Giorgio, duca del Meclemburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giorgio
Duca di Meclemburgo
Capo del casato di Meclemburgo-Strelitz
In carica 6 dicembre 1934 – 6 luglio 1963
Predecessore duca Carlo Michele
Successore duca Giorgio Alessandro
Nome completo (DE) Georg Alexander Michael Friedrich Wilhelm Albert Theodor Franz
Nascita Oranienbaum, Russia, 5 ottobre 1899
Morte Sigmaringen, Germania Ovest, 6 luglio 1963
Padre duca Giorgio Alessandro di Meclemburgo-Strelitz
Madre Natal'ja Fëdorovna Vonljarljarskaja, contessa di Carlow
Coniugi Irina Mikhailovna Raievskya
Carlotta d'Asburgo-Lorena

Giorgio, duca di Maclemburgo (tedesco: Georg Herzog zu Mecklenburg; Oranienbaum, 5 ottobre 1899Sigmaringen, 6 luglio 1963), è stato il capo del casato di Meclemburgo-Strelitz dal 1934 fino alla sua morte. Attraverso suo padre, è un diretto discendente (bis-bisnipote) dell'imperatore russo Paolo I.

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Oranienbaum in Russia come conte Giorgio di Carlow e come figlio minore ed unico maschio del duca Giorgio Alessandro di Meclemburgo (1859 - 1909) e della moglie morganatica Natal'ja Fëdorovna Vonljarljarskaja, contessa di Carlow (1858 - 1921), figlia di Fyodor Ardalionovich Vonljarsky (1835-1903) e di sua moglie Mariya Fyodorovna Uvarova. BPoiché il matrimonio dei suoi genitori era morganatico, alla nascita gli fu negato il titolo di duca di Meclemburgo; il suo titolo, invece, gli proveniva da sua madre, che era stata creata contessa di Carlow il 18 marzo 1890 dallo zio di suo marito, il granduca Federico Guglielmo di Meclemburgo-Strelitz.[1] Quando suo padre morì nel 1909, suo zio, il duca Carlo Michale fu nominato Tutore di Giorgio e delle sue sorelle Caterina, Maria e Natalia dal granduca Adolfo Federico V di Meclemburgo-Strelitz.[2] Dopo la rivoluzione d'ottobre del 1917 Giorgio e la sua famiglia fuggirono dalla Russia diretti prima in Francia prima di trasferirsi in Germania.[3]

L'11 settembre 1928 Giorgio fu adottato dallo zio duca Carlo Michele, che era il capo della casata di Mecklenburg-Strelitz.[4] L'adozione fu confermata nei tribunali a Malchin il 5 ottobre 1928[4] e di conseguenza egli adottò il cognome Meclemburgo che apparteneva allo zio e padre adottivo.[5] In seguito alla sua adozione, Giorgio assunse anche il titolo di duca di Meclemburgo con il trattamento di altezza serenissima.[4] Ciò fu confermato dal capo della casa imperiale russa, il granduca Kirill Vladimirovič Romanov il 18 luglio 1929 e riconosciuto il 23 dicembre dal granduca Federico Francesco IV di Meclemburgo-Schwerin.[4] Il duca Giorgio studiò scienze politiche all'università di Friburgo divenne dottore di economia e scienze sociali.[6]

Capo del casato[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 dicembre 1934, suo zio duca Carlo Michele morì, e Giorgio gli succedesse come capo del casato di Meclemburgo-Strelitz.[7] Visse con la famiglia nel castello di Remplin fino ad aprile 1940, quando la parte principale del palazzo fu bruciato. La famiglia granducale si trasferì poi a Grunewald, dove la loro casa venne distrutta in un bombardamento nel febbraio del 1944.[8] Nell'agosto 1944, Giorgio fu arrestato dalla Gestapo e inviato al campo di concentramento di Sachsenhausen dal governo nazista, dove rimase fino al febbraio 1945.[8] Dopo il suo rilascio, il duca Giorgio e la sua famiglia si trasferirono aSigmaringen su invito della principessa Margherita di Hohenzollern (moglie Federico, principe di Hohenzollern) nel marzo 1945.[8]

Il 18 dicembre 1950 il casato di Meclemburgo-Schwerin confermò le decisioni prese nel 1929 riguardo al titolo di Giorgio, che assunse il titolo di altezza[4] mentre il suo status di capo della casata venne confermato.[9] Al tempo stesso venne abolito il titolo di conte di Carlow.

