Giampaolo Ceramicola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giampaolo Ceramicola
Giampaolo Ceramicola.jpg
Giampaolo Ceramicola con la maglia del Lecce (1993)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182[1] cm
Peso 79[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Squadra Alessandria Alessandria (in 2ª)
Ritirato 1997 - giocatore
Carriera
Giovanili
Riccione Riccione
Squadre di club1
1980-1981 Riccione Riccione 27 (2)
1981-1982 Rimini Rimini 31 (4)
1982-1983 Pistoiese Pistoiese 21 (0)
1983-1984 Rimini Rimini 31 (1)
1984-1986 Ancona Ancona 62 (5)
1986-1987 Brescia Brescia 24 (1)
1987-1988 Cesena Cesena 25 (1)
1988-1989 Ancona Ancona 35 (1)
1989-1990 Bari Bari 11 (0)
1990-1991 Salernitana Salernitana 33 (5)
1991-1995 Lecce Lecce 131 (19)
1995-1996 Reggina Reggina 28 (4)
1996-1997 Montevarchi Montevarchi 12 (0)
Carriera da allenatore
2002-2005 Misano Misano
2005-2009 600px BlauGrana (Strisce).png Fontanelle
2009-2011 SPAL (in 2ª)
2011-2012 Carpi Carpi (in 2ª)
2013 Alessandria Alessandria (in 2ª)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 marzo 2013

Giampaolo Ceramicola (Rimini, 10 aprile 1964) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore, attuale vice allenatore dell'Alessandria.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

La sua prima esperienza professionistica risale alla stagione 1981-1982 con la maglia del Rimini in Serie B. La stagione si conclude con la retrocessione dei romagnoli e il giovane Ceramicola viene ceduto in prestito alla Pistoiese sempre nel campionato cadetto. Dal 1983 al 1986 Ceramicola gioca in C1 son Rimini e Ancona.

Nel 1986 passa al Brescia e arriva l'opportunità di giocare in Serie A. Nel primo campionato in massima categoria colleziona 24 presenze e mette a segno un gol alla 25ª giornata nella partita Torino-Brescia terminata 2-2[2]. Negli anni successivi veste le maglie di Cesena, Ancona, Bari e Salernitana alternandosi tra Serie A e B. Nel 1991 viene acquistato dal Lecce. Con i salentini conquista al secondo tentativo la promozione in massima serie. Ma l'esperienza in A dura solo una stagione. Il campionato si conclude con una retrocessione segnata da record negativi (solo 11 punti, peggior attacco e peggior difesa del torneo). Dopo la seconda retrocessione consecutiva che porta il Lecce in Serie C1 Ceramicola lascia il Salento e si trasferisce a Reggio Calabria, dove con la maglia della Reggina disputa un campionato di Serie B. Nel 1997 chiude la carriera professionistica a Montevarchi.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver allenato nelle categorie dilettantistiche il Misano e il Fontanelle di Riccione, dal 2009 è entrato a far parte dello staff di Egidio Notaristefano, che ha seguito rivestendo il ruolo di vice-allenatore alla SPAL[3], al Carpi e poi all'Alessandria[4].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Lecce: 1995-1996

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 29.
  2. ^ Italy Championship 1986/87, RSSSF, URL consultato il 3 dicembre 2014.
  3. ^ Ceramicola, molto più di un vice-allenatore, Lospallino.com, 6 gennaio 2011. URL consultato il 19 marzo 2013.
  4. ^ Francesco Conti, Egidio Notaristefano, finalmente a casa, Radiogold.it, 19 marzo 2013. URL consultato il 19 marzo 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]