Gianluca Galasso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianluca Galasso
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra Latina
Carriera
Squadre di club1
2003-2004Roma1 (0)
2004-2005Salernitana25 (1)
2005-2006Ternana33 (2)
2006-2007Frosinone25 (0)
2007-2009Bari57 (5)
2009-2010Salernitana20 (0)
2010-2011Bari4 (0)
2011-2012Triestina20 (1)
2012-2013Anziolavinio12 (3)
2015-2018Fondi94 (1)[1]
2018- Latina0 (0)
Nazionale
2003Italia Italia U-202 (0)
2005Italia Italia U-233 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2018

Gianluca Galasso (Latina, 18 gennaio 1984) è un calciatore italiano, difensore del Latina.

Calcioscommesse[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2012 viene iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Bari per frode sportiva [2] in riguardo a Salernitana-Bari 3-2 del 2008-2009: insieme ad altri 13 giocatori del Bari avrebbe incassato 7.000 euro da Luca Fusco e Massimo Ganci, avversari ed ex compagni proprio a Bari, per perdere la partita.[3].

Il 16 luglio 2013, il calciatore viene condannato in primo grado dalla Commissione Disciplinare Nazionale della FIGC a 3 anni e 7 mesi di squalifica, pena confermata, poi, anche in appello il 27 luglio.[4][5]

Il 30 maggio 2016 al processo penale di Bari, sempre in relazione a Salernitana-Bari, viene però assolto «per non aver commesso il fatto».[6]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto calcisticamente nel settore giovanile della Roma, ha esordito in Serie A con la maglia della formazione capitolina nella stagione 2003-2004, a Genova in Sampdoria-Roma, nell'ultima partita di campionato, senza ormai più interessi di classifica[7].

L'anno successivo è stato mandato in prestito alla Salernitana, in Serie B (25 presenze e un gol).

Nel 2005-2006 passa alla Ternana, sempre tra i cadetti: le sue 33 presenze e 2 reti non sono bastate per evitare la retrocessione della squadra umbra.

Dopo una parentesi al Frosinone, si è trasferito in compartecipazione al Bari, in Serie B, dove passa due anni vincendo anche un campionato di Serie B.

Non rientrando più nel progetto Bari,[senza fonte] il 10 luglio 2009 passa in prestito alla Salernitana, e nella stagione successiva fa il suo ritorno a Bari, dove viene messo fuori rosa dall'allenatore Gian Piero Ventura,[senza fonte] salvo poi essere schierato da titolare il 21 novembre successivo nella partita di Serie A valida per la tredicesima giornata, Catania-Bari.

Il 20 ottobre 2011 si trasferisce a titolo definitivo alla Triestina, firmando un contratto di un anno, con opzione di rinnovo per il secondo. Alla fine della stagione rimane svincolato.[8]

Il 6 febbraio 2013 si accasa all'Associazione Sportiva Dilettantistica Anziolavinio in Serie D.[9]

Si svincola dalla squadra dilettante dopo aver subito una squalifica di tre anni e mezzo dal giudice sportivo per il calcioscommesse.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato due volte nell'under-20 italiana: il 29 ottobre 2003 in un incontro amichevole con l'Irlanda, entrando al 46' minuto, e l'11 novembre contro l'Austria al Torneo Quattro Nazioni, disputando la prima frazione di gioco.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bari: 2008-2009
Fondi: 2015-2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]