Georgi Mladenov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Georgi Mladenov
Nome Georgi Mladenov
Георги Младенов
Nazionalità Bulgaria Bulgaria
Altezza 191 cm
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex guardia)
Ritirato 2003 - giocatore
Carriera
Squadre di club
1978-1991Levski Sofia
1991-1992Verde e Arancione.png Stade Nabeulien
1992-1994Levski Sofia
1994-1996Spartak Pleven
1996-1997Bianco e Nero.svg Slavia Sofia
1998-2003Levski Sofia
2003600px Bianco e Nero (Bordato).png Spartak MVR Sofia
Nazionale
1984-1996Bulgaria Bulgaria
Carriera da allenatore
2003-2005600px Bianco e Nero (Bordato).png Spartak MVR Sofia
2006-2009Balkan Botevgrad
2008-2009Bulgaria Bulgaria U-18
2009Akademik Sofia
2009-2010Bulgaria Bulgaria U-20
2010 Bisection vertical White HEX-FF0000.svg AS Salé
2010-2011Beroe
2011-2013Beroe
2012-2013Bulgaria Bulgaria U-18
2014Bulgaria Bulgaria
2015-2016Crabs Rimini
2016-2017Traiskirchen Lions
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 31 agosto 2016

Georgi Mladenov, in bulgaro: Георги Младенов? (Sofia, 11 maggio 1962), è un ex cestista e allenatore di pallacanestro bulgaro.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

La sua carriera da giocatore si è svolta in Bulgaria, ad eccezione di una parentesi in Tunisia nel 1991-92 e un'altra in Arabia Saudita nel 1997.

Nel 1993 ha realizzato 150 punti in una singola partita, ma l'incontro è stato poi annullato a posteriori dalla Federazione bulgara. I giocatori della squadra avversaria, lo Yambol, avevano rinunciato a difendere su di lui per protestare contro presunti sputi rivolti al loro allenatore da parte dello stesso Mladenov nel corso della gara precedente[1].

È stato il migliore marcatore dell'edizione 1993-1994 di Eurocup (competizione rinominata Coppa Saporta negli anni a seguire) con 30,3 punti di media[2] e un high di 54 punti contro l'Aris Salonicco[3].

La sua carriera è terminata all'età di 41 anni nel 2003 quando, dopo una partita tra il suo Spartak MVR e la sua ex squadra Levski Sofia, è stato accoltellato a una gamba dal massaggiatore del Levski durante una colluttazione negli spogliatoi a luci spente[4][5].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Al momento del grave incidente del 2003, Mladenov stava ricoprendo anche il ruolo di allenatore oltre a quello di giocatore. Ha poi continuato ad allenare in Bulgaria, con una parentesi in Marocco nel 2010.

Dopo essere stato allenatore delle Nazionali Under-18 e Under-20, nell'aprile 2014 ha assunto la guida della Nazionale maggiore bulgara. Oltre a questo incarico, nel gennaio 2015 è approdato in Italia per sedere sulla panchina del Basket Rimini Crabs nella Serie B italiana. Chiude il campionato con una salvezza. Nel corso della stagione seguente, il 3 gennaio 2016, all'indomani della sesta sconfitta consecutiva, viene comunicato il suo esonero dalla panchina riminese[6].

Nell'agosto 2016 viene nominato capo allenatore degli austriaci Arkadia Traiskirchen Lions[7] di Luciano Capicchioni, agente di basket nonché già suo presidente durante la parentesi di Mladenov ai Crabs Rimini.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Levski: 1979, 1981, 1982, 1986, 1993, 1994, 2000, 2001
Pleven: 1995, 1996
Slavia: 1997
Levski: 1979, 1982, 1983, 1993, 2001
Pleven: 1995
Slavia: 1997
Stade Nabeulien: 1992

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Academic: 2010

Note[modifica | modifica wikitesto]