7166-284-9, 9788871662848
  • Salvatore Lupo, Il fascismo: la politica in un regime totalitario, Roma, Donzelli, 2000. ISBN 88-7989-580-X
  • Ugo Dragoni, La scelta degli I.M.I.: militari italiani prigionieri in Germania (1943-1945) p. 125, Le lettere, 1996 - ISBN 88-7166-284-9, 9788871662848
  • British Medical Association, British journal of industrial medicine, Volumi 14-15, British Medical Association, 1957.
  • Floriana Colao, Il processo Chiurco. Giustizia e politica nella Siena del secondo dopoguerra, Il Leccio, 2013.

Quotidiani e riviste[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Bianchi Sugarelli, Corriere di Siena, 31 dicembre 2012.
  • Fabio Masotti, Corriere di Siena, 6 gennaio 2013.
  • Andrea Bianchi Sugarelli, Corriere di Siena, 29 settembre 2013: "Ritrovato il corpo di Chiurco".
  • Andrea Bianchi Sugarelli, Corriere di Siena, 10 aprile 2014: "Le spoglie di Chiurco non riposeranno nei cimiteri di Siena".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN213665811 · ISNI (EN0000 0003 9821 1385 · LCCN (ENn98034751 · GND (DE12343985X · BNF (FRcb144898473 (data) · BAV ADV10016834