Giordano Berti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giordano Berti (2005).

Giordano Berti (Bologna, 27 febbraio 1959) è uno scrittore italiano, organizzatore di eventi culturali ed autore di numerosi studi dedicati ai rapporti fra arte ed esoterismo, oltre a romanzi, opere di narrativa fantastica e di poesia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bologna, Giordano Berti ha vissuto per 35 anni a Monghidoro, sull'Appennino bolognese, luogo d'origine della sua famiglia. Dopo il diploma all'Istituto tecnico industriale Aldini Valeriani di Bologna fu assunto come progettista presso la fabbrica di macchine automatiche Marchesini di Pianoro, e al tempo stesso si iscrisse alla Facoltà di Lettere e Filosofia all’Università di Bologna.

Nel 1983, dopo un periodo di attività artistica che lo aveva portato ad esporre in importanti spazi, come il Museo della Grafica di Brisighella e Palazzo Re Enzo a Bologna, avviò una nuova carriera professionale come redattore presso la casa editrice Eurographis di Bologna, proseguendo le ricerche sulla storia dell’esoterismo occidentale con particolare riferimento alle arti visive e alla letteratura.

Dal 1985 al 1990 ha collaborato con l'organizzazione delle Feste medievali di Brisighella, scrivendo la sceneggiatura e i testi per spettacoli di Teatro di strada, tutti messi in scena per la regia di Andrea Vitali. Tra questi spiccano Coniunctio alchemica (1991, ispirato alle fasi della trasformazione dei metalli, che nella prospettiva dell'alchimia sono espressione dei caratteri umani) e La tirannia degli Astri (1994, ispirato ai miti dell'astrologia), che furono rappresentati in varie piazze italiane: Brisighella, Livorno, Trento, Fano, Capua. In occasione delle Feste medievali ha organizzato numerose mostre sui simbolismi del Medioevo (al Museo della Grafica e presso il Teatro comunale).

Nel 1987 avviò l'attività di consulente di storia e simbolismo per le Edizioni d'Arte Lo Scarabeo di Torino, con le quali ha pubblicato numerosi studi storici, diretto una collana di giochi didattici (ideando fra l'altro "Gnomopoli", "Jurassic" e "Giocofiaba"[1]) e ideato nuovi mazzi di Tarocchi d'Arte realizzati da grandi illustratori come Atanas Atanassov, Severino Baraldi, Giacinto Gaudenzi, Jassen Ghiuselev, Antonio Lupatelli. Inoltre, in collaborazione con Tiziano Sclavi ha curato la pubblicazione dei Tarocchi di Dylan Dog dipinti da Angelo Stano nel 1991.

Nel 1993 è stato tra i fondatori dell'Istituto Graf di Bologna, di cui è stato per molti anni il presidente e per il quale ha diretto l'organizzazione di grandi mostre, in collaborazione con famosi storici e filosofi come Michael Dummett, Franco Cardini, Cecilia Gatto Trocchi, Andrea Vitali e Paolo Aldo Rossi.[2] Nello stesso anno ha ideato, assieme ad Alberto Dal Pozzo, "Mystèria", rassegna di spettacoli, mostre, talk-show e momenti di intrattenimento legati ai più diversi temi dell'esoterismo, che nel corso degli anni ha visto la partecipazione di famosi personaggi della cultura, dello spettacolo e dell'arte, come gli storici Cecilia Gatto Trocchi e Paolo Aldo Rossi, i neurologi Marco Margnelli e Pierangelo Garzia, il demonologo mons. Corrado Balducci, i giornalisti Luciano Gianfranceschi e Manuela Pompas, l'astrologa di Canale 5 Luisa De Giuli, lo showman Marco Columbro, i pittori Davide Tonato, Luigi Scapini e Carlo Pastore. La prima edizione di Mystèria si svolse al Palazzetto dello Sport di Sesto S. Giovanni (milano), nel dicembre 1993 ed è proseguita in altre città italiane (Torino, Padova, Rimini e Parma), fino al 1998.

