Giambattista Spada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giambattista Spada
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato28 agosto 1597 a Lione
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato patriarca3 agosto 1643 da papa Urbano VIII
Consacrato patriarca23 agosto 1643 dal cardinale Marcantonio Franciotti
Creato cardinale2 marzo 1654 da papa Innocenzo X
Deceduto23 gennaio 1675 (77 anni) a Roma
 

Giambattista Spada (Lione, 28 agosto 1597Roma, 23 gennaio 1675) è stato un cardinale e patriarca cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di nobile famiglia lucchese, era nipote del cardinale Bernardino Spada.

Nel 1606 fu inviato a Roma dove fu istruito dallo zio Giambattista Spada, avvocato concistoriale.

Nel 1618, durante il pontificato di Paolo V, entrò nella Curia romana come avvocato concistoriale. Dal 1624 al 1629 fu segretario della Congregazione del Buon Governo; nel 1630 fu nominato segretario della Congregazione di Sanità. Dal 1635 al 1643 fu governatore di Roma. Durante il pontificato di Urbano VIII fu segretario di Stato, succedendo al cardinale Francesco Adriano Ceva. Durante il pontificato di Innocenzo X fu anche rettore dell'Università della Sapienza.

Il 3 agosto 1643 fu nominato patriarca titolare di Costantinopoli e consacrato vescovo il 23 agosto dello stesso anno dal cardinale Marcantonio Franciotti. Dal 1644 fu presidente della provincia di Romagna.

Nel concistoro del 2 marzo 1654 fu creato cardinale da papa Innocenzo X e il 23 marzo dello stesso anno ricevette il titolo di Santa Susanna. Fu legato a Ferrara dal 1654 al 1657. Il 27 gennaio 1659 optò per il titolo di San Marcello e il 25 settembre 1673 per quello di San Crisogono.

Partecipò al conclave del 1655, al conclave del 1667 e al conclave del 1669-1670, che elessero rispettivamente papa Alessandro VII, papa Clemente IX e papa Clemente X.

Morì a Roma e fu sepolto nella chiesa di Santa Croce e San Bonaventura dei Lucchesi.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69219017 · ISNI (EN0000 0000 6138 6518 · LCCN (ENn2005047125 · GND (DE104337427 · BNF (FRcb15066055t (data) · CERL cnp01389558