Gian Giacomo Cavazzi della Somaglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gian Giacomo Cavazzi della Somaglia

Senatore del Regno d'Italia
Legislature XXIV

Dati generali
Titolo di studio Laurea in Giurisprudenza
Università Università di Bologna
Professione Possidente
Heraldic Crown of Spanish Count.svg
Gian Giacomo Cavazzi della Somaglia
Conte della Somaglia
In carica 6 marzo 1896 –
18 luglio 1918
Predecessore Gian Luca Cavazzi della Somaglia
Successore Titolo estinto
Trattamento Sua Eccellenza
Altri titoli Barone della Somaglia
Patrizio milanese
Don
Dinastia Cavazzi della Somaglia
Padre Gian Luca Cavazzi della Somaglia
Madre Guendalina Doria Pamphili
Consorte Virginia Dal Pozzo d'Annone
Figli Guendalina
Claudia
Luisa
Religione cattolicesimo

Gian Giacomo Cavazzi della Somaglia (Milano, 16 luglio 1869Roma, 18 luglio 1918) è stato un politico e nobile italiano, senatore del Regno d'Italia e presidente della Croce Rossa Italiana dal 1913, durante la prima guerra mondiale, fino alla morte[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Gian Luca, XIII conte e barone della Somaglia, e di sua moglie la principessa Guendalina Doria Pamphili Landi, venne nominato senatore della XXIV Legislatura del Regno d'Italia; viene ricordato principalmente per la sua partecipazione nei servizi legati alla Croce Rossa sin dal 1897 quando il padre Gian Luca Cavazzi della Somaglia ne era presidente ed alla morte del quale egli gli successe per la medesima carica.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]