Dal 1991 collabora con la rivista Charta per la rubrica Grandi Biblioteche, oltre che con articoli su temi vari di iconologia e bibliofilia.[3] Per altre riviste a diffusione nazionale (Medioevo, Atmosphere, Terzo Occhio, Giornale dei Misteri, Hera, Fenix) pubblica articoli di storia dell'arte e del costume, con particolare riferimento alle tradizioni esoteriche occidentali, antiche e moderne (alchimia, astrologia, angelologia, demonologia, magia, spiritismo, stregoneria, tarocchi, tecniche della divinazione, fratellanze occulte e società segrete). Su questi temi, inoltre, ha realizzato opere multimediali e videoinstallazioni.

Sulla rivista MRV ha pubblicato numerosi articoli dedicati al rapporto degli alimenti con la mitologia e la magia. Tra l'altro, Giordano Berti è membro dell’OIAT, Organizzazione Internazionale Assaggiatori di Tartufo legata al Centro Nazionale Studi Tartufo [4], del quale Berti è consulente storico. Su questo tema particolare ha creato l’Archivio Storico del Tartufo (che mira a raccogliere tutto ciò che riguarda il fungo ipogeo, con particolare riferimento alla letteratura, alla storia e alle arti visive) ed ha realizzato numerose mostre a carattere culturale:

  • Il Tartufo: miti e leggende (Alba, Palazzo Mostre e Congressi, 2002);
  • Nel Palazzo del Re Tartufo (Alba, Palazzo Mostre e Congressi, 2003);
  • Le favole dei tartufi (Alba, Palazzo Mostre e Congressi, 2009);
  • Sulle tracce dei tartufi. Cronache antiche e fiabe moderne (Casale Monferrato, Palazzo Sannazzaro, 2009);
  • Eros e Tartufi. Virtù nascoste... messe in evidenza (Mango, Castello dei Busca, 2011);
  • Cinema & Tartufo (Alba, Palazzo Mostre e Congressi, 2012).

Nel 2012, assieme al critico letterario Giovanni Tesio, ha organizzato a Roddi un percorso poetico a cielo aperto dedicato ai cercatori di tartufi, intitolato "Trifola bela, fa piasì contela", in collaborazione con l'Archivio Storico del Tartufo. Sempre nelle antiche vie di Roddi, assieme a Letizia Rivetti, Berti ha creato tra il 2013 e il 2014 il percorso storico-scientifico-artistico "Roddi, il Borgo dei Tartufi".

In qualità di storico dell'esoterismo, Giordano Berti ha collaborato alla realizzazione di opere enciclopediche e ha partecipato a trasmissioni televisive, tra le quali La vita in diretta (Rai2) condotta da Alessandro Cecchi Paone, Misteri (Rai2) condotta da Lorenza Foschini, Stargate - Linea di confine (La7) condotta da Roberto Giacobbo, Una notte con Zeus (Rai3) condotta da Daniela Poggi.

Dal 2006 ha avviato la collaborazione con l'ArtStudioLetizia, studio di progettazione di ambienti scenografici ed installazioni artistiche, indirizzando i progetti verso una direzione multidisciplinare, puntando alla commistione tra le più diverse espressioni artistiche (dall’arte povera alla land art, dalla grafica tradizionale all’arte digitale) per farle incontrare e dialogare fra loro, unite da una sceneggiatura silenziosa e semplice, ma rigorosa, talvolta resa esplicita da interventi poetici o teatrali.

Nel 2010 Giordano Berti è stato eletto presidente dell'Associazione "I Cavalieri d'Aleramo" di Alba, subentrando al giornalista Raoul Molinari deceduto l'anno precedente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ www.giordanoberti.it
  2. ^ www.istitutograf.org
  3. ^ www.novacharta.it
  4. ^ Tuber.it - il portale del Centro Nazionale Studi Tartufo ad Alba | Tartufo bianco pregiato - tartufo nero pregiato

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • I tarocchi degli gnomi. Favole, giochi e magie del Mondo di Esir, illustrazioni di Antonio Lupatelli (Lo Scarabeo, Torino 1988) ISBN 8886131011; trad. sp. El Tarot de los Gnomos (Ediciones Obelisco, Barcelona 1997) ISBN 84-7720-280-X; trad. ted. Das Tarot der Zwerge (Königsfurt, 2003) ISBN 3898755819
  • Intervista a Dylan Dog, illustrazioni di Angelo Stano (Lo Scarabeo, Torino 1991)
  • Il Sogno di Oengus, illustrazioni di Milo Manara (Lo Scarabeo, Torino 1994)
  • Miti dei Celti d'Irlanda, illustrazioni di Giacinto Gaudenzi (Lo Scarabeo, Torino 1995) ISBN 8886131143
  • Tobi e il tesoro del tartufo d'Alba, con Raoul Molinari, illustrazioni di Adriana Galoppi (Araba Fenice, Boves 2009) ISBN 9788895853505 (dello stesso editore: trad. ing. Tobi and the treasure of Alba truffle; trad. ted. Tobi und der Schatz der Alba weißen Trüffel); vincitore del premio "Libri da Gustare 2010" nella sezione Prime Pagine.
  • Il Re del Tartufo, con Raoul Molinari (Araba Fenice, Boves 2011).
  • Il Monte dei Folletti, illustrazioni di Antonio Lupatelli, in arte Tony Wolf; introduzione di Gianni Morandi (Araba Fenice, Boves 2012); edizione d'arte a tiratura limitata in 300 copie.

Saggi su cataloghi di mostre[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Libro di Toth, in Le Carte di Corte. I Tarocchi. Gioco e Magia alla Corte degli Estensi, a cura di G. Berti e A. Vitali (con M. Dummett, C. Gatto Trocchi, P. Marsili, G. Algeri), Ferrara, Castello Estense, ottobre 1987 – gennaio 1988.
  • Le 'Pietre di Toth' di Mirco Denicolò, catalogo della mostra a cura di M. Denicolò, Moby Dick, Faenza 1992.
  • Tarocchi e occultismo, in Tarocchi: Arte e Magia, a cura di G. Berti e A. Vitali, Bologna, Museo Civico Archeologico, dicembre 1994 - febbraio 1995.
  • Tarocchi, le carte del destino, a cura di G, Berti e A. Vitali, Roma, Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo, febbraio - aprile 1996.
  • Mari delle meraviglie: divinità, mostri, utopie, leggende, sogni, illusioni e scoperte, nella storia del viaggio marittimo in Occidente, a cura di G. Berti, (con F. Cardini, G. Costa, G. De Turris, C. Gatto Trocchi, P. A. Rossi, C. Widmann et al.), Comacchio, Palazzo Bellini, ottobre 1995 - gennaio 1996.
  • Giovanni Domenico Cassini e le origini dell'astronomia moderna, a cura di G. Berti, (con P. A. Rossi e I. Li Vigni), Perinaldo, Palazzo Comunale, agosto - novembre 1997.
  • Il popolo di Mosè: mostra su cultura e civiltà ebraica, a cura di G. Berti, (con F. Cardini, C. Colafemmina, D. Liscia Bemporad, A. Grossato, A. Sermoneta), Andria, Palazzo Ducale, settembre - ottobre 1998.
  • Le feste ebraiche: arte e tradizioni, in I tre gioielli del Mediterraneo. Oggetti rituali e paramenti sacri ebraici, cristiani ed islamici, a cura di G. Berti, (con D. Liscia-Bemporad, F. Cardini, S. Noja Noseda, F. Patruno), Finale Emilia, Castello delle Rocche, settembre - ottobre 2000.
  • La vite e il vino: giochi di carta e carte da gioco (con M. G. Lungarotti, F. Cardini, C. Gatto Trocchi, D. Domini, A. Vitali), Torgiano, ex Oratorio di S. Antonio, novembre 1999 - gennaio 2000.
  • L’Inquisizione, Santa, Romana e Universale, a cura di G. Berti e F. Cardini, Finale Emilia, Castello delle Rocche, settembre - ottobre 2001.
  • Iconografia delle streghe, dal Rinascimento alla Pop Art, in Streghe Diavoli e Sibille. Atti del convegno - Como, 18 e 19 giugno 2001, NodoLibri, Como 2004.
  • I figli di Abramo. Ebraismo, Cristianesimo, Islam (con D. Liscia Bemporad, L. Volpi, M. Bargna), Abbiategrasso, Castello Visconteo, Marzo 2004.
  • Arte e magia a Bologna tra Cinque e Seicento, in Il Seicento a Bologna: cultura barocca, industria e vita quotidiana, a cura di G. Berti, (con U. Mazzone, A. Vitali, S. Arieti et al.), Bologna, Palazzo d'Accursio - Sala d'Ercole, Maggio 2004.
  • Cronache e meraviglie di mare nelle copertine di riviste illustrate: 1840-1960, a cura di G. Berti, (con G. Costa e S. Alligo), Cesenatico, Museo della Marineria Dicembre 2005 - Gennaio 2006.
  • I cosiddetti 'Tarocchi del Mantegna' , in A casa di Andrea Mantegna. Cultura artistica a Mantova nel Quattrocento, a cura di R. Signorini, Mantova, Casa del Materna, settembre - dicembre 2006.
  • Cosa raccontano le mappe?, in Ferrara: la storia del suo territorio in una collezione di mappe e vedute dal XV al XXI secolo, a cura di Alberto Alberghini, Ferrara, Palazzo Renata di Francia, settembre 2008.
  • Le Grandi Madri nell’arte antica, in Madri e Terre: Mistero e Sacralità (con A. Grossato, L. Volpi et al.), Abbiategrasso, ex chiesa dell’Annunciata, ottobre - novembre 2008.
  • Le arti divinatorie, in Il Castello della Fortuna: trenta secoli alla ricerca della Buona Sorte, Abbiategrasso, Castello Visconteo, ottobre – novembre 2009.
  • La tavola imbandita: dal focolare alla mensa borghese, in Il Castello delle Delizie: il mondo a tavola dall’antichità all’epoca moderna (con A. Marini, M. Bargna, L. Volpi), Abbiategrasso, Castello Visconteo, ottobre – novembre 2010.
  • Un mondo di Gioie. L'eterna ricerca della bellezza (con A. Marini, M. Bargna, L. Volpi), Abbiategrasso, Castello Visconteo, ottobre 2011.
  • Le nove porte celesti di Mario Vespasiani, catalogo della mostra, Gualtieri, chiesa di Sant'Andrea, marzo-aprile 2012.
  • Celluloide al tartufo, in Cinema & Tartufo, catalogo della mostra, Alba, Palazzo Mostre e Congressi, ottobre-novembre 2012.
  • Gli Arcani Maggiori di Giancarlo Montuschi, nel catalogo della mostra Giancarlo Montuschi. Il Sentiero degli Arcani Maggiori, Galleria d'Arte Villicana D'Annibale, Arezzo, 2013.

