Giacomo Valenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giacomo Valenti, meglio conosciuto come Ciccio Valenti (Livorno, 5 luglio 1966), è un conduttore televisivo, conduttore radiofonico e opinionista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, inizia lavorando in alcune TV locali come giornalista sportivo (nei primi anni Novanta sull'emittente Retebrescia) e in radio come DJ e autore di scherzi telefonici. Nella trasmissione "0337" i suoi scherzi prendono di mira personalità dello spettacolo, in seguito anche persone della strada. Conduce poi la trasmissione WWE SmackDown!, con Christian Recalcati[1] e Smile su Italia 1, Monster Jam (sempre con Recalcati) e Slamball con Dan Peterson[2]. Successivamente fa parte del cast di Direttissima e del reality show di Canale 5 Uno due tre stalla, nelle vesti di inviato.

Nel 2007 e nel 2008, insieme a Tommy Vee e a Laura Forgia, conduce su Italia 1 Talent1, programma che tra la notte del 31 dicembre 2007 e il 1º gennaio 2008 è andato in onda con una puntata speciale intitolata Talent1 Night, la notte dei talenti per aspettare il capodanno 2008[3]; nel 2007 inizia a occuparsi di poker ponendosi al commento del programma Poker1Mania[4] (con Luca Pagano). Nell'estate del 2009 è stato anche conduttore del programma radiofonico XXL - Altrimenti ci allarghiamo! su Rai Radio 2 e ha fatto parte del cast della trasmissione sportiva Controcampo, con una rubrica in cui vengono mostrate riprese curiose effettuate dentro agli stadi. È anche telecronista del torneo di poker Colorado Hold'em (parodia del torneo di poker Texas Hold'em) all'interno della trasmissione Colorado Cafè su Italia 1.

Nel luglio 2011 ritorna al commento del wrestling con WWE Raw (versione international) su Italia 2. Anche questa volta al suo fianco viene chiamato Christian Recalcati. Nel mese di febbraio 2012 diventa giocatore di poker e finisce 17º al premio nel torneo del World Poker Tour di Venezia. Tra il 2012 e il 2013 commenta insieme a Paolo Lanati una collana DVD edita dalla Gazzetta dello Sport intitolata Wrestling Heroes - Le più grandi star di sempre.[5] Nel 2013 è concorrente del programma televisivo Jump! Stasera mi tuffo[6], su Canale 5, ma viene eliminato durante la prima puntata, abbinato alla concorrente non famosa Maria Ester Grasso[7].

Nel settembre del 2013 conduce il programma radiofonico Faccio un goal con Valentina Correani.

L'11 luglio 2016 approda a Rai Radio 1 con il programma pomeridiano A tutto tondo.

Il 31 marzo 2017 fa il suo esordio come attore ne L'onore e il rispetto 5.

Il 30 Gennaio 2018 fa il suo esordio come conduttore radiofonico nel programma "Tutti pazzi per RDS" la mattina su RDS.

È un grande tifoso dell'Inter[8] e appassionato di calcio e dal 2017 partecipa come opinionista alla trasmissione Diretta Stadio su 7 Gold.[9]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Tutti Pazzi per Rds ( 2018 - oggi)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Wrestling Smackdown!, su articoligratis.com.
  2. ^ cinevideoblog.it, http://www.cinevideoblog.it/televisione/sport/slamball-su-italia-uno-condotto-da-dan-peterson-e-ciccio-valenti_art963.html.
  3. ^ Talent1, su celebclub.biz.
  4. ^ Poker in TV - Pokermania e la Notte del Poker, su pokerlistingsit, 11 febbraio 2009. URL consultato il 27 marzo 2016.
  5. ^ Andrea Malalana, La Gazzetta dello Sport presenta "Wrestling Heroes - Le più grandi star di sempre" - WRESTLING NEWS, su wrestlingrevolution.it, 23 dicembre 2012. URL consultato il 27 marzo 2016.
  6. ^ Jump! Stasera mi tuffo: eliminato Ciccio Valenti nella prima puntata, su daringtodo.com.
  7. ^ Jump! Stasera mi tuffo: Ciccio Valenti e Maria Ester Grasso eliminati, su davidemaggio.it.
  8. ^ ESCLUSIVA FG: Intervista a Giacomo Valenti. L'Inter, il poker, e tutto il resto - Fantagazzetta.com, in Fantagazzetta - Solo il meglio del calcio, 25 febbraio 2012. URL consultato il 7 gennaio 2018.
  9. ^ franksport Tv, ELIO CORNO:"I MILANISTI SI ARRAMPICANO,ROSICANO!"DIRETTA STADIO 7GOLD 04.10.2017, 4 ottobre 2017. URL consultato il 7 gennaio 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]