Gigi Camedda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gigi Camedda
Tazenda 3.png
Gigi Camedda (a sinistra) in concerto con i Tazenda nel 2014 ad Arbus
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica etnica
Pop rock
Folk rock
Pop
Periodo di attività musicale1978 – in attività
Strumentotastiera, voce
Gruppi attualiTazenda
Gruppi precedentiCoro degli Angeli

Gigi Camedda, all'anagrafe Luigi Camedda (Vallorbe, 6 maggio 1960), è un musicista e cantante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Coro degli Angeli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1982, insieme ai fratelli Poddighe e Andrea Parodi, Gino Marielli e Giampaolo Conchedda con il Coro degli Angeli, pubblica l'album in studio Canzoni di Mogol - Battisti, Misterios nel 1984 e Shangay nel 1986. Con tre album dal vivo Cantare - Gianni Morandi nel 1980, Live @ RTSI Gianni Morandi nel 1983.

I Tazenda[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988 ha formato, con Gino Marielli e Andrea Parodi, suoi compagni nel gruppo degli anni 80 Coro degli Angeli, il gruppo etno-rock sardo Tazenda, di cui è ancora oggi tastierista e seconda voce.[1]

Insieme a Gino Marielli è l'unico membro fondatore ancora presente nella formazione odierna, visto l'abbandono e la successiva scomparsa dell'ex cantante Andrea Parodi. Nel periodo che va dall'addio di Parodi all'arrivo di Beppe Dettori è stato anche voce principale del gruppo. Fra i tre Tazenda è la voce più roca, e il principale corista.

Nell'aprile 2021, insieme ai Tazenda, insieme a Renato Cubo è autore dell'inno della Dinamo Sassari, cantato da Baz.[2][3][4][5]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Coro degli Angeli[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
Album dal vivo

Tazenda[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Discografia dei Tazenda.
Album in studio
Album dal vivo
Raccolte

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luigi Camedda, in www.tazenda.it. URL consultato il 2021-4-4.
  2. ^ Dinamo Sassari, arriva l’inno ufficiale “Di bianco e di blu”, in www.centotrentuno.com. URL consultato il 2021-4-5.
  3. ^ Di bianco e di blu: l’inno ufficiale della Dinamo, in www.tiscali.it. URL consultato il 2021-4-5.
  4. ^ DI BIANCO E DI BLU: L’INNO UFFICIALE DELLA DINAMO, in www.dinamobasket.com. URL consultato il 2021-4-5.
  5. ^ Baz e Tazenda insieme per il nuovo inno ufficiale del club, in www.www.lanuovasardegna.it. URL consultato il 2021-4-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Media