Gestione delle emergenze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'espressione emergency management identifica la gestione delle situazioni di crisi allo scopo di pianificare, gestire e superare le emergenze, coordinando gli obiettivi di un'azienda (pubblica o privata) attraverso un'opportuna amministrazione, un'ottimizzazione delle risorse materiali e strumentali e la razionalizzazione delle risorse umane. L'emergency manager è la persona responsabile dell'emergency management.

Con il termine emergency management viene inoltre indicato l'insieme degli emergency manager e delle strutture coinvolte nel rientro alle condizioni ordinarie e al completo superamento delle crisi di un'azienda o di un territorio. Gli ambiti di riferimento nei quali operano tali professionalità sono: lo sviluppo socio-economico, la tutela ambientale e la protezione civile.

Gestione del rischio nelle aziende[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Valutazione del rischio e Gestione del rischio.

La gestione del rischio (risk management) è il processo mediante il quale si misura e si stima il rischio (economico, finanziario e patrimoniale) al fine di sviluppare le contromisure per governarlo. Di regola, le tattiche impiegate includono strategie per scongiurarlo del tutto o, comunque, ridurne l'effetto negativo, attraverso il trasferimento a terze parti o considerando la parziale o totale accettazione delle conseguenze.

La gestione del rischio tradizionale si focalizza sui rischi derivanti da cause fisiche o legali come ad esempio disastri naturali, incendi, morte e processi penali. La gestione del rischio finanziario, invece, si focalizza sui rischi governabili usando strumenti di trade finanziario.

Sempre più spesso, il concetto di rischio tende ad avere la doppia valenza di rischio/opportunità, dove insieme ad impatti negativi (ad esempio minacce) sono associati anche potenziali impatti positivi (in genere opportunità) da perseguire. Questa interpretazione è dovuta al significato della parola rischio in lingua inglese (risk), che assume una valenza più ampia di quella nella lingua italiana.

Si occupano di gestione del rischio sia le grandi imprese, che hanno dei team appositi, sia le piccole imprese che la praticano informalmente. Le regioni e gli stati europei hanno sviluppato, o si apprestano a sviluppare, aree di riferimento ben definite ai fini della gestione della sicurezza.[senza fonte]

Protezione civile e tutela ambientale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito della protezione civile, l'emergency management consiste principalmente nella gestione dei rischi antropici e naturali. L'emergency manager effettua una corretta analisi dei rischi ambientali e territoriali, in quanto fattori critici nella gestione delle emergenze. Disporre di dati affidabili che disegnano un quadro completo dello stato ambientale rappresenta il punto primario per la gestione di un'emergenza, poiché consente di prevedere in anticipo ogni aspetto della crisi, coordinando al meglio gli sforzi. Questa complessa attività è anche conosciuta come gestione delle catastrofi.

L'emergency manager senior è il responsabile della visione strategica d'insieme, del quadro generale del disastro e pertanto, normalmente, non controlla direttamente le attività di campo in quanto deputato a prendere decisioni operative, lasciando ai suoi diretti collaboratori, gli emergency manager junior, le decisioni tattiche. Le funzioni comuni a tutti i centri operativi e di coordinamento della catena di comando (EOC - emergency operative centre) sono quelle di raccogliere e analizzare dati, prendere decisioni che proteggono la vita e la proprietà, mantenere la continuità dell'organizzazione (nell'ambito delle vigenti disposizioni legislative) e diffondere tali decisioni a tutte le strutture interessate e alla popolazione coinvolta.

Controllo di autoritàLCCN (ENsh91000441 · GND (DE4029932-6