Giancarlo Matteotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giancarlo Matteotti
Giancarlo Matteotti.jpg

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano
Collegio IX (Verona)
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III Legislatura
Gruppo
parlamentare
Partito Socialista Italiano (1º giugno 1948 - 18 maggio 1951)

Partito socialista (SIIS) (18 maggio 1951 - 29 gennaio 1952)
Partito Socialista Democratico Italiano (29 gennaio 1952 - 15 maggio 1963)

Collegio Verona (I, III), CUN (II)
Incarichi parlamentari
sottosegretario di Stato al Bilancio
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Socialista Democratico Italiano
Professione Funzionario di partito, pubblicista

Giancarlo Matteotti (Roma, 19 maggio 1918Roma, 15 maggio 2006) è stato un politico italiano, figlio di Giacomo Matteotti e fratello di Matteo Matteotti.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In famiglia e dagli amici era detto Chicco, è stato deputato per quattro legislature, dal 25 giugno 1946 al 15 maggio 1963, iniziando la sua carriera parlamentare nell'assemblea costituente, eletto nel collegio di Verona per il Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria.

È stato sottosegretario al Bilancio nel governo Fanfani IV dal 24 febbraio 1962 al 21 giugno 1963.

Nel 1964 fu incriminato del reato di incitamento a pratiche contro la procreazione. La Camera dei deputati concesse l'autorizzazione a procedere. Venne posta la questione di legittimità costituzionale dell'art. 553 del Codice penale, che la Corte costituzionale dichiarò non fondata.[1] La norma fu dichiarata costituzionalmente illegittima 6 anni dopo.[2]

Dal 20 maggio 1954 al 1º gennaio 1969 è stato membro dell'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.[3]

È stato membro del consiglio di amministrazione dell'Eni dal 1963 al 1974.[4]

È morto il 15 maggio 2006 ed è stato sepolto a Fratta Polesine accanto al padre.[5]

Uffici parlamentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Vicepresidente della Commissione speciale per l'esame del disegno di legge n. 618: "Attuazione di iniziative intese ad incrementare la produttività" (2 marzo 1954 - 11 giugno 1958)
  • Vicepresidente della VI Commissione (finanze e tesoro) (30 luglio 1958 - 30 giugno 1962)
  • Vicepresidente della Commissione speciale per l'esame dei disegni di legge nn. 60, 61 e 62, relativi ai bilanci dei tre ministeri finanziari per l'esercizio finanziario 1958-59 (10 luglio 1958 - 15 maggio 1963)
  • Vicepresidente della Commissione speciale per l'esame dei disegni di legge n. 1: "Autorizzazione all'esercizio provvisorio del bilancio per l'anno finanziario 1958 - 1959" e n. 12: "Provvidenze per la riparazione di danni provocati da avverse condizioni atmosferiche, nonché variazioni dello stato di previsione dell'entrata per l'esercizio finanziario 1957 - 1958" (12 giugno 1958 - 15 maggio 1963)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Corte costituzionale, Sentenza n. 9 anno 1965, Consulta OnLine. URL consultato il 3 maggio 2008.
  2. ^ Corte costituzionale, Sentenza n. 49 anno 1971, Consulta OnLine. URL consultato il 3 maggio 2008.
  3. ^ (EN) M. Giancarlo Matteotti[collegamento interrotto], Council of Europe. URL consultato il 15 maggio 2008.
  4. ^ Eni (1953-1977). Componenti Consiglio di amministrazione e Giunta esecutiva (PDF)[collegamento interrotto], Eni. URL consultato il 15 maggio 2008.
  5. ^ Matteotti, è morto l'ultimo figlio, la Repubblica, 15 maggio 2006. URL consultato il 25 aprile 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN316747274 · WorldCat Identities (ENviaf-316747274