Gigi Stok

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gigi Stok
Gigi Stock.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereLiscio
Strumentofisarmonica

Gigi Stok, nome d'arte di Luigi Stocchi (Sala Baganza, 4 ottobre 1920Parma, 27 febbraio 2003), è stato un fisarmonicista, compositore e arrangiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a San Vitale Baganza (PR), il 4 ottobre 1920, morto a Parma, il 27 febbraio 2003. Fu un fisarmonicista, compositore e arrangiatore italiano. Fondatore dell'Orchestra di ballo liscio, "I cadetti di Gigi Stok", grande fisarmonicista parmense, compose e arrangiò una colonna sonora per il cinema di Pietro Germi.

I primi anni e la formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nato nel comune di Sala Baganza, si trasferisce piccolissimo con la famiglia nella frazione di Bianconese del comune di Fontevivo. I genitori e le sorelle maggiori iniziarono una nuova vita nel paese dove si erano trasferiti. Il padre Aldo, lavorava in una fornace dove fabbricavano mattoni, la moglie Maria oltre che occuparsi della casa, lavorava anch'essa alla fornace con il marito. Erano anni molto duri, l'inizio dell'era Fascista, la famiglia era molto povera e il lavoro molto carente nel periodo invernale poiché i mattoni asciugavano solo con il sole.

Il padre di Luigi, suonava la fisarmonica, e s'improvvisava canta storie nelle piazze della provincia di Parma, in particolare nei paesi della bassa parmense. Ai mercati della domenica, si esibiva tra la gente portandosi dietro il piccolo Luigi, che tutti chiamavano "Gigen", per la costituzione molto esile. Suonare per le piazze per Luigi Stocchi, fu l'inizio del suo essere fisarmonicista, per l'impegno che metteva nel cercare di attirare i passanti che ascoltavano questo dodicenne di già molto bravo.

Stocchi, ormai innamorato della fisarmonica, iniziò a studiare musica in termini professionali nel 1933, all'età di 13 anni, sotto l'importante guida del Maestro Marmiroli, Docente di pianoforte al Conservatorio di Parma, con il quale prese lezioni di teoria, solfeggio, armonia e fisarmonica.

La guerra[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1940, con lo scoppio della seconda guerra mondiale, a soli 20 anni, venne chiamato al servizio militare presso il Corpo dei Granatieri di Sardegna, ai quali restò molto legato affettivamente per tutta la vita. Combatté in Jugoslavia e vi rimase alcuni anni fino alla fine del conflitto.

Il dopoguerra e l'ascesa[modifica | modifica wikitesto]

Nel dopoguerra, Stocchi iniziò la carriera di orchestrale presso piccole formazioni, poi creò in poco tempo la sua orchestra, i famosi "Cadetti di Gigi Stok", che in breve tempo si esibì nelle balere di Parma e provincia con grande successo. Nello stesso anno dopo una brillante audizione presso "La voce del padrone", l'importante casa discografica, iniziò ad incidere per quella stessa casa. Il contratto e le moltissime incisioni che fece con "la voce del padrone" durarono 30 anni, e dopo aver lasciato la casa d'incisione, Stocchi continuò ad incidere, musicassette e CD, con la 103 di Luigi Barion.

Ottimo orchestrale fu anche un solista apprezzato, in Italia ed anche all'estero, le musiche di Stocchi furono suonate dall'orchestra della BBC, in una serata a lui dedicata. Fu un ottimo compositore di musica per ballo liscio; composizioni come "Elettrico", "Brioso" e molte altre sono ancora oggi le più apprezzate. Negli anni sessanta, lavorò con il cinema assieme a Pietro Germi, per il film L'immorale; arrangiò insieme al compositore Carlo Rustichelli, suo amico, il tema di "Vecchi ricordi", inserendolo nella colonna sonora del lungometraggio.

La casa editrice Ricordi, ha pubblicato, postumo per la sua memoria, l'album, "Il meglio del grande liscio" di Gigi Stok, oggi venduto in tutti i negozi di musica.

La morte e attività postuma[modifica | modifica wikitesto]

Ha sempre abitato nel comune di Fontevivo, terra che ha sempre amato, è sempre stato unito alla sua famiglia, senza ne sfarzi e lussi, è morto ad 82 anni, tra le braccia della moglie Maria e della figlia Vittoria, riposa in un avello della arcata di destra nel cimitero della frazione di Bianconese, ritratto con la sua amata fisarmonica.

Dal 2006, a Ponte Taro, frazione di Fontevivo, il primo week-end di giugno, presso il piazzale "Claudio Moroni e Dino Fiorini" del Circolo Ricreativo ARCI, si tiene il Memorial "Gigi Stok", concerto per fisarmoniche, in memoria del grande musicista.

Produzione artistica[modifica | modifica wikitesto]

Composizioni per fisarmonica[modifica | modifica wikitesto]

  • Elettrico, valzer
  • Brioso, valzer
  • Le acrobazie, polka
  • Nelson Polka
  • Festa sui monti, mazurka
  • Olimpico, gran valzer
  • Vecchi Ricordi (Valzer, dal film l'Immorale)
  • Saltarella (Mazurka)
  • Il grido di battaglia, inno ufficiale della tifoseria del Parma

Arrangiamenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Oh Susanna, polka-fox
  • L'usignolo, valzer per clarinetto

Colonne sonore per film[modifica | modifica wikitesto]

Discografia principale[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Matteo Montan. G.S. e la sua fisarmonica, in G.Pr, 13 ott. 1996; Roberto Ghirardi. Parma, capitale dei fisarmonicisti, in "Atlante...", pp. 105–107.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie