Giacinto della Torre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giacinto della Torre
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coa rel ITA vesc della torre.jpg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato15 marzo 1747 a Saluzzo
Deceduto8 aprile 1814 a Torino
 

Giacinto Vincenzo della Torre (Saluzzo, 15 marzo 1747Torino, 8 aprile 1814) è stato un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giacinto della Torre nacque a Saluzzo il 15 marzo 1747 in seno alla nobile famiglia dei Della Torre, conti della Valle di Lucerna, un ramo dei Della Torre di Milano.[1]

Ancora giovanissimo, intraprese la carriera ecclesiastica entrando nell'Ordine di Sant'Agostino, sino a divenirne priore del convento di Torino, nonché professore di lettere e teologia.

Per questi suoi meriti, fu eletto arcivescovo di Sassari nel 1790, rimanendo in Sardegna sino al 1797 quando fu richiamato in Piemonte per reggere la carica di vescovo di Acqui, con il titolo personale di arcivescovo.

Mantenne un atteggiamento di aperta adulazione verso Napoleone Bonaparte: il 22 dicembre 1798 esortava i fedeli all'obbedienza al governo repubblicano francese, nel luglio del 1804 pronunciò l'omelia Festeggiandosi con sacra pompa il faustissimo avvenimento di Napoleone Bonaparte al trono imperiale, che trabocca di toni encomiastici. Ad ogni modo difese i principii dell'ortodossia cattolica (sebbene il 7 aprile 1808 approvasse il Catechismo imperiale) e ottenne da Napoleone la riapertura del seminario arcivescovile e l'esenzione dal servizio militare per i chierici.[2]

Alla rimozione dell'arcivescovo Carlo Luigi Buronzo del Signore, fu promosso alla sede metropolitana di Torino, nel 1805. Durante il suo episcopato si preoccupò di restaurare ed ingrandire la biblioteca arcivescovile.[3].

Morì a Torino l'8 aprile 1814.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacinto della Torre, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Giacinto della Torre, in Dizionario biografico degli italiani, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  3. ^ La biblioteca, scheda su www.teologiatorino.glauco.it (consultato nel febbraio 2014)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN387706 · ISNI (EN0000 0000 7969 3647 · GND (DE1067654240 · BNF (FRcb13248107c (data)