Giacomo Bozzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Bozzano
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185 cm
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi massimi
Ritirato 13 ottobre 1962
Carriera
Incontri disputati
Totali 34
Vinti (KO) 31 (15)
Persi (KO) 3
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Melbourne 1956 massimi
 

Giacomo Bozzano, detto Mino (Sestri Levante, 12 aprile 1933Rapallo, 21 novembre 2008), è stato un pugile italiano, specializzato nei pesi massimi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziò a praticare il pugilato presso l'allora palestra "Aurora Boxe", oggi "Tito Copello", di Chiavari, dove si allenò per quasi tutta la sua carriera ed oltre. Pur non avendo mai combattuto per un titolo, Bozzano è stato uno dei pugili italiani più celebri degli anni '50 e '60.

Conquistò il bronzo ai Giochi Olimpici di Melbourne 1956, prima di diventare professionista l'anno successivo. Fra i pro si fece largo a suon di KO; a questo proposito rimase memorabile l'incontro a Milano nel 1958 contro lo statunitense Kivalu, vinto dopo che, a causa dei colpi, entrambi gli atleti finirono fuori dal ring e dovettero essere portati in ospedale.

Sempre nel 1958, a Milano, batté ai punti l'ex campione mondiale dei mediomassimi, il grande pugile italoamericano Joey Maxim, in uno degli ultimi incontri della carriera, e l'ex campione europeo dei massimi Francesco Cavicchi, per KO all'8º round.

Bozzano si ritirò nel 1962, dopo 34 incontri, con un record di 31-3.

Aprì quindi un ristorante insieme alla moglie Kristina, ma rimase molto vicino al mondo della boxe, tanto che negli Anni '90 fece notizia quando, dalla platea del Maurizio Costanzo Show, sfidò Francesco Damiani.

Nel 1998 il suo locale fallì e il 30 aprile 2005 venne aggredito per motivi oscuri da un operaio trentenne. Da allora Bozzano non riuscì più a riprendere conoscenza e l'ex-collega Lorenzo Lenzini dovette chiedere un aiuto alla Federazione Pugilistica Italiana per aiutarlo a sostenere le costose cure cui dovette essere sottoposto

È morto il 21 novembre 2008 a 75 anni in una clinica privata a Rapallo, dal 24 novembre 2008 riposa in Chiavari, città nella quale risiedeva.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]