Gigi Ballista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gigi Ballista nel film Signore & signori (1966) di Pietro Germi.

Gigi Ballista, all'anagrafe Luigi Ballista (Firenze, 1º dicembre 1918Roma, 2 agosto 1980), è stato un attore cinematografico e attore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza secondo alcune fonti,[1] poco propenso allo studio, ma ugualmente colto per altre[2], nasce a Firenze da una famiglia originaria di Legnago e negli anni del fascismo vive a Padova, dove è conosciuto per le idee fortemente antifasciste ed è più volte perseguito. Poco propenso al lavoro negli anni della giovinezza, nel periodo 1943-1945 partecipa alla resistenza grazie alla conoscenza dell'inglese, facendo da collegamento tra le forze italiane clandestine e gli americani.[2]

Negli anni '50 si impiega nel campo della produzione cinematografica, dove si occupa di procacciare marchi commerciali da inserire nei film, e per un puro caso inizia l'attività di attore generico con piccole apparizioni. Sul set de L'immorale viene notato da Pietro Germi, che lo vuole nel cast di Signore & signori, nel ruolo del medico Guido Castellan[1]. Il successo del film lo fa conoscere al grande pubblico, che rimane colpito in particolare dalla voce roca, e gli vale negli anni a seguire una lunga serie di ruoli da comprimario, e raramente da co-protagonista, frequentemente in parti dell'industriale viscido e arricchito. Appare inoltre in diversi sceneggiati televisivi.

Con Ronald K. Pennigton in Trastevere.

Tra le più note interpretazioni si ricordano Nathaniel Winkle nello sceneggiato televisivo di Ugo Gregoretti Il Circolo Pickwick (1968), il Principe industriale nel film La Califfa di Alberto Bevilacqua (1970), il Commendatore La Noce in Giovannona Coscialunga disonorata con onore, il conte Dallara in Febbre da cavallo. Quest'ultimo è uno dei tre ruoli in cui la sua voce non viene considerata adatta al personaggio e viene doppiato.[1]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ballista non si è mai sposato. Infatti, nonostante una certa reputazione di sciupafemmine negli anni giovanili, era omosessuale, fatto non risaputo per il tabù che circondava tale argomento negli anni della sua attività artistica. Dai primi anni '50 ha sempre vissuto in una mansarda a Roma in trastevere con il suo cameriere.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c 100 caratteristi del cinema italiano, Gremese editore.
  2. ^ a b c Gigi Ballista raccontato da un suo nipote, raccontidelguazzabuglio.blogspot.it. URL consultato il 26 luglio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Giraldi,Enrico Lancia,Fabio Melelli, 100 caratteristi del cinema italiano. Gremese Editore.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN69138562 · SBN: IT\ICCU\UBOV\665838