Gianfranco Continenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gianfranco Continenza
Gianfranco Continenza.png
NazionalitàItalia Italia
GenereJazz
Fusion
Funk
Periodo di attività musicale1986 – in attività
EtichettaESC Records, Videoradio, Never Sleeping Records
Album pubblicati4
Studio4
Raccolte3

Gianfranco Continenza (Torino, 1º febbraio 1968) è un musicista, chitarrista e compositore italiano[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è avvicinato allo studio della chitarra all'età di 8 anni, apprendendo i primi rudimenti da suo padre Nino, chitarrista jazz, e ascoltando Miles Davis, Wes Montgomery, John Coltrane, Charlie Parker, Bill Evans, Oscar Peterson, oltre a Jimi Hendrix, Led Zeppelin, Deep Purple, Van Halen.[2][3]

Trasferitosi con la famiglia a Pescara, ha militato in diverse band locali e nel 1986 ha inciso la chitarra in due brani, "At the End of the Last Chapter" e "Lucy Cruel", rispettivamente terza traccia del lato A e prima traccia del lato B dell'LP Hard Incursion degli Unreal Terror, considerata una delle più promettenti band heavy metal di quegli anni.[4][5][6]

Nel settembre 1992 si è diplomato con il massimo dei voti al Musicians Institute di Hollywood, California, specializzandosi in diversi stili musicali, dal jazz e jazz-fusion al rock, dal blues e funk alla musica latina.[7][8]

I suoi insegnanti Joe Diorio, Scott Henderson, Don Mock, Jeff Berlin, Jennifer Batten, Gary Willis, Howard Roberts, Jamie Findlay, Jeff Richman, Mike Miller, Peter Sprague, Ron Eschéte, Steve Trovato e Tommy Tedesco, hanno particolarmente influenzato il suo stile musicale[9][10], che si caratterizza per l'uso di tessiture ritmiche, armoniche e melodiche complesse, come tempi dispari e misti, armonie quartali e scale modali, nonché per l'applicazione di tecniche come la dispersione di ottava, i passaggi cromatici, gli intervalli estesi, le scale sovrapposte, lo string skipping e altre.[11][12][13]

Tornato in Italia, ha affiancato alla carriera di compositore quella di docente presso il P.M.I. (Professional Musicians Institute), la C.M.A. (Contemporary Music Academy), il Conservatorio Luisa D’Annunzio e in masterclass, svolgendo attività musicale dal vivo e in studio, guadagnandosi la fama di "mago della chitarra jazz-fusion".[14][15][16][17][18][19][20]

Nel 2008 ha partecipato al Bratislava Jazz Days, ritenuto uno dei più importanti festival europei di musica jazz, in cui è stato ripreso anche in Italia nell'ambito di uno special di Rai 3 a lui dedicato.[21]

Nel 2016 si è esibito in concerto a Tirana ed è stato ospite dei programmi televisivi Top Show e Wake Up trasmessi da Top Channel.[22]

In Italia ha partecipato a vari festival del jazz, fra i quali il Fiorenza Jazz '03 di Fermo e il Jazz sotto la torre di Palena del 2008.[23][24]

Nel 2000 si è esibito con il percussionista cubano Ernesto Rodríguez Guzmán, noto come Ernesttico, e il bassista napoletano Pippo Matino allo storico Kabala Jazz Club di Pescara, da cui è stato tratto il bootleg "Live at the Kabala Jazz Club".[25]

Insieme al bassista Francis Hylton e al batterista Rick Latham, ha fondato il trio HCL Funk Reaction (l'acronimo HCL è costituito dalle iniziali dei cognomi dei tre componenti, Hylton, Continenza, Latham).[26][27]

Il suo primo album da solista The Past Inside The Present, a cui hanno collaborato Dante Melena, Maurizio Rolli, Angelo Trabucco, Scott Kinsey, e Bill Evans, ha raggiunto il primo posto in classifica tra i primi 100 album nella categoria jazz-fusion della Tower Records, ed è stato il secondo disco più venduto dalla ESC Records nel 2008.[28][29][30][31][32][33][34]

Dusting The Time, il suo secondo album, al quale hanno collaborato Dino D’Autorio, Lorenzo Feliciati, Mark Egan, Michael Manring, Tetsuo Sakurai, Adriano Brunelli, Federico Righi, Walter Martino, Don Mock, Sergey Boykov, Alessandro Centofanti, Ernesttico, John Beasley, Bob Mintzer, Enrico Corli, Nicolo Pasello, Emanuele Marchi e Paolo Marchi, è stato molto apprezzato dalla critica e nel 2014 è stato recensito anche negli USA come uno dei migliori dischi jazz-fusion dell'anno.[35][36][37][38][39][40]

Nel 2019 è stato pubblicato il suo terzo album, Vertical Horizons, al quale hanno collaborato il bassista Michael Manring e il batterista Oreste Sbarra.[41][42]

La sua interpretazione del brano One Word di John McLaughlin è stata inserita nella raccolta pubblicata nel 2008 dalla ESC Records, intitolata Mahavishnu Re-Defined - A Tribute To John McLaughlin: un doppio album di 24 tracce scritte o ispirate al chitarrista britannico, concepito dal chitarrista Jeff Richman il quale ha reclutato chitarristi celebri per rivisitare il repertorio della Mahavishnu Orchestra.[43][44][45][46]

Il suo brano originale Mahavishnology è stato inserito nella raccolta Mahavishnu Re-Defined II - A Tribute To John McLaughlin del 2010, il secondo volume in doppio album del progetto musicale Mahavishnu Re-Defined, nel quale Gianfranco Continenza ha partecipato, fra gli altri, con Steve Vai, David Torn e Michael Manring.[47][48]

Proprio con riferimento a Mahavishnology, inclusa sia nella raccolta tributo a John McLaughlin del 2010, sia nell’album solista Dusting The Time del 2013, scriverà Alessandro Centofanti nella propria biografia: «sto collaborando con Gianfranco Continenza (giovane e talentuoso chitarrista), ho partecipato, con molto onore da parte mia, alla realizzazione di un brano inserito su un doppio CD (della ESC Records) dedicato alla Mahavisnu Orchestra, dove alcuni tra i più importanti nomi del panorama musicale mondiale hanno voluto rendere omaggio ad una tra le formazioni musicali che hanno dato un forte impulso allo sviluppo e la contaminazione del Jazz con la musica Rock, nella formazione oltre a Gianfranco c'erano, Walter Martino (batt) e Mark Eagan (bass)».[49]

Il suo brano originale Back To Beck è stato inserito nella raccolta The Loner 2 - A Tribute To Jeff Beck, un doppio album di 24 tracce dedicate al chitarrista britannico, pubblicato nel 2014 dalla ESC Record.[50]

Ha collaborato alle registrazioni in studio degli album di Adriano Brunelli, Sergey Boykov, Massimo Severino e Nicola Trivarelli.[51][52][53][54]

Collabora attivamente come consulente, endorser e dimostratore con le ditte DV Mark, Mama Pickups e Fattoria Mendoza.[55][56][57]

Suona chitarre Jacoland e APS Guitars, per cui ha progettato i suoi personali modelli GC signature.[58][59][60][61]

La chitarra Heaven Jazz “Gianfranco Continenza Signature”, che ha progettato insieme al lutaio parmense Fausto Fiorini, è stata presentata nel settembre 2007 al MEET di Milano.[62]

Cura diverse rubriche di chitarra jazz su vari magazine e riviste nazionali, fra i quali Chitarre e Guitar Club, e pubblica lezioni di chitarra jazz sulla rivista americana Just Jazz Guitar.[63][64][65]

Nel 2019 ha pubblicato un metodo per chitarra sull'uso creativo delle scale modali nell'improvvisazione.[66][67][68]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008 - The Past Inside The Present (ESC Records, ESC 3725)
  • 2011 - Face The Truth, (ESC Records, ESC 03739-2)
  • 2013 - Dusting The Time (Videoradio, VRCD 000844)
  • 2019 - Vertical Horizons (Never Sleeping Records, NS 001)

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 2008 - Mahavishnu Re-Defined - A Tribute To John McLaughlin And The Mahavishnu Orchestra (ESC Records, ESC 03723-2)
  • 2010 - Mahavishnu Re-Defined II - A Tribute To John McLaughlin And The Mahavishnu Orchestra (ESC Records, ESC 03735-2)
  • 2014 - The Loner 2 - A Tribute To Jeff Beck (ESC Records, ESC 03749-2)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1986 - Unreal Terror, Hard Incursion (Action Label Productions ‎– ACT 33005)
  • 2008 - Adriano Brunelli, Art Of B(r)ass (Adriano Brunelli)
  • 2014 - Sergey Boykov, Falling Skies (Power Prog)
  • 2017 - Massimo Severino, The Branched Tree - Jazz Suite in 6 Movements (Hydra Music)
  • 2018 - Nicola Trivarelli Project Organ Trio - Strange Kind Of Blues (Real Illusions)
  • 2021 - Alessandro Chiozzi - Circulating Energy (Settetre Music)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimo Salari, Rock progressivo italiano. 1980-2013, Arcana Editrice, ISBN 8862318618.
  2. ^ Gianfranco Continenza in disco. The past inside the present (PDF), in il Centro, 9 marzo 2008, p. 27.
  3. ^ Antonino Ianniello, Crescendo a pane e jazz, in Albatros - mensile di attualità cultura arte spettacolo musica sport, aprile 2009, p. 77.
  4. ^ Unreal Terror - Hard incursion, su Discogs.
  5. ^ (EN) Hard Incursion, su Jolly Roger Records.
  6. ^ (EN) Gianfranco Continenza - Unreal Terror, su Encyclopedia Metallum - The Metal Archives, 6 novembre 2020.
  7. ^ (EN) Kazuhiro, Gianfranco Continenza biography, su Progarchives.com.
  8. ^ Annalisa Mazzolari, Gianfranco Continenza: parola all'originalità, su Radio Adige.
  9. ^ (EN) John McGlasson e Ronan Chris Murphy, Originality is everything. A life and near-death tale of an independent record label, o.i.e. Creative, 10 maggio 2011, ISBN 9780983502104.
  10. ^ (EN) Ed Benson, Gianfranco Continenza, in Just Jazz Guitar, n. 59, maggio 2009, pp. 127-132.
  11. ^ (EN) Gianfranco Continenza, Quartal Harmony of the Melodic Minor Scale and its Modes, in Just Jazz Guitar, n. 65, novembre 2010, pp. 67-70.
  12. ^ (EN) Gianfranco Continenza, Quartal Harmony of the Major Scale and its Modes, in Just Jazz Guitar, n. 63, maggio 2010, pp. 53-56.
  13. ^ (EN) Gianfranco Continenza, Modern Jazz Lines and Octave Dispersion Concept, in Just Jazz Guitar, n. 66, febbraio 2011, pp. 37-40.
  14. ^ Elenco docenti esterni a. a. 2011 - 2012 (PDF), su Conservatorio di musica Luisa D'Annunzio - Pescara.
  15. ^ Alessandro Bonini e Emanuele Tamagnini, Annuario della musica. 2006-2007, Gremese Editore, p. 71, ISBN 9788884403964.
  16. ^ Porto Torres: riapre Scuola civica musica, su 20 anni (alguer.it), 12 gennaio 2010.
  17. ^ Pavone Paolo, Gianfranco Continenza. Dusting the time (PDF), in Guitar Club, maggio 2014, pp. 58-61.
  18. ^ (EN) Gianfranco Continenza, su ESC Records, 6 ottobre 2010.
  19. ^ Salvatore Esposito, Speciale Videoradio: Lorena Fontana, Gianfranco Continenza, su Foolk magazine.
  20. ^ Alcuni personaggi del Piemonte (Alcuni personaggi piemontesi residenti in Nord America), su Italian Directory.
  21. ^ (SK) Gianfranco Continenza Band, su Bratislavské Jazzové.
  22. ^ (EN) DV Mark artist Gianfranco Continenza - Tirana Tour 2016., su DV Mark, 26 maggio 2016.
  23. ^ Fiorenza Jazz '03. Gianfranco Continenza Trio, su fiorenzajazz.it.
  24. ^ Angelo Radica, Jazz sotto la torre. 2' Edizione., su Comune di Tollo.
  25. ^ (EN) Don Dosco, What's Hot With Jazz Guitar: Gianfranco Continenza, su Guitar site, 5 giugno 2008.
  26. ^ Antonino Ianniello, Il jazz-rock aggressivo di Gianfranco Continenza lo contraddistingue tra i migliori e talentuosi chitarristi jazz della Nazione, su Albatros.
  27. ^ Federica Geremia, Gianfranco Continenza, su Unfolding Roma.
  28. ^ Mauro Salvatori, Gianfranco Continenza. The Past Inside The Present, in Chitarre, n. 267, maggio 2008, p. 34.
  29. ^ Gianfranco Continenza, su Dogal strings.
  30. ^ (DE) Michael Stürm, The Past Inside The Present (JPG), in Jazz Podium, Giugno 2008.
  31. ^ (EN) Gianfranco Continenza. The past inside the present, su An Overdose Of Fingal Cocoa, 10 febbraio 2014.
  32. ^ Rosa Anna Buonuomo, Dusting the Time, Continenza e il suo fusion con personalità, in Il Centro, 14 gennaio 2014.
  33. ^ (EN) Gianfranco Continenza Trio, su Gerli Music Management.
  34. ^ Arturo Celsi, Gianfranco Continenza. Vertical horizons (PDF), in Guitar Club, maggio 2019.
  35. ^ Maurizio Mazzarella, Gianfranco Continenza - Dusting The Time, in Guitar Club, n. 1, gennaio 2014, p. 4.
  36. ^ Stefano Tavernese, DNA chitarristico, in Chitarre, n. 336, 2014, pp. 22-23.
  37. ^ (DE) Gianfranco Continenza. Dusting The Time, in Grand GTRs, marzo 2014.
  38. ^ (EN) Barry Cleveland, Editors' faves March 2014, in Guitar Player, marzo 2014, p. 20.
  39. ^ Paolo Pavone, Professione chitarrista, in Guitar club, n. 5, maggio 2014, pp. 58-59.
  40. ^ (EN) Profile, su Tetsuo Sakurai.
  41. ^ Arturo Celsi, Gianfranco Continenza. Vertical Horizons, in Guitar Club, n. 9, settembre 2019.
  42. ^ Antonino Ianniello, Gli orizzonti verticali del sound di Continenza, in il Quotidiano del Sud, 19 gennaio 2021.
  43. ^ Mimmo Langella, Mahavishnu Re-Defined - A Tribute To John McLaughlin & The Mahavishnu Orchestra, in Axe Guitar Magazine, n. 142, aprile 2009.
  44. ^ Mauro Salvatori, Mhavishnu Re-Dedined - A Tribute To John McLaughlin And The Mahavishnu Orchestra, in Chitarre, n. 282, agosto 2009, p. 20.
  45. ^ (EN) Various – Mahavishnu Re-Defined (A Tribute To John McLaughlin And The Mahavishnu Orchestra), su Discogs.
  46. ^ (EN) Various Artists: Mahavishnu Redefined: A Tribute to John McLaughlin and the Mahavishnu Orchestra, su All About Jazz, 18 giugno 2009.
  47. ^ (EN) Various – Mahavishnu Re-Defined II (A Tribute To John McLaughlin And The Mahavishnu Orchestra), su Discogs.
  48. ^ (EN) Various Artists - 2010 "Mahavishnu Re-Defined II": A Tribute To John McLaughlin & Mahavishnu Orchestra, su Jazz Rock Fusion Guitar, 4 settembre 2015.
  49. ^ Alessandro Centofanti biography, su Alessandro Centofanti (sito ufficiale). URL consultato il 19 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2021).
  50. ^ (EN) Various – The Loner 2 − A Tribute To Jeff Beck, su Discogs.
  51. ^ (EN) Sergey Boykov, su Vivaldi Metal Project.
  52. ^ The branched tree (jazz suite in 6 movements), su Rockit.
  53. ^ Adam D'Amato, Nicola Trivarelli Project III Organ Trio - Strange Kind of blues, su Jazz Convention, 9 dicembre 2016.
  54. ^ Curriculum di Adriano Brunelli, su Estense Music Academy.
  55. ^ Gianfranco Continenza, su DV Mark.
  56. ^ Artisti, su MAMA pickups.
  57. ^ Artists, su Fattoria Mendoza.
  58. ^ Gianfranco Continenza Trio, su PD Production.
  59. ^ Gianfranco Continenza chitarrista e compositore, su Jazzitalia.
  60. ^ Antonino Ianniello, Gianfranco Continenza, chitarrista creativo e progressivo, su 7 Salerno.
  61. ^ (EN) Guitarist - Composer - Arranger and Guitar Instructor, su Fattoria Mendoza.
  62. ^ Giornate all’insegna del jazz nel centro storico di Ripatransone, su ilQuotidiano.it, 12 luglio 2007.
  63. ^ Gianfranco Continenza, su Jacoland.
  64. ^ Gianfranco Continenza - Lezioni di chitarra, su Jazzitalia.
  65. ^ Intervista a Gianfranco Continenza, su Audiofollia.
  66. ^ Rosa Anna Buonuomo, Gianfranco Continenza a Pescara con l’album “Vertical Horizons”, in Il Centro, 9 luglio 2019.
  67. ^ Fla Pescara, programma eventi, ospiti e orari 8 novembre 2019, in Pescara Post, 7 novembre 2019.
  68. ^ (ITEN) Il chitarrista Jazz/Fusion e l’improvvisazione modale creativa Vol.1, su Masciulli Edizioni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2019 - Il chitarrista Jazz/Fusion e l’improvvisazione modale creativa (Masciulli Edizioni).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 5698 9058