Gino Falleri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gino Falleri, all'anagrafe Luigi Falleri (Mercatello sul Metauro, 8 luglio 1926Roma, 18 marzo 2019), è stato un giornalista e scrittore italiano. Fu vicepresidente dell'Ordine regionale dei giornalisti del Lazio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Giurisprudenza, era iscritto all'Albo dei giornalisti del Lazio, elenco pubblicisti, dal 1957. Personaggio storico del giornalismo, iniziò la sua carriera come volontario a Il Messaggero di Roma e successivamente al Popolo di Roma. Ha collaborato con il Momento Sera, Il Giornale d'Italia, Italia Sera, l'Opinione, Il Globo, Il Resto di cui fu anche il garante del lettore, nonché con l'agenzia ASCA e il GR2.

Fu direttore di TeleTerni dal 1974 al 1977, Capo ufficio stampa dell'Ente nazionale per la prevenzione degli infortuni dal 1971 al 1982, e consulente per i media del direttore generale dell'ISPESL fino al 31 dicembre 1988, nonché presidente dell'Ordine del Lazio. Fu inoltre addetto stampa del Presidente della Commissione bicamerale d'inchiesta sulla cooperazione (1994-1995).

Segretario generale aggiunto della FNSI e membro della Giunta della Federazione nazionale della stampa (1974-1976, 1978-1984 e dal 2007 al 2011[1]), dal 1987 fu presidente del Gruppo giornalisti uffici stampa[2], nonché presidente dell'Unione giornalisti per l'Europa federale (Ugef) dell'Angpi dell'EAPO&IC ,con sede a Bruxelles e a Roma. E' consigliere nazionale della Fnsi.

Fu docente di diritto all'informazione e giornalismo presso alcuni atenei italiani, tra cui: Luiss, Università di Pisa (dal 2005 al 2011), Università degli Studi "Gabriele d'Annunzio" (2006-2007), Università di Siena (dal 2008 al 2012).e l'Università del Foro Italico (dal 2012 al 2013). Fu presidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio e Molise e della Commissione Uffici Stampa della Fnsi.

Fu consigliere del Comitato di direzione della Scuola Superiore di giornalismo della LUISS; fece parte del Comitato di direzione della Scuola post-universitaria di giornalismo dell'Università di Tor Vergata di Roma e dell'Osservatorio sui media istituito dall'Università Bocconi di Milano.

Fu socio fondatore e consigliere dell'Eurispes, Cavaliere di Gran Croce della Repubblica, direttore editoriale di Giornalisti Europei, un settimanale da lui ideato, e presidente della giuria del premio giornalistico internazionale "Argil:uomo europeo".

Il 20 maggio 2013 venne rieletto con 709 voti, al primo turno, alle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale dei giornalisti del Lazio, e successivamente eletto dal nuovo Consiglio regionale dell'Ordine vicepresidente.[3][4][5]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1982 - Premio 25º Anniversario Radiogiornale
  • 1983 - Premio Personalità Europea, Campidoglio
  • 1986 - Premio Capo Circeo-Regione Lazio
  • 1987 - Premio Chianciano della critica radiotelevisiva
  • 1987 - Targa d'Oro Fondazione Poeti Scrittori e Giornalisti per la pace, Roma
  • 1987 - XX Premio Città Eterna, Campidoglio,
  • 1992 - Premio Luigi Vinci, Rocca Priora
  • 1997 - Premio Nazionale Stampa Sabina
  • 2002 - Premio Internazionale Tivoli per il turismo
  • 2002 - Premio Itaca, Comune di Minturno
  • 2006 - Premio alla carriera assegnato dal Gruppo Uffici Stampa
  • 2006 - Targa dell'Incrociatore Garibaldi
  • 2006 - Premio Scugnizzo d'Oro, Settore Giornalismo Europeo, Napoli
  • 2011 - Caravella del Mediterraneo
  • 2012 - Premio speciale Fontane di Roma
  • 2012 - Premio Internazionale Professionalità "Rocca d'Oro"
  • 2012 - Premio Internazionale Cartagine

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Pubblicisti ieri e oggi, Roma, Centro di Documentazione Giornalistica, 1992. ISBN 88-85-34301-5
  • Professionista della comunicazione: l'addetto stampa[6], Roma, Centro di Documentazione Giornalistica, terza edizione, 2011. ISBN 88-85-34390-2
  • Uffici stampa: fonte e supporto dell'informazione ancora da approfondire, Pomezia, Istet
  • Uffici stampa tredici anni al Duemila, Pomezia, Istet, 1987.
  • Addetto stampa: una professione non regolamentata, Roma, Anci.
  • La comunicazione istituzionale: luci ed ombre della legge Frattini-Di Bisceglie, in Regioni e Comunità locali, numero 6, novembre-dicembre 2002.
  • Diffamazione, libertà di stampa e rischio del giornalista, Opinioni E Confronti, 1/2005.
  • La riforma delle professioni intellettuali: un nuovo modello per quella giornalistica, Opinioni E Confronti, 2/2005.
  • Il Portavoce, competenze e limiti, Opinioni E Confronti, 2-3/2006.
  • Gli scenari dell'informazione futura: giornalisti e pubblicisti, ordine professionale e deontologia, Giustizia news, 4 aprile 2008.
  • La legge n. 150: disamina di una normativa incompiuta. Il Pensiero e l'Azione giuridica: Numero 2, 2012
  • Dove va il giornalismo? Luci ed ombre. Il Pensiero e l'Azione giuridica. Numero 3, 2013
  • Cresce il paese dei giornalisti e crescono anche i problemi. Il Pensiero e l'Azione giuridica. Numero 5, 2014
  • Libertà di stampa e diritto di informare: due diritti in sofferenza? anno 2016
  • 1943: rinasce la libertà di stampa in Italia con riferimenti alla professione, alla deontologia e a Bruxelles. Anno 2017
  • Giornalisti: doveri e regole

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giornalisti: FNSI, Gino Falleri segretario generale aggiunto, su primaonline.it. URL consultato l'8 luglio 2013.
  2. ^ Gino Falleri è stato confermato Presidente del Gruppo giornalisti Uffici stampa, su nuke.guslombardia.it. URL consultato l'8 luglio 2013.
  3. ^ Elezione Ordine dei giornalisti, il Lazio promuove solo Gino Falleri, su giornalisticalabria.it. URL consultato l'8 luglio 2013.
  4. ^ Il "voto vecchio" dei giornalisti, su opinione.it. URL consultato l'8 luglio 2013.
  5. ^ Tucci rieletto presidente dei giornalisti del Lazio, su ricerca.repubblica.it. URL consultato l'8 luglio 2013.
  6. ^ L’addetto stampa - Professionista della comunicazione, su francoabruzzo.it. URL consultato l'8 luglio 2013.
Controllo di autoritàVIAF (EN51861090 · ISNI (EN0000 0000 0102 1672 · SBN IT\ICCU\PALV\030480 · BNF (FRcb13595990s (data)