Ghosting

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il ghosting è la pratica di interrompere tutte le comunicazioni e i contatti con un partner o qualcuno che si sta frequentando, anche senza un apparente motivo o alcun tipo di avvertimento, ignorando completamente qualunque tentativo di contatto.[1][2][3][4]

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

Ghosting deriva dall'inglese to ghost (=muoversi furtivamente) e dal suffisso -ing, ad indicare un comportamento elusivo proprio come i fantasmi.[5] Il termine è diventato popolare dal 2015, quando, a seguito di un articolo del New York Tymes in merito alla rottura tra Sean Penn e Charlize Theron,[3][6] diverse testate giornalistiche cominciarono ad utilizzarlo.[5]

Dal 2015 il termine è incluso nel Collins English Dictionary.

Il ghosting, complice la tecnologia e il successivo avvento dei social network, è diventato un fenomeno sempre più comune tra i millennials.[2][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ghosting, su treccani.it. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  2. ^ a b Il ghosting è la violenza psicologica preferita della nostra generazione, su thevision.com. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  3. ^ a b (EN) Exes Explain Ghosting, the Ultimate Silent Treatment, su nytimes.com. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  4. ^ (EN) Generation Ghost: The Facts Behind The Slow Fade, su elle.com. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  5. ^ a b ghosting, su accademiadellacrusca.it. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  6. ^ Ghosting: per chiudere una storia, sparisci come un fantasma: come ha fatto anche Charlize Theron con Sean Penn, su huffingtonpost.it. URL consultato il 14 gennaio 2022.
  7. ^ (EN) POF Survey Reveals 80% of Millennials Have Been Ghosted!, su blog.pof.com. URL consultato il 14 gennaio 2022.