Gianni Melilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianni Melilla
Generoso Melilla daticamera.jpg

Segretario della Camera dei deputati
Durata mandato 11 novembre 2014 –
6 marzo 2017
Presidente Laura Boldrini

Presidente del Consiglio Regionale dell'Abruzzo
Durata mandato 6 giugno 1995 –
24 maggio 1997
Predecessore Giovanni D'Amico
Successore Roberto Brandi

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XI, XVII
Gruppo
parlamentare
XI:
- Partito Democratico della Sinistra

XVII:
- Sinistra Italiana-Sinistra Ecologia Libertà (Da inizio legislatura al 6/03/2017)

- Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista (Dal 6/03/2017 a fine legislatura)

Circoscrizione XI:
L'Aquila-Teramo-Pescara-Chieti

XVII:
Abruzzo

Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PCI (Fino al 1991)
PDS (1991-1998)
DS (1998-2007)
SD (2007-2009)
SEL (2009-2016)
MDP (Dal 2017)
Titolo di studio Laurea in filosofia
Professione Sindacalista

Generoso Melilla detto Gianni (Pescara, 30 ottobre 1954) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Filosofia con lode all'Università degli Studi "Gabriele D'Annunzio", è stato amministratore delegato della "Eurobic Abruzzo e Molise SpA". È iscritto all'ordine dei giornalisti pubblicisti dal 1990, ha promosso e diretto varie riviste sindacali e regionali. È stato docente di relazioni internazionali al Master di cooperazione internazionale allo sviluppo dell'Università "D'Annunzio" di Pescara-Chieti. Attivamente impegnato nel settore della cooperazione internazionale allo sviluppo, in particolare in Africa subsahariana, ha promosso e gestito decine di progetti con Enti Locali, Associazioni e ONG. È stato presidente del comitato della cooperazione allo sviluppo della Regione Abruzzo dal 2005 al 2009. Nel 2004 ha promosso e, fino al 2013, ha presieduto la Istituzione comunale per la Cooperazione Internazionale di Pescara. Ha pubblicato "Nella mia CGIL" 2005 Edizioni Textus, "In Africa, esperienze di cooperazione internazionale" 2015 Edizioni Tracce.

Attività sindacale[modifica | modifica wikitesto]

È stato dirigente sindacale: dapprima, dal 1978 al 1980, ha ricoperto l'incarico di segretario della Camera del Lavoro di Sulmona; successivamente, dal 1980 al 1983, è stato segretario provinciale della CGIL della provincia dell'Aquila ed infine, dal 1984 al 1992, ha guidato la CGIL abruzzese. È stato componente del Direttivo Nazionale della CGIL.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Da giovanissimo è stato impegnato nel movimento studentesco e ha militato nel "Manifesto", e poi nel PCI. Quando il PCI è stato sciolto, ha aderito al PDS (di cui è stato segretario provinciale di Pescara dal '94 al '96) e ai DS (di cui fu segretario regionale dal '97 al 2000).Ha fatto parte della Direzione Nazionale dei DS.

Nel 1992 è stato eletto deputato nell'XI Legislatura; nel 1995 è eletto consigliere regionale dell'Abruzzo ed è rieletto nel 2000 e nel 2005; dal 1995 al 1997 fu eletto Presidente del Consiglio regionale dell'Abruzzo. Fu Presidente della commissione Bilancio del Consiglio Regionale abruzzese dal 1997 al 2000 e della Commissione Statuto dal 2005 al 2008. È stato Presidente del Gruppo DS dal 2000 al 2005. Nel 1998 è il candidato sindaco di Pescara per la coalizione di centrosinistra, sconfitto al primo turno dal sindaco uscente Carlo Pace. Dal 2003 al 2008 è Presidente del Consiglio Comunale sempre della città adriatica.

Al congresso dei DS del 2007 aderisce alla mozione "A sinistra. Per il socialismo europeo" di Fabio Mussi e successivamente al nuovo movimento Sinistra Democratica ricoprendo il ruolo di segretario regionale dell'Abruzzo.

Nel 2010, con Sinistra Democratica, confluisce nel partito Sinistra Ecologia Libertà ricoprendo in Abruzzo il ruolo di coordinatore regionale[1] fino al 2014.

Alle elezioni politiche del 2013 è candidato nelle liste di SEL e rieletto deputato, a distanza di vent'anni dalla precedente esperienza legislativa. È componente della commissione Bilancio e della Giunta del Regolamento della Camera dei Deputati, nel novembre 2014 è eletto Segretario della Camera dei deputati in quota SEL, e fa parte dell'Ufficio di Presidenza della Camera[2].

In seguito allo scioglimento di SEL, Melilla decide di non aderire a Sinistra Italiana.

Il 6 marzo 2017 lascia il gruppo di Sinistra Italiana e aderisce al Movimento Democratico e Progressista. Lo stesso giorno si dimette dall'Ufficio di Presidenza della Camera.[3]

Non si ricandida più alle elezioni politiche del 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Melilla: pensieri lunghi per la sinistra L'ex sindacalista e deputato eletto coordinatore regionale di Sel [collegamento interrotto], in il Centro, 23 gennaio 2011. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  2. ^ Gianni Melilla eletto Segretario di Presidenza. Fonte: Portale istituzionale della Camera dei Deputati
  3. ^ MELILLA LASCIA SI E ADERISCE AL MOVIMENTO DEMOCRATICO E PROGRESSISTA - AbruzzoWeb, in AbruzzoWeb. URL consultato il 9 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]