Gianluca Ferraris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gianluca Ferraris (Genova, 29 novembre 1976) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 ha iniziato a collaborare con Panorama. Nel 2002, dopo la laurea in Scienze politiche, si trasferisce a Milano dove consegue un master in giornalismo e inizia a collaborare con altre riviste, Chi ed Economy, e per la televisione, Quarto grado su Rete 4. Dopo alcuni anni a Panorama dove si è occupato di attualità, cronaca ed economia, attualmente è vice caposervizio a Donna Moderna. Alcuni dei suoi servizi più importanti hanno riguardato le tematiche del calcio scommesse, delle infiltrazioni criminali nel mondo dell'azzardo, del terrorismo e dell'inchiesta Monte dei Paschi. Nel 2010 con l'inchiesta di copertina «Ladri di speranza», pubblicata da Panorama, ha vinto con Ilaria Molinari il premio giornalistico europeo sulla salute e i diritti del malato, assegnato dalla Commissione Ue. Ha pubblicato 5 romanzi e 3 saggi, di questi ultimi il più apprezzato è Pallone Criminale (Ponte alle Grazie), uscito nel 2012 e scritto a quattro mani con Simone Di Meo, che ha ricevuto la menzione speciale della giuria del premio letterario «Antonio Ghirelli» della Federcalcio. Dal 2014 pubblica esclusivamente narrativa: oltre ai romanzi del ciclo di Gabriele Sarfatti editi dalla collana Calibro9 di Novecento Editore, suoi racconti gialli e noir sono comparsi in diverse antologie. Nel 2021, con Perdenti, ha dato vita per l'editore Piemme a un nuovo ciclo di romanzi noir che hanno per protagonista l'avvocato milanese Lorenzo Ligas.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Le cellule della speranza Sperling & Kupfer, 2011
  • Gioco sporco Baldini e Castoldi, 2011
  • Pallone criminale Ponte alle Grazie, 2012
  • Singapore Connection (Informant), 2013
  • A Milano nessuno è innocente (Novecento), 2015
  • Piombo su Milano (Novecento), 2016
  • Shaboo (Novecento), 2017
  • Perdenti Piemme, 2021
Controllo di autoritàVIAF (EN263812728 · ISNI (EN0000 0001 1818 3085 · SBN IT\ICCU\UBOV\062799 · LCCN (ENno2011040235 · GND (DE1025084160 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011040235
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie