Gertrude di Hohenberg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gertrude di Hohenberg
Gertrud Anna Habsburg Basel Muenster 2008 018.jpg
La tomba di Gertrude di Hohenberg nella Cattedrale di Basilea
Regina consorte di Germania
(formalmente Regina dei Romani)
Stemma
In carica 1º ottobre 1273 –
16 febbraio 1281
Predecessore Violante d'Aragona
Successore Isabella di Borgogna
Duchessa consorte d'Austria e Stiria
In carica 26 agosto 1278 –
16 febbraio 1281
Predecessore Cunegonda di Slavonia
Successore Elisabetta di Tirolo-Gorizia
Altri titoli Contessa consorte d'Asburgo
Nascita Deilingen, 1225
Morte Vienna, 16 febbraio 1281
Luogo di sepoltura Cattedrale di Basilea
Casa reale Hohenzollern
Padre Burcardo V Hohenberg
Madre Matilde di Tubinga
Consorte di Rodolfo I d'Asburgo
Figli Matilde
Edvige
Alberto
Agnese
Caterina
Hartmann
Clemenza
Rodolfo
Guta
Carlo
Religione Cattolicesimo

Gertrude di Hohenberg (Deilingen, 1225Vienna, 16 febbraio 1281) è stata una nobildonna tedesca, contessa e regina consorte di Germania; prima moglie dell'imperatore Rodolfo I d'Asburgo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia del conte Burcardo V Hohenberg (morto nel 1253) e di Matilde di Tubinga.

Gertrude sposò nel 1245 il conte Rodolfo I d'Asburgo (1218-1291).[1]

La coppia ebbe dieci figli:

Il 29 settembre 1273 il marito fu eletto Re dei Romani (non essendo andato a Roma per essere incoronato, non portò il titolo di Imperatore del Sacro Romano Impero). Gertrude morì nel 1281; dopo tre anni di vedovanza, Rodolfo I si risposò nel 1284 con Isabella di Borgogna (1270-1323),[1] figlia del duca Ugo.

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni
Burcardo IV di Hohenberg Burcardo III di Hohenberg  
 
Cunegonda di Grünberg  
Burcardo V di Hohenberg  
Valpurga di Aichelberg Luitoldo di Aichelberg  
 
? di Otterswang  
Gertrude di Hohenberg  
Rodolfo II di Tubinga Rodolfo I di Tubinga  
 
Matilde di Gleiberg  
Matilde di Tubinga  
? di Ronsberg Enrico di Ronsberg  
 
Udihilda di Gammertingen  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (FR) Jiri Louda et Michael MacLagan, Les Dynasties d’Europe, Bordas, 1995 (ISBN 2-04-027115-5)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Imperatrice consorte del Sacro Romano Impero
(formalmente Regina dei Romani)
Successore
Violante d'Aragona 1273 - 1281 Imagina von Isenburg-Limburg
Controllo di autoritàVIAF (EN45212133 · CERL cnp00576357 · GND (DE123579783 · WorldCat Identities (ENviaf-45212133