Giethoorn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giethoorn
località
Giethoorn – Stemma
Giethoorn – Veduta
Uno dei numerosi ponti della località
Localizzazione
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Provincia Flag of Overijssel.svg Overijssel
Comune Steenwijkerland
Territorio
Coordinate 52°44′23″N 6°04′39″E / 52.739722°N 6.0775°E52.739722; 6.0775 (Giethoorn)Coordinate: 52°44′23″N 6°04′39″E / 52.739722°N 6.0775°E52.739722; 6.0775 (Giethoorn)
Altitudine m s.l.m.
Abitanti 2 620
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Paesi Bassi
Giethoorn
Giethoorn
Sito istituzionale
La Kraggehuis a Giethoorn
Edificio classificato come rijksmonument a Giethoorn

Giethoorn (Gietern nel dialetto locale) è un villaggio dei Paesi Bassi di circa 2.600 abitanti, appartenente al comune di Steenwijkerland, nella provincia dell'Overijssel (est dei Paesi Bassi).

La località è piuttosto nota a livello turistico per i suoi canali e ponti (se ne contano più di 176) immersi nel verde che ne hanno conferito il soprannome di "Venezia dei Paesi Bassi"[1] o di "Venezia verde"[2]. Si trova nel mezzo di un parco naturale, costellato di torbiere acquitrinose e chiamato De Wieden. Gli abitanti di Giethoorn hanno solo due possibilità per spostarsi: tramite un’imbarcazione o con la bicicletta.

Dal punto di vista amministrativo, godeva dello status di comune fino al 1973.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Giethoorn si trova a 120 km dalla capitale Amsterdam, nella parte nord-occidentale della provincia dell'Overijssel, tra Meppel (Drenthe) e Steenwijk ("capoluogo" della municipalità di Steenwijkerland), a circa 5 km a sud-ovest di Steenwijk e a sud-est di Blokzijl (una delle cittadine del comune di Steenwijkerland), al confine con la provincia della Drenthe.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La località venne fondata all'inizio del XIII secolo dalla setta dei Flagellanti, fuggiti dalle persecuzioni[1]. Il nome originario, geitenhoorn ("corno di capra") si riferiva alle numerose corna di capra selvaggia rinvenute nelle torbiere della zona, le quali sono anche rappresentate nello stemma del villaggio.

Giethoorn raggiunse la popolarità soprattutto dopo il 1958, quando vi venne girato dalla cineasta Bert Haanstra il film Fanfare.[3]

Fino al 1º gennaio 1973, Giethoorn costituiva un comune a sé stante: in quella data venne infatti incorporato – assieme a Vollenhove, Blokzijl e Wanneperveen nella nuova municipalità di Brederwiede. In seguito, dal 1º gennaio del 2001, fu incorporato nel nuovo comune di Steenwijkerland, assieme agli ex-comuni di Steenwijk ed IJsselham.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Giethoorn dispone di diversi musei:

Musei
Musei

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio insistono le riserve naturali De Wieden e De Weerribben

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Gran parte del centro storico di Giethoorn è – per la sua conformazione – accessibile solo a piedi, bicicletta o in barca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN154759518
Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi