Giancarlo Loquenzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giancarlo Loquenzi conduce Zapping da Piazza Duomo a Trento in occasione del Festival dell'Economia.

Giancarlo Loquenzi (Roma, 18 giugno 1960) è un giornalista italiano.

Note biografiche e professionali[modifica | modifica wikitesto]

Ha cominciato a fare il giornalista nel 1978 a Radio Radicale, di cui è stato direttore per 5 anni. È successivamente passato al quotidiano L'Indipendente, fondato da Ricardo Franco Levi. Terminata l'esperienza de l'Indipendente è stato tra i fondatori de Il Foglio di Giuliano Ferrara dove è rimasto per 3 anni come caporedattore a Roma. Ha poi svolto il ruolo di vicedirettore di Liberal, il settimanale diretto da Ferdinando Adornato. È stato chiamato dal Sole 24 Ore presso la neonata Radio24 nel 2000. Da Milano torna a Roma per fare il direttore delle relazioni istituzionali di Telepiù.

Nel 2003 viene scelto come capo ufficio Stampa del Senato della Repubblica fino al 2007. Nel 2007, attraverso l'esperienza della Fondazione Magna Carta, ha dato vita a L'Occidentale il quotidiano on line di cui è stato direttore per 5 anni.

Ha collaborato con REDTV e Radio3 ed è stato editorialista de Il Tempo.[1][2]

Conduce i programmi di Radio 1 Prima di domani e dal 2 luglio 2012 al 12 giugno 2014 Zapping, da lui ribattezzato Zapping duepuntozero[3], ove è stato poi sostituito da Ruggero Po. Successivamente conduce sempre per Radio 1 Dovestate e dal 15 settembre 2014 Bianco e nero. Dal 5 settembre 2016 ha ripreso la conduzione di Zapping, sostituito da Carlo Cianetti dal 30 luglio al 31 agosto 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie