Gian Francesco Gamurrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gian Francesco Gamurrini (Arezzo, 18 maggio 1835Arezzo, 17 marzo 1923[1]) è stato uno storico, archeologo e numismatico italiano.

Archeologo e storico italiano dai molteplici interessi, discendente di una famiglia nobile aretina, fu Rettore della Fraternita dei Laici, antica confraternita di Arezzo.

Raccolse le iscrizioni etrusche e romane presenti nella zona di Arezzo, ed esplorò siti etruschi e romani in tutta l'Italia centrale, gettando le basi della sua carta archeologica dell'Italia centrale

Nel 1867 il ministro Michele Coppino lo nominò direttore della nuova Galleria Reale di Firenze.[1] A lui si deve il ritrovamento nel 1884 ad Arezzo, in un manoscritto dell'XI secolo[2] dell'abbazia di Montecassino, della Peregrinatio Aetheriae.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Le monete d'oro etrusche e principalmente di Populonia, Firenze, 1874.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giuseppe M. Della Fina, Gian Francesco Gamurrini, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 24 agosto 2016.
  2. ^ Garofali, p. 2

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN76493674 · LCCN: (ENn86041160 · SBN: IT\ICCU\SBLV\041835 · ISNI: (EN0000 0001 0774 3753 · GND: (DE119195321 · BNF: (FRcb137438027 (data) · BAV: ADV10111667 · CERL: cnp00549755