Giorgio morì a Sigmaringen in Germania per un attacco di cuore.[10] Gli successe come capo della casata granducale il maggiore dei suoi figli maschi, il duca Giorgio Alessandro.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il duca Giorgio si sposò una prima volta a Ginevra, in Svizzera, il 7 ottobre 1920 con Irina Mikhailovna Raievskya, contessa Tolstoj (1892-1955), figlia di Mikhail Nikolaievich Rayevsky (1841–1893) e della principessa Mariya Grigoryevna Gagarina (1851 - 1941) e vedova del conte Alexandr Mikhailovich Tolstoj (1888-1918).[4] Irina era membro della famiglia Rayevski che erano uno degli eredi del famoso Grigori Potemkin, principe di Tauria, discendenti dalla sorella del principe senza figli. La coppia ebbe quattro figli anche se un figlio Alessandro nato il 3 agosto 1922 morì all'età di soli diciotto giorni.[11] I figli che sopravvissero fino all'età adulta furono.

Nel maggio 1956, dopo esser rimasto vedovo, si fidanzò con l'arciduchessa Carlotta d'Austria,[13] figlia dell'ultimo imperatore austriaco, Carlo I e di Zita di Borbone-Parma. Si sposarono con rito civile il 21 luglio 1956 a Pöcking in Germania seguito da una cerimonia religiosa quattro giorni dopo..[5]

Titoli e trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Allemagne Dynastique, Tome VI : Bade-Mecklembourg, pp. 230.
  2. ^ Mecklenburg-Strelitz, Beiträge zur Geschichte einer Region, pp. 187.
  3. ^ Duke Succumbs, The Capital Times, 8 luglio 1963, p. 4.
  4. ^ a b c d e f L'Allemagne Dynastique, Tome VI : Bade-Mecklembourg, pp. 235.
  5. ^ a b Darryl Lundy, Georg Alexander Herzog von Mecklenburg, The Peerage. URL consultato il 4 marzo 2008.
  6. ^ Friedrich P Kahlenberg e Hartmut Weber, Die Kabinettsprotokolle der Bundesregierung, Oldenbourg Wissenschaftsverlag, pp. 149, ISBN 3-486-56281-9.
  7. ^ Mecklenburg-Strelitz, Beiträge zur Geschichte einer Region, pp. 188–189.
    «....Herzog Carl Michael verstarb am 6. Dezember 1934 in Remplin. Neues Oberhaupt des Strelitzer Fürstenhaus wurde sein neffe Herzog Georg....».
  8. ^ a b c Uwe Oster, Musik und Literatur als roter Faden, Hohenzollerische Zeitung, 14 marzo 2008. URL consultato l'8 aprile 2008.
  9. ^ Le Petit Gotha, p. 198, ISBN 2-9507974-3-1.
  10. ^ Georg of Mecklenburg Dies, New York Times, 8 luglio 1963, p. 29.
  11. ^ Mecklenburg-Strelitz, Beiträge zur Geschichte einer Region, pp. 188.
  12. ^ House of Mecklenburg-Strelitz genealogy
  13. ^ Archduchess to Marry, New York Times, 16 maggio 1956, p. 31.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore -TITOLARE-
Granduca di Meclemburgo-Strelitz
Successore
Carlo Michele 6 dicembre 1934 – 6 luglio 1963
Motivo per la mancata successione:
Granducato abolito nel 1918
Giorgio Alessandro
Controllo di autorità VIAF: (EN52005521 · GND: (DE124672884 · BNF: (FRcb15558826k (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie