Gianbernardino Scotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gianbernardino Scotti, C.R.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal.svg
Incarichi ricoperti
Nato 1478, Magliano Sabina
Ordinato presbitero in data sconosciuta
Nominato arcivescovo 20 dicembre 1555 da papa Paolo IV
Consacrato arcivescovo 1556[1]
Creato cardinale 20 dicembre 1555 da papa Paolo IV
Deceduto 11 dicembre 1568, Roma

Gianbernardino Scotti (Magliano Sabina, 1478Roma, 11 dicembre 1568) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1525 fu tra i primi ad entrare nell'appena fondato ordine dei Chierici regolari Teatini.

Papa Paolo IV lo elevò al rango di cardinale presbitero del titolo di San Matteo in Merulana nel concistoro del 20 dicembre 1555. Lo stesso giorno lo elesse anche arcivescovo di Trani e, il 9 agosto 1559, lo trasferì alla sede vescovile di Piacenza.

Impossibilitato a partecipare al conclave del 1565-1566, che elesse papa Pio V, dal nuovo papa fu nominato membro della Sacra Inquisizione e fu incaricato in particolare degli affari dei greci e delle chiese orientali.

Morì l'11 dicembre 1568 e fu sepolto nella basilica di San Paolo fuori le mura.

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Data incerta

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo metropolita di Trani Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Giovanni Domenico De Cupis
(amministratore apostolico)
20 dicembre 1555 - 9 agosto 1559 Juan Battista de Ojeda
Predecessore Cardinale presbitero di San Matteo in Merulana Successore CardinalCoA PioM.svg
Girolamo Dandini 13 gennaio 1556 - 11 dicembre 1568 Jérôme Souchier, O.Cist.
Predecessore Vescovo di Piacenza
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Catalano Trivulzio 9 agosto 1559 - 11 dicembre 1568 Paolo Burali d'Arezzo
Controllo di autorità VIAF: (EN8548116 · GND: (DE13247283X · CERL: cnp01093478