Gian Maria Gros-Pietro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gian Maria Gros Pietro

Gian Maria Gros-Pietro (Torino, 4 febbraio 1942) è un dirigente d'azienda italiano, presidente del Consiglio di Amministrazione di Intesa Sanpaolo dal 27 aprile 2016,[1] e membro del Consiglio di Amministrazione presso l’Università LUISS Guido Carli a Roma.[2].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in Economia e Commercio presso l'Università di Torino nel 1964, ha insegnato economia dell'Impresa e Economia e Politica Industriale nello stesso ateneo fino al 2004[3]. Dal 1974 al 1995[4] ha diretto il Ceris (l'Istituto di Ricerca sull'Impresa e lo Sviluppo, principale organo economico del Consiglio Nazionale delle Ricerche - CNR)[5], mentre per 7 anni, a partire dal 2004 è stato a capo del dipartimento di scienze economiche e aziendali dell'Università LUISS di Roma[6].

Dal 1997 al 1999 ha guidato la liquidazione dell'IRI con la carica di presidente[7]. Analogo incarico ha ricoperto all'Eni dal 1999 al 2002, con il compito di seguire la liberalizzazione del mercato italiano del gas e l'espansione del gruppo[8], sia in Atlantia S.p.A. (già Autostrade S.p.A.) dal 2002 al 2010.[7]. È stato anche per 6 anni, fino al 2002, membro del CNEL (Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro)[9].

Altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Gian Maria Gros-Pietro (al centro) con Roberto Napoletano (sinistra) e Francesco Gaetano Caltagirone (destra) al convegno Amici della LUISS tenutosi a Roma nel 2009.

Gros-Pietro presiede il comitato scientifico della società di studi economici Nomisma[10] e fa parte del Consiglio di amministrazione dell'ISPI (l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale)[11] del comitato esecutivo ABI[12], del Consiglio direttivo FeBAF (Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza)[13], e del Direttivo dell'Unione Industriale di Torino[14].

Siede, inoltre, nei consigli di amministrazione di ASTM (in qualità di presidente)[15] ed Edison[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intesa Sanpaolo, eletto nuovo CdA, Gros -Pietro presidente - Rai News, su rainews.it. URL consultato il 14 giugno 2016.
  2. ^ Università Luiss Guido Carli - Consiglio di Amministrazione, su luiss.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  3. ^ Università Luiss Guido Carli - Gian Maria Gros-Pietro - Profilo, su docenti.luiss.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  4. ^ Comunicazione italiana - Gian Maria Gros-Pietro - Profilo, su comunicazioneitaliana.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  5. ^ Confindustria - Gian Maria Gros-Pietro - Profilo, su ixi.confindustria.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  6. ^ Young Factor - Gian Maria Gros-Pietro - Profilo, su young-factor.it. URL consultato il 22 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2014).
  7. ^ a b Gian Maria Gros-Pietro nominato presidente Astm - Adnkronos, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  8. ^ Gros-Pietro pronto per il timone dell'Eni - Corriere della Sera, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 22 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2014).
  9. ^ CNEL - Gian Maria Gros-Pietro - Profilo, su cnel.it. URL consultato il 22 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2014).
  10. ^ Nomisma - Comitato scientifico, su nomisma.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  11. ^ ISPI - Consiglio di amministrazione, su ispionline.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  12. ^ ABI - Componenti del Comitato esecutivo, su abi.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  13. ^ FeBAF (Federazione delle Banche, delle Assicurazioni e della Finanza) - Consiglio direttivo, su febaf.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  14. ^ Direttivo dell’Unione Industriale di Torino, su ui.torino.it. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  15. ^ a b Edison - Membri del Consiglio di amministrazione, su edison.it. URL consultato il 22 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29716262 · ISNI (EN0000 0000 0316 5135 · SBN IT\ICCU\CFIV\026227 · LCCN (ENn87919828 · GND (DE170317080 · BNF (FRcb13776006r (data)