Giacinto Caramia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giacinto Caramia (Napoli, 7 luglio 192321 dicembre 2015) è stato un violoncellista italiano.

È stato allievo di Giuseppe Martorana, Artuto Bonucci ed Enrico Mainardi. Si diplomò in violoncello presso l'Accademia di Santa Cecilia.

Insegnante presso il Conservatorio di Salerno, è stato violoncello di spalla del Teatro San Carlo e dell'orchestra Alessandro Scarlatti.

Solista ed interprete di prime esecuzioni di musiche a lui dedicate, nonché componente dell'ensemble I Virtuosi di Roma[1] crea il Trio italiano d'archi, assieme a Franco Gulli (violino) e Bruno Giuranna (viola).

È stato membro ordinario dell'Accademia di Santa Cecilia[2].

Con il Trio italiano d'archi incise per la Deutsche Grammophon i Trii per archi in occasione dell'Opera Omnia di Beethoven. Collaborò con Sergiu Celibidache, sotto la cui direzione eseguì il Concerto per violoncello e orchestra di Schumann (incisa dalla Archipel) e, col Trio italiano d'archi, i Contrappunti per trio e orchestra di Giorgio Federico Ghedini, di cui esiste la registrazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Montalto musica, montaltomusica.altervista.org. URL consultato il 19 agosto 2011.
  2. ^ Elenco degli accademici sul sito dell'Accademia di Santa Cecilia, santacecilia.it. URL consultato il 19 agosto 2011.
Controllo di autorità VIAF: (EN12490174 · BNF: (FRcb138206768 (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie