Giacomo Barozzi di San Moisè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Treves de Bonfili in Rio di San Moise, Venezia

Giacomo Barozzi, o Jacopo I Barozzi noto più semplicemente come Giacomo Barozzi (Venezia, ... – 1245), veneziano della contrada di S. Moisè, in seguito alla caduta dell'Impero bizantino nel 1204, riuscì a conquistare le isole nell'arcipelago di Santorini. Santorini, Therasia e Nasso vennero mantenute dai successori sino a circa la metà del XIV secolo, riconquistate in un secondo momento nella seconda metà del XIII secolo[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Andrea, che nel 1202 è nella flotta di Enrico Dandolo equipaggiato per la conquista dell'Impero d'Oriente nella quarta crociata, [2] da questa famiglia si riedifica dunque il Palazzo Treves de Bonfili. [3] Giacomo partì alla conquistata delle isole di Santorini e Teresia nel 1207, isole di importanza strategica per il commercio veneziano.[4][5]

Molto famoso nella Venezia del suo tempo, venne eletto barone dagli imperatori di Costantinopoli.[4] Fu padre di Andrea, generale che nel 1264 ruppe i Genovesi, prendendo la città d’Acri in Soria. Altri figli furono un patriarca di Grado ed uno di Venezia, vari vescovi.[6]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di Santorini assume il suo nome attuale con l'arrivo del veneziano Giacomo.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Iacopo Barozzi, su treccani.it.
  2. ^ Andrea Barozzi, su treccani.it.
  3. ^ Palazzo Barozzi, su conoscerevenezia.it.
  4. ^ a b Casimiro Freschot, Li pregi della nobiltà veneta abbozzati in vn giuoco d'arme di tutte le famiglie, su books.google.it.
  5. ^ Patrizio Veneto Benedetto Barozzi Principe di Santorino, su murano-top.com.
  6. ^ Ponte Barozzi (demolito nel 1945), sul Rio de San Moisè, su conoscerevenezia.it.
  7. ^ Santorini, su in2greece.com.