Cura di reprint[modifica | modifica wikitesto]

  • Arthur Edward Waite. Tarocchi Rider-Waite (The Pictorial Key to the Tarot, London 1910), Lo Scarabeo, Torino 1993.
  • Francesco Piscina da Carmagnola. Discorso sopra l'ordine delle figure dei Tarocchi (Monteregale, 1565), Istituto Graf, Bologna 1995.
  • Gian Domenico Cassini. La Meridiana del Tempio di S. Petronio in Bologna (Bologna, 1695), con Giovanni Paltrinieri, Arnaldo Forni Editore, S. Giovanni in Persiceto 2000.

Contributi a opere enciclopediche[modifica | modifica wikitesto]

  • Historia del Tarot, nell'opera El Arte del Tarot, 72 fascicoli (Orbis-Fabbri, Barcelona-Milano 2001-2003) ISBN 84-402-2481-8
  • Historia de la Adivinación, nell'opera Cartas de Adivinación, 72 fascicoli (Orbis-Fabbri, Barcelona 2003-2005)
  • Storia – Curiosità - Simbolismo, nell'opera Carte da Gioco e da Divinazione, 52 fascicoli (Peruzzo, Milano 2005-2006)
  • Tarots de Museo, nell'opera Claves y Secretos del Tarot, 52 fascicoli (Editorial Salvat, Barcelona 2005-2006) ISBN 978-84-471-0172-6

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2639304 · BNF: cb13572203z (data)