Gian Paolo Dallara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gian Paolo Dallara nel 2014

Gian Paolo (o Giampaolo) Dallara (Varano de' Melegari, 16 novembre 1936) è un ingegnere e imprenditore italiano, fondatore dell'omonima casa automobilistica, costruttrice di automobili da competizione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in ingegneria aeronautica al Politecnico di Milano, Gian Paolo Dallara inizia la sua carriera in Ferrari nel 1959 per passare successivamente alla Maserati e nel 1963 alla Lamborghini. A Sant'Agata Bolognese è tra i progettisti della Miura, poi dal 1969 inizia l'avventura in Formula 1 e Formula 2 assieme a Frank Williams e Alejandro De Tomaso.

Giotto Bizzarrini, Ferruccio Lamborghini e Gian Paolo Dallara a Sant'Agata Bolognese, 1963, con un prototipo di Lamborghini V12

Nel 1972 fonda la sua azienda a Varano de' Melegari, cittadina nelle colline parmensi, dove è posto anche l'autodromo San Cristoforo, iniziando a costruire in proprio autovetture sport prototipi e a collaborare con Bertone progettando la Lancia Stratos, nonché con la stessa Lancia per vetture da competizione quali Beta Montecarlo Turbo, Rally 037, LC1 e LC2.

Nel 1980 realizza nella sua azienda una galleria del vento, la prima delle due attuali, costruendo vetture che mietono continui successi in tutti i circuiti degli Stati Uniti e d'Europa. Dal 1988 al 1992 la Dallara fornisce i telai per le auto di F1 della Scuderia Italia che nel 1993, ultimo anno di attività del team bresciano in Formula 1, opterà per una collaborazione con Lola.

Nel 1996 viene nominato vicepresidente della CSAI, di cui è componente della commissione tecnica fin dal 1980. Dal 1997 disegna e costruisce i telai per le auto dei team che partecipano all'IRL IndyCar Series, vincendo numerosi campionati. Nel settembre del 1998 viene designato rappresentante italiano in seno al comitato tecnico della FIA.

Dal 2005 diviene il costruttore delle auto che partecipano alla neonata GP2. Dal 2007 viene affiancato da Andrea Pontremoli alla direzione della sua azienda. Nel 2009 Dallara torna in Formula 1 con la scuderia Campos Grand Prix, che partecipa al campionato 2010. Nel 2012 a Gian Paolo Dallara viene assegnato il premio internazionale Barsanti e Matteucci.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
«Su proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri»
— 27 dicembre 2013[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio Sant'Ilario, parmaitaly.com. URL consultato il 15 novembre 2014.
  2. ^ Vincitori passate edizioni, ey.com. URL consultato il 15 novembre 2016.
  3. ^ Dettaglio decorato. Dallara Ing. Giampaolo, quirinale.it. URL consultato il 15 novembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]