Giacomo Bonicelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giacomo Bonicelli
Giacomo Bonicelli.jpg

Deputato del Regno d'Italia
Legislature XXII, XXIII, XXIV
Coalizione Sinistra
Collegio Brescia

Senatore del Regno d'Italia
Durata mandato 9 dicembre 1920 –
Legislature XXV

Dati generali
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Giacomo Daniele Bonicelli (Brescia, 3 aprile 1861Brescia, 5 ottobre 1930) è stato un avvocato e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza a Milano ha esercitato la professione forense nello studio di suo padre e per circa tre decenni ha presieduto l'amministrazione degli Ospedali civici di Brescia. Consigliere comunale e provinciale di Brescia, nel 1890 viene eletto per la prima volta deputato in rappresentanza della sua città, rieletto nel 1909 e nel 1913. Interventista, a 54 anni parte volontario per la prima guerra mondiale nel corpo degli alpini, inviato sul fronte dell'Adamello.

Costretto a rientrare a causa di problemi di salute nel 1916 viene nominato sottosegretario all'interno nel governo Boselli, confermato nel successivo governo Orlando. Dopo la guerra aderisce al fascismo e ricopre numerosi incarichi: consigliere dell'azienda statale dei monopoli, dell'istituto nazionale fondiario, della Commissione per la riforma della rappresentanza politica.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro
Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro decorato di Gran Cordone - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine di San Maurizio e Lazzaro decorato di Gran Cordone
Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN307356146 · GND (DE1093884118