Giancane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giancane
NazionalitàItalia Italia
GenereFolk
Punk rock
Periodo di attività musicale2013 – in attività
EtichettaWoodworm
GruppiIl Muro del Canto
Album pubblicati4
Studio2
Live1
Colonne sonore1

Giancane, pseudonimo di Giancarlo Barbati (Roma, 6 giugno 1980), è un cantautore e musicista italiano. Ex chitarrista del Muro del Canto,[1] con i quali ha pubblicato tre album e due EP, come solista è stato considerato esponente di una «nuova grammatica cantautorale»[2] e definito uno «dei cantautori più illuminati della propria generazione».[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel quartiere San Paolo di Roma, si avvicina al panorama musicale nel 2013, anno di esordio solista con l'EP Carne.

Successivamente pubblica due album: Una vita al top nel 2015 e Ansia e disagio nel 2017. Quest'ultimo album comprende il brano Ipocondria con la partecipazione del rapper Rancore per il quale è stato realizzato un videoclip con i disegni di Zerocalcare.

Nel 2016 ha partecipato alla compilation Roma brucia.

Nel 2021 realizza la colonna sonora della serie animata Strappare lungo i bordi di Zerocalcare.[4]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Album dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Muro del Canto: Giancarlo Barbati lascia il gruppo, su Inside Music, 27 ottobre 2018. URL consultato il 22 gennaio 2022.
  2. ^ Giulia Zanichelli, "Giancane: l'evoluzione musicale di un ipocondriaco", su La Repubblica, 6 dicembre 2017. URL consultato il 20 settembre 2018.
  3. ^ Claudio Lancia, Giancane - Ansia e disagio, su ondarock.it, 8 gennaio 2018. URL consultato il 20 settembre 2018.
  4. ^ Raffaella Oliva, Zerocalcare, Giancane e il punk-rock di 'Strappare lungo i bordi', su Rolling Stone Italia, 9 dicembre 2021. URL consultato il 21 gennaio 2022.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]