Giardino dei Giusti del Mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giardino dei Giusti del Mondo
Giardino dei Giusti del Mondo di Padova 075.jpg
L'insegna del giardino
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPadova
Indirizzovia Forcellini, angolo viale dell'Internato Ignoto, 24 (zona Terranegra)
Caratteristiche
TipoParco storico
Inaugurazione5 ottobre 2008
GestoreComune di Padova
Realizzazione
ProprietarioComune di Padova
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 45°23′40.32″N 11°54′38.68″E / 45.394532°N 11.910744°E45.394532; 11.910744

Il Giardino dei Giusti del Mondo è un parco di Padova, nella zona di Terranegra, creato per onorare i Giusti, persone che con la loro azione si sono opposti ai genocidi del XX secolo.

A differenza di altri luoghi e monumenti simili dedicati singolarmente a eventi come la Shoah o il genocidio armeno, il Giardino di Padova intende onorare i Giusti di qualunque genocidio, come quello del Ruanda e quello bosniaco.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo scultoreo del giardino.

Il giardino fu inaugurato il 5 ottobre 2008 dopo un percorso svolto dal comune di Padova all'interno del progetto Padova Casa dei Giusti (Padua Home of Righteous), nato nel 1999 da un'idea di Giuliano Pisani.[1]

Ispirandosi al titolo di Giusto tra le nazioni israeliano, al Giardino dei Giusti di Gerusalemme e agli omologhi giardini di Erevan e Sarajevo, fu deciso di realizzare un luogo dove onorare personalità che avevano protetto, a rischio della propria vita, i perseguitati dai genocidi. Nel 2000 fu organizzato il convegno internazionale Si può sempre dire un sì o un no: i giusti contro il genocidio degli Armeni e degli Ebrei in collaborazione con il Comitato per la Foresta Mondiale dei Giusti di Milano, analoga iniziativa sorta nel capoluogo lombardo nel 2003.[2][3]

La sede del giardino fu scelta nei pressi del Tempio nazionale dell'internato ignoto e dell'attiguo museo. La chiesa, nuova sede parrocchiale, fu fatta costruire dal parroco monsignor Giovanni Fortin negli anni cinquanta dopo la sua deportazione a Dachau, in memoria degli internati e delle vittime dei campi di concentramento.[2]

Il progetto artistico fu affidato allo scultore padovano Elio Armano che realizzò delle strutture scultoree richiamanti delle grandi sbarre di ferro invecchiato. L'opera fu in realtà realizzata in cemento armato con un particolare rivestimento per ottenere l'aspetto del ferro arrugginito voluto dall'artista.[4]

Nel giardino ogni Giusto viene onorato con una pianta e una stele recante il suo nome. Il progetto prevede di ampliare il giardino in una sorta di "via dei Giusti" lungo l'argine (ribattezzato per l'occasione Passeggiata Cammino dei Giusti del Mondo) del canale San Gregorio, una delle diramazioni del fiume Bacchiglione in città, in adiacenza al quale sorge il giardino.[5] Una prima tappa è stata inaugurata il 2 ottobre 2011. Un anno dopo, il 14 ottobre 2012, in occasione della quinta cerimonia di assegnazione del titolo di Giusto, è stato inaugurato il Giardino dei Giusti del Mondo di Noventa Padovana: i primi sette chilometri del Cammino dei Giusti del Mondo sono tracciati. Nel 2013, lungo la passeggiata Cammino dei Giusti del Mondo, è stata inaugurata una seconda tappa, con nove alberi che ricordano nove grandi storie, mentre un altro ciliegio è andato ad arricchire il Giardino di Noventa Padovana.[6][7]

Sul grande muro che circonda le strutture scultoree è riportato il motto del Giardino, una frase attribuita a Hannah Arendt: «Si può sempre dire un sì o un no».

Il 2 ottobre 2011 anche il celebre campione di ciclismo Gino Bartali è stato inserito tra i Giusti del giardino padovano per il suo impegno in favore degli ebrei durante la seconda guerra mondiale.[8]

I Giusti riconosciuti[modifica | modifica wikitesto]

Dieci alberelli furono piantati nel 2008 in occasione dell'inaugurazione e altri vengono aggiunti annualmente (dodici nel 2009, dieci nel 2010, undici nel 2011, tredici nel 2012 e dieci l'anno successivo).[2][8][9][10]

La stele dedicata a Giorgio Perlasca.
Veduta del giardino.
Anno Nome[11] Nazione Genocidio
2008[2] Gorrini Giacomo Gorrini Italia Italia armeno
2008 Wegner Armin Theophil Wegner Germania Germania armeno
2008 Zarakolu Ayse Nur Zarakolu Turchia Turchia armeno
2008 Angela Carlo Angela Italia Italia ebraico
2008 Cortese Padre Placido Cortese Italia Italia ebraico
2008 Palatucci Giovanni Palatucci Italia Italia ebraico
2008 Perlasca Giorgio Perlasca Italia Italia ebraico
2008 Costa Pierantonio Costa Italia Italia ruandese
2008 Mukansonera Jacqueline Mukansonera Ruanda Ruanda ruandese
2008 Manojlović Lazar Manojlović Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina bosniaco
2009[12] Amca Hasan Amca Turchia Turchia armeno
2009 Künzler Jakob ed Elizabeth Künzler Svizzera Svizzera armeno
2009 Bernes  Suor Marguerite Bernes Francia Francia ebraico
2009 Bettin  Giovanni e Regina Bettin Italia Italia ebraico
2009 Dressino  Padre Antonio Dressino Italia Italia ebraico
2009 Mackey Fry  Varian Mackey Fry Stati Uniti Stati Uniti ebraico
2009 Lestini  Pietro e Giuliana Lestini Italia Italia ebraico
2009 Luckner  Gertrud Luckner Germania Germania ebraico
2009 Karuhimbi Zura Karuhimbi Ruanda Ruanda ruandese
2009 Andrić Dragan Andrić Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina bosniaco
2009 Ivković Djuro Ivković Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina bosniaco
2009 Sućur Ivanka Šućur Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina bosniaco
2010[13] Dink Hrant Dink Turchia Turchia armeno
2010 Morgenthau Henry Morgenthau Stati Uniti Stati Uniti armeno
2010 Alberoni  Giacinto e Maria Alberoni, Silvio ed Elena Ester Macerani Italia Italia ebraico
2010 Bellio  Elsa e Gino Bellio, Giuditta Drigo Italia Italia ebraico
2010 Gallina  Elio Gallina Italia Italia ebraico
2010 Karski  Jan Karski Polonia Polonia ebraico
2010 Lenti Brunelli  Ida Lenti Brunelli Italia Italia ebraico
2010 Sendler  Irena Sendler (o Sendlerowa) Polonia Polonia ebraico
2010 Diagne Mbaye Diagne Senegal Senegal ruandese
2010 Locatelli Antonia Locatelli Italia Italia ruandese
2011[14] France Anatole France Francia Francia armeno
2011 Cetin Fethiye Çetin Turchia Turchia armeno
2011 Sugihara Chiune e Yukiko Sugihara Giappone Giappone ebraico
2011 Marinelli Emilia Marinelli Valori Italia Italia ebraico
2011 Bartali Gino Bartali Italia Italia ebraico
2011 Binkienė Sofija Binkienė Lituania Lituania ebraico
2011 Centurioni Tullo Centurioni (o Tullio Centurioni) Italia Italia ebraico
2011 Borile Padre Eros Borile Italia Italia ruandese
2011 Giorgio Padre Vito Giorgio Italia Italia ruandese
2011 Misuraca Padre Vito Misuraca Italia Italia ruandese
2011 Locatelli Gabriele Moreno Locatelli Italia Italia bosniaco
2012[10] El Ghossein Fayez El Ghossein Siria Siria armeno
2012 Zarakolu Ragip Zarakolu Turchia Turchia armeno
2012 Lana Sergio Lana Italia Italia bosniaco
2012 Moreni Fabio Moreni Italia Italia bosniaco
2012 Puletti Guido Puletti Italia Italia bosniaco
2012 Canessa Mario Canessa Italia Italia ebraico
2012 Conci Aurelio e Ines Conci Italia Italia ebraico
2012 Piana Ercole e Gina Piana Italia Italia ebraico
2012 Stocco Mons. Oddo Stocco e le famiglie di San Zenone degli Ezzelini Italia Italia ebraico
2012 Strazzabosco Luigi e Antonietta Strazzabosco Turchia Turchia ebraico
2012 Vasio Alberto Vasio Italia Italia ebraico
2012 Wallenberg Raoul Wallenberg Svezia Svezia ebraico
2012 Weirich Karel Weirich Germania Germania ebraico
2013[15] Azizoglou Mustafa Aga Azizoglou Turchia Turchia armeno
2013 Basso Lida Basso Frisini Italia Italia ebraico
2013 Borromeo Giovanni Borromeo Italia Italia ebraico
2013 De Beni Benedetto e Isabella De Beni Italia Italia ebraico
2013 Focherini Odoardo Focherini Italia Italia ebraico
2013 Lazzari Maria Lazzari Italia Italia ebraico
2013 Pesev Dimităr Pešev Bulgaria Bulgaria ebraico
2013 Roncalli Angelo Roncalli (papa Giovanni XXIII) Italia Italia ebraico
2013 Gardellin Ferdinando Gardellin Italia Italia ebraico
2013 Gardellin Damas Gisimba e Carl Wilkens RD del Congo RD del Congo, Stati Uniti Stati Uniti ruandese

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Il Giardino dei Giusti del Mondo, PadovaNET, rete civica del Comune di Padova. URL consultato il 16 settembre 2011.
  2. ^ a b c d Il Giardino dei Giusti del Mondo di Padova (PDF), Comune di Padova, ottobre 2009. URL consultato il 16 settembre 2011.
  3. ^ Chi siamo, Gariwo, Comitato per la Foresta dei Giusti. URL consultato il 4 ottobre 2011.
  4. ^ Il Giardino dei Giusti a Padova, Cantiere Online. URL consultato il 16 settembre 2011.
  5. ^ Il Giardino dei Giusti del Mondo di Padova, Associazione Italiarmenia. URL consultato il 16 settembre 2011.
  6. ^ Il ricordo dei Giusti si allunga verso il mare, in Il Mattino di Padova, Gruppo Editoriale L'Espresso Spa, 15 ottobre 2012. URL consultato il 15-ottobre 2012.
  7. ^ Padova: domenica 14 ottobre prende avvio il 'Cammino dei Giusti', in Libero.it, Editoriale Libero srl, 9 ottobre 2012. URL consultato il 15 ottobre 2012.
  8. ^ a b Nel «Giardino dei Giusti del mondo» un albero per ricordare l'eroe Bartali, in Corriere del Veneto, Editoriale Veneto srl, 27 settembre 2011. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  9. ^ Padova: quarta giornata dei Giusti del Mondo, Archivio Pace Diritti Umani, Università degli Studi di Padova - Centro interdipartimentale di ricerca e servizi sui diritti della persona e dei popoli. URL consultato il 4 ottobre 2011.
  10. ^ a b pag. 12, Il Giardino dei Giusti del Mondo di Padova, a cura di Federica Fassolo, 5 ed., Comune di Padova, ottobre 2012.
  11. ^ I Giusti - Biografia e storia dei Giusti celebrati a Padova, PadovaNET, rete civica del Comune di Padova. URL consultato il 16 settembre 2011.
  12. ^ Giusti riconosciuti nel 2009, PadovaNET, rete civica del Comune di Padova. URL consultato il 16 settembre 2011.
  13. ^ Giusti riconosciuti nel 2010, PadovaNET, rete civica del Comune di Padova. URL consultato il 16 settembre 2011.
  14. ^ Giusti riconosciuti nel 2011, PadovaNET, rete civica del Comune di Padova. URL consultato il 4 ottobre 2011.
  15. ^ Giusti riconosciuti nel 2013, PadovaNET, rete civica del Comune di Padova. URL consultato il 19 maggio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]