Georgi Mladenov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Georgi Mladenov
Nazionalità Bulgaria Bulgaria
Altezza 192 cm
Peso 97 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex guardia)
Ritirato 2003 - giocatore
Carriera
Squadre di club
1978-1991Levski Sofia
1991-1992600px Verde e Arancione.svg Stade Nabeulien
1992-1994Levski Sofia
1994-1996Spartak Pleven
1996-1997Bianco e Nero.svg Slavia Sofia
1998-2003Levski Sofia
2003Bianco e Nero (Bordato).svg Spartak MVR Sofia
Nazionale
1984-1996Bulgaria Bulgaria
Carriera da allenatore
2003-2005Bianco e Nero (Bordato).svg Spartak MVR Sofia
2006-2009Balkan Botevgrad
2008-2009Bulgaria Bulgaria U-18
2009Akademik Sofia
2009-2010Bulgaria Bulgaria U-20
2010 Bisection vertical White HEX-FF0000.svg AS Salé
2010-2011Beroe
2011-2013Beroe
2012-2013Bulgaria Bulgaria U-18
2014Bulgaria Bulgaria
2015-2016Crabs Rimini
2016-2017Traiskirchen Lions
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 giugno 2017

Georgi Mladenov, in bulgaro: Георги Младенов? (Sofia, 11 maggio 1962), è un ex cestista e allenatore di pallacanestro bulgaro.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera da giocatore si è svolta in Bulgaria, ad eccezione di una parentesi in Tunisia nel 1991-92 e un'altra in Arabia Saudita nel 1997.

Nel 1993 ha realizzato 150 punti in una singola partita, ma l'incontro è stato poi annullato a posteriori dalla Federazione bulgara. I giocatori della squadra avversaria, lo Yambol, avevano rinunciato a difendere su di lui per protestare contro presunti sputi rivolti al loro allenatore da parte dello stesso Mladenov nel corso della gara precedente[1].

È stato il migliore marcatore dell'edizione 1993-94 di Eurocup con 30,3 punti di media[2] e un high di 54 punti contro l'Aris Salonicco[3].

La sua carriera è terminata all'età di 41 anni nel 2003 quando, dopo una partita tra il suo Spartak MVR e la sua ex squadra Levski Sofia, è stato accoltellato a una gamba dal massaggiatore del Levski durante una colluttazione negli spogliatoi a luci spente[4][5].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Al momento del grave incidente del 2003, Mladenov stava ricoprendo anche il ruolo di allenatore oltre a quello di giocatore. Ha poi continuato ad allenare in Bulgaria, con una parentesi in Marocco nel 2010.

Dopo essere stato allenatore delle Nazionali Under-18 e Under-20, nell'aprile 2014 ha assunto la guida della Nazionale maggiore bulgara. Oltre a questo incarico, nel gennaio 2015 è approdato in Italia per sedere sulla panchina del Basket Rimini Crabs nella Serie B italiana. Chiude il campionato con una salvezza. Nel corso della stagione seguente, il 3 gennaio 2016, all'indomani della sesta sconfitta consecutiva, viene comunicato il suo esonero dalla panchina riminese[6].

Nell'agosto 2016 viene nominato capo allenatore degli austriaci Arkadia Traiskirchen Lions[7] di Luciano Capicchioni, agente di basket nonché già suo presidente durante la parentesi di Mladenov ai Crabs Rimini.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Levski: 1979, 1981, 1982, 1986, 1993, 1994, 2000, 2001
Pleven: 1995, 1996
Slavia: 1997
Levski: 1979, 1982, 1983, 1993, 2001
Pleven: 1995
Slavia: 1997
Stade Nabeulien: 1992

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Academic: 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]