Gioia di vivere (film 1938)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gioia di vivere
Titolo originaleMerrily We Live
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti
Anno1938
Durata90 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37 : 1
Generecommedia, sentimentale
RegiaNorman Z. McLeod
Soggettodal romanzo di E.J. Rath e dal lavoro teatrale di Courtenay Savage
SceneggiaturaEddie Moran, Jack Jevne
Ed Sullivan (dialoghi addizionali, non accreditato)
ProduttoreMilton H. Bren
Hal Roach (non accreditato)
Casa di produzioneHal Roach Studios
Distribuzione (Italia)(1939)
FotografiaNorbert Brodine
MontaggioWilliam H. Terhune (come William Terhune)
Effetti specialiRoy Seawright
MusicheMarvin Hatley (non accreditato)
Phil Craig
ScenografiaCharles D. Hall
William Stevens (come W.L. Stevens) (arredamenti)
CostumiErnest Schrapps (supervisore guardaroba)

Howard Greer (come Greer) (abiti per Miss Burke)

Irene (abiti per Miss Bennett)
Interpreti e personaggi

Gioia di vivere (Merrily We Live) è un film del 1938, diretto da Norman Z. McLeod. La sceneggiatura si basa sul romanzo The Dark Chapter di E. J. Rath (New York, 1924) e dal lavoro teatrale They All Want Something di Courtenay Savage[1] che aveva debuttato a Broadway al Wallack's Theatre il 12 ottobre 1926[2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I Kilbourne sono una famiglia di ricchi eccentrici. La più strampalata è la signora Emily, il cui hobby è quello di riabilitare vagabondi. L'ultimo dei suoi protetti però scappa rubando tutta l'argenteria e lei si ripromette di non cascarci più. Ma, quando alla tenuta si presenta tale Rawlins, un tipo male in arnese che vorrebbe solo chiedere di usare il telefono per chiamare un meccanico per l'auto rimasta coinvolta in un incidente, lei vede il nuovo venuto come un altro uomo da salvare. Nonostante le proteste della figlia Jerry, assume Rawlins come autista. L'uomo, divertito dalla situazione, affascina tutte le donne di casa incontrando però la disapprovazione del padrone di casa e di Grosvenor, il maggiordomo. Una sera, durante una cena, Minerva, la figlia del senatore Harlan, è così presa da Rawlins che la signora decide di far passare il suo nuovo protetto per un ospite. Kilbourne dapprima teme che Rawlins gli rovini gli affari con il senatore, ma poi si rende conto della sua utilità e di come abbia migliorato l'atmosfera in famiglia. I Kilbourne scoprono, leggendo il giornale, che quello che tutti ritengono un vagabondo in realtà è il famoso scrittore E. Wade Rawlins morto in un incidente d'auto nei pressi della loro casa. Lui, ignaro della notizia, si presenta in casa, dove la signora Kilbourne, Jerry e tutte le cameriere svengono per l'emozione. Rawlins fa rinvenire Jerry, di cui si è ormai innamorato. Il maggiordomo Grosvenor, giunto alla conclusione che i vagabondi della signora Kilbourne sono meglio di lui, afferra uno zaino per dirigersi verso la strada che si apre davanti a lui.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto da Milton H. Bren per la Hal Roach Studios. La lavorazione iniziò il 27 ottobre 1937 per continuare fino al 10 gennaio 1938[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il copyright del film, richiesto dalla Loew's Inc., fu registrato il 28 febbraio 1938 con il numero LP7995[1].

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 4 marzo 1938. Il 16 marzo, venne presentato a Londra per poi uscire nelle sale britanniche il 1º agosto. Nello stesso anno, fu distribuito anche in Danimarca (13 luglio), Finlandia (14 agosto), Germania (16 agosto), Francia (15 ottobre), Svezia (29 ottobre).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c AFI
  2. ^ IBDB

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema