Giampiero Casertano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giampiero Casertano nel maggio 2013

Giampiero Casertano (Milano, 26 aprile 1961) è un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giampiero Casertano, comincia negli anni Settanta collaborando con il disegnatore Leone Cimpellin alle chine del tascabile Jonny Logan e Guerra d'Eroi per la Editoriale Dardo. Pubblica quindi cinque storie su testi di Giorgio Pelizzari sui Boy Music.

Esordisce alla Sergio Bonelli Editore coadiuvando Carlo Ambrosini nella realizzazione di una storia di Ken Parker, personaggio creato da Ivo Milazzo e Giancarlo Berardi.[1]

Passa poi a Martin Mystère, per il quale disegna tre storie e uno speciale. Successivamente entra a far parte dello staff dei disegnatori di Dylan Dog, di cui nel 1986, lo realizza graficamente, divenendone col tempo, uno dei disegnatori più rappresentativi.[2]

Realizza, sempre per l'editore milanese anche il n. 5 della serie Napoleone. Nel 1997 pubblica in Francia per la Solèil un cartonato di tre storie autoconclusive dal titolo Guerres, con la collaborazione alle sceneggiature di Stefano Di Marino e Carlo Lucarelli, l'edizione italiana verrà curata nel 1999 da "I libri Scuola del Fumetto". Esce nel 2008, per la casa editrice Renoir, il primo volume di Decio su testi di Giorgio Albertini.

Nel 2012 la Bonelli pubblica una nuova serie chiamata Le storie, dove Casertano realizza i disegni per il numero 1, uscito nell'ottobre 2012[3], intitolato Il boia di Parigi e sceneggiato da Paola Barbato, e il numero 7, chiamato "La pattuglia perduta", scritto da Fabrizio Accatino e giunto nelle edicole nell'aprile 2013[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN70087203 · SBN: IT\ICCU\CFIV\145591